Visualizzazione post con etichetta Paranormale. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Paranormale. Mostra tutti i post

lunedì 2 febbraio 2015

I poteri paranormali

Sono molte le tecniche magiche usate per dominare il tempo e il destino; esistono molteplici poteri che riescono a determinare effetti fisici, per lo più inspiegabili.
Conoscere lo straordinario vantaggio della magia significa poter aprire in qualche modo le porte della distanza.
La supremazia della mente sulla materia è la capacità di far muovere gli oggetti senza toccarli. Questo avviene concentrandosi intensamente, volendo fortemente che si muovano. I ricercatori chiamano questo fenomeno PK, che significa psicocinesi. Poiché la PK è legata a molti aspetti di ESP (percezione extrasensoriale), PK e ESP sono conosciute con il nome di PSI.
La PK può assumere molte forme. Alcuni medium la manifestano durante le sedute spiritiche, affermando che si tratta di spiriti che agiscono attraverso di loro. In alcune occasioni i tavoli si muovono da soli, gli strumenti musicali suonano senza essere toccati, e gli oggetti volano per la stanza. Si pensa che la PK sia all'origine dell'attività dei Poltergeist.
Chi possiede la facoltà PK?

Non esistono tipi speciali che possiedono la facoltà PK, Un fattore pare essere importante, che il primo manifestarsi di questi poteri PK coincide spesso con un forte choc , come se la circostanza rivelasse i suoi poteri paranormali. Una donna che cercava di sviluppare poteri PK non riuscì fino al giorno in cui ricevette una telefonata che la informava della morte di un parente. Dopo di che, quando cercò di raccogliere una bottiglia di plastica, quella balzò lontano da lei come se fosse stata dotata di vita propria.
Ricerche sul paranormale sono condotte dai parapsicologi. La parapsicologia iniziò a utilizzare un approccio sperimentale già negli anni '30 con Joseph Rhine . Tra gli anni '50 e gli anni 70 nacquero diversi centri di ricerca anche in seno alle università. Dagli anni settanta in poi la considerazione per le ricerche sul paranormale è andata via via scemando. Le ricerche furono considerate inconcludenti e i parapsicologi si trovarono di fronte la forte opposizione dei loro colleghi accademici . Alcuni effetti che sembravano essere paranormali, ad esempio l'effetto Kirlian, scomparvero quando furono testati sotto stretti controllo. Molti laboratori di ricerca statunitensi furono chiusi. Dopo ventotto anni di ricerche il Princeton Engineering Anomalies Research Laboratory ha chiuso i propri laboratori nel 2000
Nella parapsicologia, la levitazione rappresenterebbe una forma di psicocinesi. Questo presunto fenomeno accompagnerebbe spesso casi di medianità, quali la trance sciamanica, le infestazioni di fantasmi, il rapimento mistico, la stregoneria e la possessione. Nella cultura cristiana, la levitazione può rappresentare un miracolo divino. Secondo le culture orientali è possibile fluttuare in aria attraverso una intensa concentrazione. La levitazione di oggetti viene anche imputata ai poltergeist.

In ogni caso, i summenzionati esperimenti di levitazione compiuti dai fisici non darebbero giustificazione di questi effetti paranormali, poiché i campi magnetici utilizzati, nell'ordine delle decine di migliaia di Tesla, non possono essere prodotti sul nostro pianeta da fenomeni naturali.
lLa telepatia
Il termine deriva dal greco: tele=lontano e patia=sentire.
La telepatia è una comunicazione che avviene oltre i sensi fisici,cioè tra una mente e l'altra. E' una facoltà che alcune persone riescono a sviluppare maggiormente di altre,anche se siamo tutti in grado di inviare messaggi telepatici. Lunghi studi hanno dimostrato che chiunque pensi intensamente ad una persona per circa 20 giorni consecutivi, trasmetterà a quest'ultima i propri pensieri: molto probabilmente verrà chiamata o la incontrerà.

Spesso si assiste a casi di telepatia tra soggetti la cui vicinanza o legame affettivo è particolarmente forte, ad esempio tra madre e figlio o tra gemelli. Lo studio della telepatia - come lo studio dei fenomeni paranormali - si è basato su un metodo di tipo quantitativo volto a determinare quante volte e con quali caratteristiche si manifesta il fenomeno.

Tra le ragioni scientifiche trovate per spiegare tale fenomeno, le teorie più interessanti affermano un particolare legame tra la manifestazione telepatica e le onde trasmesse attraverso il magnetismo animale (vedi: F. A. Mesmer). Tale comunicazione, secondo alcuni studiosi, si potrebbe innescare non solo tra essere umani, ma anche tra animali e vegetali.
E per dimostrare che è possibile intervenire esternamente nell’altrui coscienza il biologo ceco Lilan Ryzl, che come parapsicologo ha lavorato a lungo negli Stati Uniti ha trattato con l’ipnosi diversi soggetti, cercando di potenziare le loro facoltà Psi. "Erano persone assolutamente comuni - ha affermato - e sono state in grado di riconoscere paranormalmente oggetti nascosti o carte Zener. Riuscivano a vedere da lontano scene che si svolgevano in luoghi distanti e le descrivevano senza muoversi dal mio laboratorio". Simili esperimenti vennero effettuati anche dal professor Stanley Kripper, il quale poneva dei soggetti in una stanza isolata e collegava il loro cervello a degli elettrodi. "E così - ha dichiarato - ho scoperto che, nello stato alfa telepatico, i movimenti degli occhi diventano più rapidi. Questo momento del sonno è noto in medicina come fase di REM . In tale stato ho notato che il cervello sviluppa delle correnti di 10-12 hertz. Il dormiente sogna e, se svegliato, ricorda chiaramente il sogno. Ed è qui che noi interveniamo, chiedendo ad un sensitivo sveglio di indurre delle immagini al dormiente. Vogliamo dimostrare che è possibile influenzare telepaticamente i sogni. Non dimentichiamoci che, nelle fasi di rilassamento il nostro cervello è maggiormente disposto alla ricezione".

Anche voi sete telepatici?

•Ponetevi in una stanza e pregate un amico che fungerà da ricevente di recarsi in un’altra stanza e di mettersi comodo e rilassato su di una poltrona o su una sedia. Procuratevi un certo numero di sostanze dall’odore e dal sapore intensi, quali chiodi di garofano, noce moscata, pepe, zucchero o altro... Odorateli o assaporateli in un determinato ordine cercando di trasmettere al ricevente le sensazioni di gusto e di odorato che state sperimentando. Il ricevente dovrà annotare su un foglio gli eventuali stimoli sensoriali che riuscirà a percepire. Mano a mano, se l’esperimento riesce, aumentate la distanza tra voi e il ricevente.


Stessa procedura dell’esperimento precedente

•Questa volta però cercate di trasmettere sensazioni tattili. Datevi, a intervalli regolari, dei piccoli pizzicotti (senza esagerare!) in parti precise del corpo, cercando di trasmettere la sensazione di dolore che provate. Il ricevente dovrà annotare sul suo foglio e nella giusta sequenza in quali parti del corpo avete provato dolore. L’esperimento può essere condotto anche con un piccolo ago con il quale potrete punzecchiarvi leggermente. Più centri farà il ricevente più alta la possibilità che sia intervenuto un fattore Psi.

•Preparate dieci bigliettini di dimensione e colore uguali. Su cinque scriverete la scritta "Sì" e su cinque la scritta "No". Riponete in un contenitore i bigliettini piegati più volte e preparate due fogli su cui dovrete annotare i risultati dell’esperimento. Il mittente e il ricevente dovranno porsi nella stessa stanza ad almeno un paio di metri di distanza e dovrà essere stabilita una cadenza all’esperimento (l’ideale sarebbe una prova al minuto). A questo punto il mittente estrarrà un bigliettino osserverà il suo contenuto e cercherà di inviare la parola riprodotta al ricevente per via mentale, annotandola poi sul suo foglio nell’esatto ordine di estrazione. Il ricevente a sua volta annoterà sul suo foglio la parola che ritiene sia stata inviata dal mittente. Il tutto andrà avanti fino ad esaurimento dei bigliettini. Dopodiché si riporranno nuovamente i biglietti nel contenitore e, dopo averli mescolati si ripeterà l’esperimento fino a raggiungere almeno le 100 prove. Finita la serie di prove verranno controllati i risultati. Bisogna tenere conto che il calcolo probabilistico in questo caso consente una possibilità di successo di 50 a 100 (poiché la scelta tra Sì e No comporta una probabilità su due). La differenza tra il risultato ottenuto e il risultato probabile (in questocaso 50) dà uno scarto che sarà tanto più significativo e indice di un fattore Psi, quanto il suo valore sarà più grande. L’esperimento può poi essere condotto ponendo i due soggetti in due stanze diverse per evitare che si influenzino anche senza volerlo. In questo caso bisogna stabilire una cadenza precisa, magari un’estrazione ogni due minuti, basandosi su due orologi ben sincronizzati tra loro.

sabato 30 agosto 2014

Viaggio astrale

 6 Tecniche per uscire dal proprio corpo e rientrarvi con lo sdoppiamento evolutivo
Scarica il pdf QUI

il viaggio astrale tecniche dell'onda azzurra

Tecnica dell'onda azzurra
Tecnica Onda Azzurra
Una delle tecniche più semplici ed efficaci e' quella di immaginare un'onda azzurra che ci pervade a macchia d'olio dai piedi alla testa. Ma andiamo con ordine, prima di tutto bisogna scegliere il luogo adatto, in genere la propria stanza da letto, considerata per la maggiore il luogo più tranquillo della casa poi accertarsi di non essere disturbati durante l'esercizio; un minimo rumore o preoccupazione, specie le prime volte può mandare a monte tutto il lavoro svolto sino a quel momento. Una volta scelto il luogo e prese le precauzioni accurate bisogna attenuare la luce dell'ambiente, possibilmente oscurare del tutto la stanza, per chi e' infastidito dal buio non c'e' problema i risultati ci saranno comunque forse con un po' di pazienza in piu' rispetto al buio completo. Sdraiarsi quindi sul letto se il luogo prescelto fosse la propria camera, o su un tappeto o altro di simile nel caso di altre stanze, la posizione deve essere supina, cioè completamente distesi a pancia in su con le braccia e le gambe leggermente divaricate; accertarsi di essere ben comodi e di avere la colonna vertebrale completamente diritta, evitare cuscini troppo alti. A questo punto comincia la tecnica vera e propria: chiudere gli occhi e cercare di svuotare la mente dai pensieri, se non ci riuscite perché qualche pensiero prepotentemente vi distrae, non preoccupatevi, lasciatelo scorrere, e passate oltre, lui svanirà nel nulla, sfumandosi nel vuoto che state creando........ Cominciate a respirare senza fretta, inspirare, trattenere ed espirare, dapprima normalmente, poi sempre più ampiamente e facendo una breve pausa tra una fase e l'altra sino ad arrivare al livello di vostro agio visualizzare il vostro corpo sdraiato, immaginatelo il più completo possibile, adesso soffermate lo sguardo sul vostro piede destro, entrate nei particolari, sulle dita e poi sul pollice e sull'unghia.... da qui inizierete a notare una macchia (un punto, una linea, un alone) di colore azzurro che comincia ad espandersi sia al di fuori del dito che al di dentro, trapassando i peli la pelle le ossa i tessuti sanguigni; seguitela visivamente mentre pervade il dito pollice passando poi alle altre dita, una ad una, poi al piede e su per la caviglia, il tutto molto lentamente e continuando a respirare profondamente.... Il blu continua a salire e a penetrarvi, passando alla coscia e arrivando al linguine. Ora fate lo stesso procedimento per la gamba sinistra mantenendo sempre viva l'immagine della gamba destra ormai tutta blu, sino a congiungere le due parti nel bacino inferiore.... Notare che man mano che l' onda blu tocca le parti del corpo che visualizzate esse si rilassano dolcemente. Procedete con la visualizzazione del blu che sale dal bacino verso il torace, inglobando stomaco ombellico, costole, reni, vene, pelle e così via salendo su sino al collo, da qui passate al braccio destro, come per le gambe partire dal dito per espandersi alla mano, al polso, all'avambraccio, al braccio, alla spalla per congiungersi al collo, questo anche per il braccio sinistro. Ogni parte man mano si rilassa, tenete sempre in mente che il vostro corpo adesso e' blu nelle parti coperte dall'onda.... Dal collo passate al mento alla bocca, alle gengive ai denti, alla nuca, al cervello ai capelli, su sino a completare nella parte più alta della testa..... Adesso ammirate il vostro corpo che e' diventato blu, lasciate andare il respiro, lasciatelo fluire liberamente, man mano si attenuerà da solo, non fateci più caso, rimanete vuoti contemplando il vostro senso di rilassamento; quando vi sentirete pronti cominciate ad immaginare che le parti del corpo si distaccano lievemente, da quelle reali, cioè immaginate un doppio del vostro corpo che prende forma dal distaccamento di quello vero, tipo un lieve alone col profilo del vostro corpo nella parte anteriore, lasciatevi andare, non pensate, non esiste più nulla non esiste il respiro, non esistono le forme, non esistono stimoli.... tutto e' immobile, in una stasi perpetua... quell'alone appena distinto dal corpo siete voi, leggeri e soffici che lentamente vi sollevate verso il soffitto, impercettibilmente voi siete svegli e galleggiate sopra il vostro corpo..... Adesso provate a guardarvi attorno, la luce vi pervade, la trasparenza del vostro corpo azzurro e' sorprendente, provate a guardarvi le mani, provate a muovervi, basta pensare di muoversi e ciò avviene... Se e' la prima volta che vi siete sdoppiati non restate fuori a lungo, il vostro corpo fisico non e' ancora abituato ad avervi fuori coscientemente e potrebbe stancarsi troppo, quindi rientrate, basta pensarlo, o addirittura non ne avrete neanche il tempo, vi ritroverete a contatto con il corpo senza neanche accorgervene... le prime volte e' molto difficile rimanere fuori, l'attrazione del corpo e' molto forte!! Per destarsi dalla fase di torpore cominciate a riprendere il respiro, dolcemente, per aumentarne il ritmo lentamente, immaginate nel frattempo un vento rosso, caldo che dalla vostra testa soffia verso i piedi, sfumando l'azzurro che man mano scompare, appena vi sentirete pronti cominciate a muovere le dita dei piedi, poi delle mani, poi i piedi, le mani e così via, sino a prendere piena coscienza del vostro corpo, infine stiracchiatevi come fareste la mattina così da riattivare nel modo migliore le funzioni del corpo.

venerdì 29 agosto 2014

COSA SONO I VIAGGI ASTRALI

COSA SONO I VIAGGI ASTRALI

Le cosiddette esperienze extracorporee, conosciute anche come viaggi astrali o OBE (Out of Body Experience), si possono considerare eventi straordinari grazie ai quali un individuo si percepisce consapevolmente fuori dal proprio corpo fisico. La coscienza, sostanza in cui risiede la consapevolezza, si separa quindi dal corpo per viaggiare liberamente nella dimensione astrale composta a sua volta da più livelli. Tale fenomeno non è ristretto a pochi eletti ma avviene naturalmente nel sonno di ogni essere umano, anche se in modo spesso inconsapevole e confuso a causa dell'interpretazione che ne viene data al risveglio; tuttavia sono state individuate, grazie alle esperienze raccolte in diversi studi, alcune situazioni standard che potrebbero attivarne una "variante lucida" come: uno stress fisico o emotivo molto forte, un particolare stato di trance indotto da tecniche di rilassamento profondo, l'utilizzo di potenti sostanze psicotrope come l'ayahuasca, la percezione di particolari stimoli durante la fase REM.

Anche se oggettivamente risulta complesso spiegarle in modo univoco a causa delle diverse sfumature con cui vengono percepite, le OBE, sono state oggetto di molte analisi. Pur non avendo carattere esaustivo, alcune scoperte sono state così sensazionali da destare un notevole interesse tra gli addetti ai lavori. Dagli studi effettuati (Blackmore, 1982) si riscontra che almeno il 5% delle persone abbia avuto un esperienza consapevole fuori dal corpo, ma è con molta probabilità un dato sottostimato. Per considerare le OBE un fenomeno reale a tutti gli effetti non è essenziale conservarne un'ampia letteratura scientifica; le OBE avvengono per sopperire a particolari necessità personali e sono un fatto ormai assodato e testimoniato da migliaia di persone di tutte le estrazioni, di tutte le età, in tutte le epoche. Sono fenomeni con origini talmente antiche da essere documentati e riconosciuti da tutte le tradizioni che hanno conservato la storia autentica dei propri antenati.


VIAGGI ASTRALI E SOGNI LUCIDI
I sogni lucidi, sogni in cui la consapevolezza prende il controllo del sogno, sono un fenomeno altrettanto reale e conosciuto da moltissime culture. Ne hanno parlato personalità come Ippocrate, Aristotele e Galeno ma il nome più noto è certamente quello del grande esponente della letteratura sciamanica, Carlos Castaneda, che, osservando gli insegnamenti di Don Juan, prima di addormentarsi, era solito mantenere l'intenzione di guardarsi le mani in sogno per acquisire lucidità nell'esperienza onirica. Eventi come i sogni lucidi o le OBE non possono avere cause patologiche anche perchè non procurano alcun effetto nocivo e il numero di persone palesemente sane e integrate che nel tempo ne hanno riferito l'esperienza è incredibilmente vasto. Anche se gli studi sui sogni lucidi e sulle esperienze extracorporee (LaBerge, 1988; Bleckmore, 1983, 1984; Glicksohn, 1989; Irwin, 1988) ne hanno evidenziato alcune similitudini e relazioni, queste ultime non possono essere accomunate a un sogno.




Mentre nei sogni lucidi, le immagini percepite dall'onironauta vengono create dall'mmaginazione che, anche in assenza di stimoli sensoriali, può riprodurre uno specifico ambiente e mutarlo a piacimento, nelle proiezioni astrali questo condizionamento non esisterebbe e si sarebbe pertanto liberi di osservare un "modello astrale" del mondo reale, per certi versi identico, ma percepibile in modo differente e insolitamente completo. Per familiarizzare con i "poteri astrali" è necessaria esperienza. Una volta raggiunta una certa attitudine alla lucidità onirica, dal sogno lucido è comunque possibile giungere al viaggio astrale e viceversa poichè tra i due fenomeni il passo è breve. L'induzione dei sogni lucidi può avvenire artificialmente con specifici strumenti come il Novadreamer progettato da LaBerge.


COME RICONOSCRE UN VIAGGIO ASTRALE


Benchè non sia una regola, un elemento comune che ci permette di riconoscere l'autenticità di un esperienza fuori dal corpo è la visione del luogo in cui avviene la separazione; generalmente dove è avvenuto il rilassamento o una particolare vicenda traumatica. Infatti, è tipico di chi è già esperto di viaggi astrali o ha subito traumi di una certa rilevanza, vedere il proprio corpo fisico giacere "spento" disteso nel letto, sul luogo di incidenti o in sala operatoria. La percentuale di casi positivi può scendere nei soggetti trattati con farmaci o sedativi (Green, 1983; Poynton, 1975; Blackmore, 1983). Non è raro trovare testimonianze che raccontano di essersi percepiti in astrale successivamente ad alcuni segnali avvertitivi come paralisi notturne (Salley, 1982; Irwin, 1988; Muldoon & Carrington, 1974; Fox, 1962), sussurri, schiocchi, ronzii o vibrazioni diffuse in tutto il corpo (Gabbard & Twelmow, 1984).

Altri ancora affermano di essersi improvvisamente ritrovati in ambienti dalla struttura a sconosciuta o in paesaggi celestiali, così come di riuscire a spostarsi nel tempo o di aver incontrato persone defunte e guide spirituali. Il tutto accompagnato da una consapevolezza estrema e da sensazioni incredibilmente vivide anche dopo il risveglio. Gli scenari che si possono incontrare in una OBE sono soggettivi e dipendono in buona misura dalla qualità dei pensieri della persona che la sperimenta, nonchè dal tipo di energia che la caratterizza. Di norma, pur essendoci l'eventualità che la nostra tendenza a razionalizzare e a interpretare gli eventi porti a dimenticare o a stravolgere tutto ciò che non rientra nella cosiddetta normalità soggettiva, quando si vive un simile distacco della coscienza, le sensazioni associate a questa singolare circostanza permangono per molto tempo. Risvegliarsi da una OBE è come passare da uno stato di veglia ad un altro stato di veglia, può sembrare paradossale ma in sostanza è ciò che avviene.

VIAGGI ASTRALI E MORTE

Quando il corpo fisico cessa di vivere, l'anima si separa da esso e resta nel mondo astrale per un periodo funzionale al grado di spiritualità raggiunto, generalmente in un "luogo" adatto a ripulirsi dalle "tossine" che ha assorbito nell'ultima vita materiale. Una volta avvenuta la purificazione, il corpo astrale, che funge da veicolo per l'anima come il corpo fisico funge da veicolo per il corpo astrale, si dissolve e l'essenza vitale si trasferisce in dimensioni più consone alla sua esistenza. Questi passaggi ricordano proprio le più tradizionali rappresentazioni dell'Inferno (mondo materiale, duale, conoscenza attraverso l'sperienza del contrasto), del Purgatorio (mondo astrale, attesa, pulizia dagli attaccamenti terreni) e del Paradiso (dimensione dell'anima, beatitudine, nessuna esperienza fino all'incarnazione successiva).


Una OBE è assimilabile quindi ad uno stato di morte temporanea dove la coscienza viene espulsa dal corpo per immergersi nella dimensione astrale, libera di vagare in relazione al proprio livello di consapevolezza e con l'ausilio di "sensi" molto più raffinati di quelli fisici. Non a caso una OBE viene chiamata in gergo anche "piccola morte". Una vera e propia esperienza di pre-morte (NDE), invece, non ha solo scopi esplorativi e accade assai più raramente. La si può considerare un viaggio astrale in piena regola dove però si sfiora la possibilità di accedere direttamente ai regni superiori dell'anima, senza intermezzi. Vivere una simile esperienza ha voluto dire per molte persone riconsiderare i concetti stereotipati di "morte" e di "aldilà" che gli erano stati impartiti fin dall'infanzia.

Chi vive una OBE spesso conserva la sensazione di possedere un corpo. Analogamente ai sogni lucidi, anche in un esperienza extracorporea il soggetto non percepisce se stesso attraverso i sensi ma più che altro grazie al ricordo di sé, poichè la pura coscienza non possiede una forma vera e propria. Un po' come potrebbe accadere ad un fantasma, anch'esso presente come residuo di un corpo fisico in qualche substrato della dimensione astrale, ma in essa intrappolato fino alla dissoluzione.

Chi ha sperimentato l'uscita dal corpo fisico racconta spesso di aver visto o percepito un cordone, detto "cordone d'argento", che lega il corpo alla coscienza separata. Tale collegamento consente il passaggio di energia tra il corpo fisico e quello astrale per tutta la durata del suo viaggio, breve o lungo che sia, e ne garantisce il rientro in situazioni di emergenza o di scarso apporto energetico. La sua flessibilità è pressochè infinita e non vi è pericolo che si possa recidere durante un'esperienza extracorporea. Non è sempre possibile vederlo ma rappresenta l'unico elemento che consente il ripristino dell'integrità in caso di "incontri indesiderati" (alcune presenze tipiche della dimensione astrale potrebbero turbare l'osservatore) o comunque ogni qual volta si renda nuovamente necessaria. Dopo la morte pare che il cordone si dissolva liberando la coscienza da ogni vincolo. Essa troverà la "situazione astrale" che le compete per affinità vibrazionale.

VIAGGI ASTRALI, REMOTE VIEWING E INTELLIGENCE
Governi occulti, servizi segreti e apparati militari, sinergicamente uniti e da sempre in accordo sull'utilizzo di nuove tecnologie in grado di assicurare loro il controllo, non sono mai rimasti indifferenti alle potenzialità del potere psichico. La ricerca metafisica è stata più volte oggetto di programmi finalizzati all'attuazione di tattiche militari non convenzionali. Tra questi, il progetto Stargate della CIA, iniziato negli anni '70 e chiuso ufficialmente nel 1995, è senz'altro il più attinente alla materia dei viaggi astrali. Anche conosciuto con nomi in codice quali Gondola Wish, Scannate, Sun Streak, Grill Flame e Center Lane, aveva l'obiettivo di sfruttare abilità come la chiaroveggenza e la proiezione astrale per operazioni di spionaggio e ritrovamenti impossibili. L'approccio del progetto fu di natura scientifica ma si riuscirono a produrre risultati soddisfacenti solamente nel 20% dei casi. Un esito non proprio incoraggiante visti gli stanziamenti milionari richiesti dalle forze militari statunitensi per questo tipo di sperimentazioni. Pare comunque che, da parte delle maggiori potenze, l'interesse e la fiducia nei confronti delle applicazioni metafisiche non abbia mai realmente vacillato. Nel novero dei paesi che hanno adottato programmi simili e che potrebbero utilizzare ancora oggi la visione a distanza ci sono, oltre agli Stati Uniti, la Russia, la Cina e probabilmente la Francia.
Con il termine "Remote Viewing" (visione a distanza), al tempo coniato da Ingo Swann, si intende il processo mediante il quale un osservatore percepisce informazioni nascoste o in località distanti, servendosi di qualcosa che esula dai cinque sensi canonici. Tuttavia, esiste ancora un'errata sovrapposizione nell'uso generale dei termini "esperienza extracorporea" e "visione a distanza". Chi ha sperimentato entrambe le modalità è probabilmente giunto alle stesse informazioni ma da differenti stati di coscienza. Nella prima, l'osservatore si proietta nella versione astrale del luogo da investigare e si percepisce come se fosse presente in qualche forma consapevole, nella seconda, l'osservatore è in grado di ottenere dettagli sullo stesso luogo grazie alla chiaroveggenza, ma restando consciamente "ancorato" al sito in cui si svolge l'esperimento. Il generale Joseph McMoneagle fu uno dei maggiori esponenti del progetto Stargate ed estese le potenzialità della visione a distanza al passato e al futuro. Si associò agli studi sulle OBE del Monroe Institute, centro di rierche parapsicologiche del noto inventore del sistema Hemi-Sync, Robert Allan Monroe.
- See more at: http://noiegliextraterrestri.blogspot.it/2010/11/espandere-la-soscienza-con-i-viaggi.html#sthash.flY1zWOY.dpuf

venerdì 22 agosto 2014

I metodi psicometrici

"Un telescopio nel passato"
Nel freddo inverno del 1921 i membri dell'Istituto di Metapsichica di Parigi si incontrarono per mettere alla prova una veggente. Qualcuno aveva recapitato una lettera, che, passando di mano in mano fra i presenti avrebbe dovuto finire in quelle della medium che avrebbe dovuto segnalarne i contenuti. Quando uno dei membri, lo scrittore Pascal Forthunny aveva stretto la busta nelle mani aveva esclamato: «Difficile inventare qualcosa che non riguardi in alcun modo nessuno di noi». Dopo di che, chiusi gli occhi, aveva detto: «Ah, si; vedo un crimine, un assassinio...».

Alla fine del giro, l'uomo che aveva recapitato la missiva aveva dichiarato: «Signori, si tratta di una lettera scritta da Henry Landru». Questi era un "Barbablù", al momento in galera con l'accusa di aver eliminato la bellezza di undici donne. Lo scettico Forthunny si era inavvertitamente scoperto dotato di un'abilità psichica che gli studiosi chiamano psicometria, vale a dire la capacità di ricostruire la "storia" di un oggetto semplicemente tenendolo in mano. Secondo lo studioso che inventò questo neologismo - un medico americano che si chiamava Joseph Rodes Buchanan - si tratta di una dote che possediamo tutti, solo che la maggior parte di noi non si rende conto di averla a disposizione. Buchanan - professore di medicina nel Kentucky - incominciò a sospettarne l'esistenza sin dal 1841. In quell'anno aveva conosciuto un prelato di nome Leonidas Polk, il quale gli aveva confessato di essere in grado di riconoscere l'ottone al tatto - anche nel buio più assoluto - dal momento che in bocca gli saliva un gusto particolare. Buchanan, che già si interessava di frenologia - quella scienza che pretende di determinare il carattere di una persona valutando l'aspetto del viso e la conformazione del cranio - era rimasto fortemente attratto da Polk e si era ripromesso di approfondirne la conoscenza e lo studio, ritenendolo un soggetto "frenologico" molto interessante. Poi aveva pensato di sperimentare con i propri allievi. Impacchettati alcuni campioni di metalli diversi in carta spessa, li aveva sottoposti alla valutazione dei ragazzi, scoprendo con piena soddisfazione che molti non faticavano affatto a riconoscere ottone, ferro, piombo e così via, semplicemente applicando le mani sui pacchi contenenti i metalli. Lo stesso accadeva con sostanze come sale, zucchero, pepe, aceto. Secondo Buchanan la risposta andava cercata nella presenza nei polpastrelli delle mani di una «aura di nervi» che consentiva di distinguere i diversi tipi di metalli, allo stesso modo in cui ciò avviene appoggiandoci sopra la punta della lingua. L'idea, inoltre, sembrava confermata dall'osservazione che quando il soggetto operava con le mani sudate la sua capacità sensitiva ne traeva vantaggio, in base al principio che, una pelle sudata conduce e trasmette assai meglio che non una secca. Ma l'ipotesi aveva cominciato a concretizzare quando uno dei suoi allievi più dotati - un certo Charles Inman - riusciva non solo a decifrare ciò che stava scritto in una lettera sigillata, ma persino a tratteggiare il carattere del mittente. Per Buchanan la cosa era possibile sempre grazie all'aura nervosa che, chi aveva scritto la lettera, lasciava sulla scrittura. Inman, straordinariamente sensibile, riusciva a catturare questa impronta sottile attraverso la sua stessa aura e quindi a sintonizzarsi su ciò che sembrava inaccessibile. Per farla breve, Inman riusciva così bene perché in possesso di una sensitività fuori dal comune, un po' come succede nei cani da caccia - il cui fiuto si è sviluppato oltre la normalità. Ma ancora una volta, la teoria aveva preso a scricchiolare quando, sempre Inman, dimostrò di riuscire a ottenere le stesse performances anche con delle fotografie - i dagherrotipi, come venivano chiamate allora - accuratamente chiuse in buste sigillate. Anche davanti a questa evidenza, Buchanan aveva difeso la sua teoria: la fotografia era stata in contatto con il soggetto e con la sua aura, era sempre questa dunque che fungeva da tramite, innescando la risposta del sensitivo psicometra. Il professore dovette cedere quando scoprì che anche lo anonime immagini tratte dai giornali svolgevano la stessa funzione. Quando un geologo della Università di Boston, il professor William Denton, aveva letto gli studi originali sulla psicometria - ricordiamo che la parola significa "misura dell'anima" - condotti da Buchanan, ne era rimasto affascinato e aveva deciso di sperimentare anche lui. In casa, Denton aveva un soggetto ideale, la sorella Anne "fortemente sensibile", la quale dimostrò doti psicometriche ancora più straordinarie di quelle di Inman, ed anche la moglie dava segno di notevoli capacità. La signora non solo era capace di descrivere il mittente di una lettera, ma anche di tratteggiarne la figura fisica e l'ambiente in cui viveva. Da qui Denton aveva compiuto un primo passo avanti. Se un medium sensitivo è in grado di catturare le impressioni inglobate in una lettera, perchè non immaginare che anche una roccia possa essere impressionata da ciò che le accade tutto attorno, se solo si tiene conto che il suo processo di assorbimento potrebbe durare anni e anni? Così, a partire dal 1853, iniziò a testare sensitivi sottoponendo loro campioni geologici e archeologici, «scoprendo, con mia grande soddisfazione, che senza aver avuto alcun precedente contatto con i campioni e senza averli mai neppure veduti, alcuni soggetti erano capaci di descriverne la storia, come se questa fosse passata davanti a loro su un grande schermo, in una vista panoramica completa». Un giorno aveva dato ad Anne un pezzo di lava vulcanica proveniente dalle isole Hawai e la ragazza all'istante aveva descritto «un oceano di fuoco che usciva da un precipizio, provocando ribollimenti e schizzi giganteschi». Molto significativamente, la donna aveva anche descritto la presenza di alcune navi. Svolgendo un'attenta ricerca, Denton era venuto a sapere che proprio nel corso di quella eruzione, avvenuta nel 1840, nel mare delle Hawai era presente una flotta americana. Un frammento d'osso inglobato in un pezzo di calcare aveva invece provocato l'affascinante descrizione di un animale preistorico, una spiaggia antichissima con dei dinosauri. Un coccio di ceramica indiana aveva indotto la visione di tribù di pellerossa. Una scheggia meteoritica, l'immagine dello spazio infinito, con le stelle descritte come vicine e grandissime. Un pezzo di roccia proveniente dalle cascate del Niagara aveva innescato la visione di un torrente in piena; mentre un frammento di stalattite aveva rievocato una grotta con pinnacoli di roccia. Per essere sicuro che i soggetti degli esperimenti non traessero spunti di fantasiosa ispirazione vedendo i campioni su cui si dovevano esprimere, Denton li impacchettava in modo da renderli assolutamente indecifrabili. Un'altra osservazione importante consisteva nel fatto che quando, magari a anche a distanza di mesi, presentava all'osservazione un campione già testato, la risposta era sempre la stessa, vale a dire coincideva con quella già data tempo prima, anche se a voltle la descrizione era lievemente diversa. Nel corso di uno dei tanti esperimenti, Denton aveva mostrato alla moglie il frammento di una tessera di mosaico proveniente da una villa romana appartenuta a Cicerone. La donna aveva centrato subito l'obiettivo, descrivendo la villa, ma anche file di soldati che sembravano stare agli ordini del proprietario della casa, un uomo corpulento dall'aspetto brillante, che aveva tutta l'aria di essere un comandante. A quella rivelazione Denton non aveva potuto nascondere la sua delusione, anche perché si tramanda che Cicerone fosse piccolo e minuto. L'esperimento, dunque, non era del tutto riuscito. Poi, qualche tempo dopo, mentre Denton stava scrivendo il suo libro fondamentale sulla psicometria, era venuto a sapere che la villa in questione era anche appartenuta al dittatore Silla, un personaggio che si attagliava alla perfezione alla descrizione fattane a suo tempo dalla moglie. Un'altra lettura impressionante era stata quella innescata da un pezzo di roccia vulcanica proveniente dagli scavi di Pompei. La signora Denton non aveva la minima idea di che si trattasse, e non aveva potuto neppure vedere il campione. Sin da subito però aveva avuto la netta visione di una eruzione vulcanica ed in particolare proprio di quella del Vesuvio che aveva distrutto Pompei. Anche Sherman, il figlio di Denton, aveva la stessa visione, arricchita con molti dettagli archeologici - come, per esempio, una nave con "un cigno come polena" - poi rivelatisi storicamente accettabili. Dopo tanti successi, Denton era eccitatissimo: Buchanan e lui avevano scoperto una nuova facoltà umana, una specie di "telescopio nel passato", che avrebbe potuto consentire all'uomo moderno di penetrare nel passato ricreando i grandi scenari della storia. Perché, stando alla sua teoria, tutto ciò che accade nel mondo sarebbe da sempre conservato in una specie di "cinegiornale" (ovviamente Denton non potè usare questa parola) proiettato a piacere, ogni volta che si desidera. Ma, al di là dell'innegabile certezza che la facoltà della psicometria era indubbiamente fuori discussione, Denton non si rese conto di quanto, allo stesso modo, questa facoltà potesse anche sviare e ingannare. Il suo terzo libro dedicato all'argomento, il già citato “L'anima delle cose”, edito nel 1888, contiene la descrizione di "visioni" di alcuni pianeti che sembrano, a dir poco, strampalate. Su Venere, per esempio, crescono alberi e funghi giganteschi o i animali mostruosi che neppure la fantasia di Hieronymus Bosch avrebbe potuto immaginare. Marte possiede una temperatura perennemente estiva (in realtà invece sembra che non faccia molto caldo) ed è popolato da esseri umani con quattro dita, occhi azzurri e capelli gialli. Anche su Giove vivono esseri dagli occhi azzurri e dai lunghi capelli raccolti in trecce che scendono fino ai fianchi, capaci di fluttuare leggeri nell'aria come dei palloncini. Evidentemente, Sherman, il figlio di Denton a cui si deve la maggior parte di queste descrizioni, doveva aver sviluppato quella che Jung chiama «immaginazione attiva», non riuscendo poi più a distinguere fra ciò che questa immaginazione gli suggeriva e le immagini che gli provenivano dalla autentica estrinsecazione delle sue doti psicometriche. Ciò che più di ogni altra cosa impressiona in modo favorevole il lettore moderno che si avvicina ai testi di Denton (L'anima delle cose) e Buchanan (I misteri della psicometria, forse un po' troppo ottimisticamente sottotitolato Nascita di una nuova era) sta nel loro innegabile taglio scientifico, impronta che impressionò notevolmente anche i loro contemporanei. Per loro sfortuna però, il momento storico in cui essi sperimentarono sulla psicometria coincise con quella della nascita e del massimo fulgore dello spiritismo, diffusosi come un lampo in America ed Europa. Nato ufficialmente col caso delle sorelle Fox, attorno al finire degli anni Quaranta dell'Ottocento, nel giro di un ventennio lo spiritismo aveva conquistato milioni di proseliti. La scienza si trovò completamente spiazzata, partendo al contrattacco con violente accuse di frodi e illusioni generalizzate. Per questo, tutto ciò che in quel momento aveva a che fare col "soprannaturale" era diventato oggetto di critica e scetticismo e studiosi come Buchanan e Denton, seri e motivati, non vennero mai presi in considerazione per quanto in realtà valevano. Denton morì nel 1883 e Buchanan nel 1900, ambedue completamente dimenticati e in totale anonimato. I successivi esperimenti sulla psicometria vennero condotti negli anni Ottanta del XIX secolo dal dottor Gustav Pagenstecher, un tedesco trasferitosi a Città del Messico, ritenuto un materialista convinto. Appena qualche anno dopo la fine della prima guerra mondiale, Pagenstecher stava trattando con l'ipnosi il caso di una paziente sofferente di insonnia, la signora Maria Reyes de Zieroid. Un giorno, mentre la donna era in stato di ipnosi, aveva detto a Pagenstecher che in quel preciso momento la figlia stava origliando dietro la porta. E così era. Da quel giorno il medico aveva incominciato a sottoporre Maria a test paranormali, scoprendo fra le altre cose che quando si trovava in stato ipnotico poteva condividere le sue stesse sensazioni. Così, per esempio, se lui si metteva un pizzico di sale o di zucchero sulla punta della lingua, anche Maria avvertiva lo stesso gusto, oppure se lui avvicinava la fiamma a un dito, anche Maria avvertiva la sensazione di calore e bruciore. Ad un tratto Pagenstecher aveva provato a sperimentare con la psicometria. Come accadeva ai soggetti di Denton, anche Maria descriveva l'oggetto e la sua storia semplicemente prendendolo in mano. Con una conchiglia di mare, descriveva una scena sottomarina; con un frammento di meteorite, descriveva il lungo viaggio nello spazio e la finale precipitazione attraverso l'atmosfera terrestre. («Sono terrorizzata, mio Dio!»). Il dottor Walter Franklin Prince, che aveva invitato Maria per sottoporla ad alcuni test a nome della Società americana per la ricerca psichica, le aveva consegnato un "fagiolo di mare", rinvenuto su di una spiaggia. Invece del mare, Maria aveva descritto una foresta tropicale. Ed in effetti, i botanici confermarono che il "fagiolo" altro non era che una specie di noce prodotta da un albero tropicale, trasportata al mare da qualche affluente. Un altro eminente sperimentatore in questo campo è stato il dottor Eugene Osty, direttore dell'Istituto di metapsichica di Parigi, quello stesso presso il quale Pascal Forthunny aveva riconosciuto per via psicometrica la famosa lettera a firma Landru. Nel suo ormai classico “Supernormal Faculties in Mari Osty”, descrive alcuni interessanti test di psicometria da lui condotti con alcuni sensitivi. Racconta che nel 1921 gli era stata portata una fotografia in cui si vedeva una capsula ben sigillata di vetro trasparente contenente del liquido. L'oggetto era stato rinvenuto presso il grande tempio di Baalbek. Una delle sue sensitive più potenti, la signora Moral, appena presa la fotografia tra le mani - era così sfocata che, dopo tutto, avrebbe potuto raffigurare qualsiasi cosa - aveva incominciato a dire che quell'oggetto le ricordava un posto dove c'erano dei morti e in particolare agli occhi della mente le si presentava un uomo anziano, un vecchio. Vedeva un luogo enorme, con dei templi, delle chiese; poi aveva descritto l'uomo, un sommo sacerdote. La capsula in vetro conteneva il sangue di un uomo che era stato sacrificato in una terra lontana ed era stato deposto nella tomba del vecchio sacerdote, come segno di memento. Lo stesso Osty non aveva idea di che cosa fosse rappresentato nella fotografia, ma grande era stata la sua sorpresa nel venire a sapere dall'ingegnere che aveva ritrovato la sfera di vetro, che l'oggetto aveva fatto parte del corredo funebre di una ricca tomba venuta alla luce nella valle del Bekaa. Ovviamente, un caso come questo rimette in discussione da capo tutte le ipotesi ufficiali sul mistero della psicometria. Infatti la teoria di Buchanan -secondo la quale si tratterebbe della eccitazione dell'aura nervosa capace di rendere il medium sensibile alle impressioni degli oggetti - cessa di essere plausibile nel momento in cui le informazioni psicometriche diventano accessibili anche tramite l'anonima fotografia comparsa su di un quotidiano, teoricamente del tutto priva di un'impronta personale. Anche l'idea proposta da Denton, secondo la quale un oggetto riesce in qualche modo misterioso a "fotografare" e a "registrare" tutto quello a cui assiste, sembra non reggere. Nel caso della tessera di mosaico proveniente dalla villa romana, per esempio, l'osservazione del mondo non avrebbe potuto che essere alquanto limitata e, a rigore, la visione dei legionari romani della signora Denton, da quel punto di vista avrebbe dovuto semplicemente limitarsi alle loro gambe in movimento. Forse l'ipotesi che meglio riesce a rispondere alla realtà dei fatti, ci riporta a quella facoltà psichica comunemente detta "chiaroveggenza", ossia quella particolare capacità di sapere ciò che sta accadendo in un dato luogo a una data ora, pur non essendo presenti. Però, la sensibilità di Folk di riconoscere non al tatto ma attraverso il gusto, i diversi tipi di metallo, sembra avere poco a che fare con la chiaroveggenza. Insomma, anche in questo caso, come in molte altre regioni della ricerca paranormale, tracciare una linea di discriminazione ben nitida fra un fenomeno e l'altro sembra impossibile. Alcuni eccellenti psicometri moderni quali Gerard Croiset, Peter Hurkos e Suzanne Padfield, hanno messo le loro qualità al servizio della polizia per risolvere casi difficili. Suzanne Padfield è riuscita addirittura a segnalare alla polizia sovietica le generalità dell'assassino di un bimbo senza muoversi da casa sua nel Dorset, in Inghilterra. È comunque significativo ricordare che certi medium, come per esempio Croiset, non amano essere chiamati psicometri o chiaroveggenti, ma preferiscono il termine "paragnosta", una parola che, molto più semplicemente, sta a indicare la capacità di un uomo di "conoscere" ciò che sta al di là dei limiti imposti dai sensi così come li conosciamo.

domenica 17 agosto 2014

Forme di fantasmi: L'ectoplasma

Con il termine di ectoplasma si indica un tipo di materia organica che comporrebbe molte delle apparizioni generate dall'inconscio del medium durante le sedute medianiche o, secondo gli spiritisti, dall'influenza di entità disincarnate. L'ectoplasma si presenta come una sorta di materiale biancastro, spesso viscido e gelatinoso che può fuoriuscire da qualunque parte della superficie corporea del medium, un esempio è la foto sulla destra.

Tale sostanza in genere ha per canali preferenziali le cavità naturali come la bocca, il naso o le orecchie. Tale sostanza, invisibile nel primo stadio, diventa pian piano più consistente assumendo le forme più diverse. L'ectoplasma è mobilissimo, retrattile e possiede una propria sensibilità collegata al corpo del medium.

Spesso si è potuto constatare che toccando la materializzazione in un determinato punto, il sensitivo provava un acuto dolore nella zona corrispondente.

Al termine della sua manifestazione, la sostanza può rientrare nel corpo del medium o scomparire nel nulla o, ancora, lasciare alcuni residui filamentosi o frastagliati.

Da un esame svolto in laboratorio risulta che l'ectoplasma è composto da: cellule epiteliali, globuli rossi, cristalli di acidi grassi e sali, una struttura che confermando l'origine organica, spiega anche la diminuzione di peso spesso riscontrata nei medium dopo l'avvenuta materializzazione.

La comparsa delle materializzazioni ectoplasmatiche è spesso accompagnata da nubi nebbiose che condenseranno dando "vita" alle stesse. In alcuni casi tali materializzazioni sembrano fuoriuscire dal pavimento.

Richet riferisce che durante una seduta del 1904 vide un ectoplasma sorgere dal pavimento e che "...dapprima fu solo una macchia bianca, opaca, della grandezza di un fazzoletto che poi assunse rapidamente la forma di una testa umana al livello del pavimento. poco dopo, poi, si alzò assumendo le sembianze di un uomo basso avvolto in un burnus bianco che fece pochi passi in avanti e poi affondò nel pavimento scomparendo come inghiottito da una botola. Ma non vi erano botole...".

Di alcuni ectoplasmi si sono ottenuti i cosiddetti "calchi medianici" (vedi foto sotto) riproducenti le mani o il viso o altre parti del fantasma.



Tali realizzazioni sono state possibili grazie all'utilizzo di recipienti contenenti paraffina liquida in cui si invitava i fantasmi a immergere mani o viso o altro e quindi si procedeva a farvi sopra una colata di gesso

Apparizioni ricorrenti

Le apparizioni ricorrenti sono quei fenomeni che si verificano sempre nello stesso giorno dell'anno, appartengono probabilmente alla categoria precedente (teoria delle linee di forza telluriche) ma essendo ricorrenti probabilmente alla base della loro genesi vi è una variabile che li rende unici.

Probabilmente le condizioni geomagnetiche o gli influssi astrali di vario genere (piogge neutriniche o flussi di radiazioni ionizzanti) fanno si che l'evento si concretizzi proprio in quel dato giorno.

Naturalmente tale teoria va a farsi benedire quando l'evento, se antecedente al 1582, pur continuando nella sua apparente puntualità, non tiene conto dei cambiamenti introdotti in quell'anno dal calendario Gregoriano.


La condensazione psichica
La condensazione psichica è un'altra teoria che spiega il fenomeno delle apparizioni di fantasmi ipotizzando che l'energia psichica degli individui può sopravvivere e vagare, almeno per un certo periodo, nei luoghi a cui la persona era legata quando era in vita. Accadrebbe poi che in certe occasioni questa energia potrebbe condensarsi rendendo così visibile il fantasma.

Il poltergeist dell'acqua di Jacksonville

In questa pagina, riportiamo un sunto di un articolo comparso qualche tempo fa sul Journal of Parapsychology relativo ad eventi misteriosi legati ai poltergeist.

Apparenti avvenimenti di tipo poltergeist sono stati segnalati in una residenza privata in Florida dal novembre 1996 al gennaio 1997. Oltre alla segnalazione di movimenti di oggetti e di altre manifestazioni tipiche della RSPK, viene descritta anche l'inspiegabile comparsa di acqua dalle quantità a volte copiose.

La famiglia pensava che la casa fosse "infestata". Sono state effettuate misurazioni fisiche e tecniche psicometriche per studiare i fenomeni e per tentare di capire i processi psicologici, neurofisiologici e fisici che potrebbero essere alla base di questi fenomeni.

La parte qualitativa della ricerca ha riguardato l'analisi dei locali con un magnetometro ed un termometro (non da contatto). Il posto è stato fotografato con una polaroid da 35mmm e pellicola infrarossa. Inoltre i tre membri della famiglia sono stati sottoposti a esami psicologici.

E' stato previsto che uno o più dei membri della famiglia rivelasse il profilo psicologico relativo alla propria personalità (bassa tolleranza per la frustrazione e rifiuto del senso di ostilità) così da poter scoprire l'agente del poltergeist.

Era anche stato previsto che 1 o più di 1 dei testimoni, primari avrebbe mostrato i segni di una attività temporale insolita del lobo. Sono state studiate le possibili correlazioni fra attività geomagnetiche / electromagnetiche e i presunti eventi paranormali.

Le risposte ai test psicologici proiettivi hanno indicato che uno dei testimoni presentava un profilo conforme " d'una personalità da poltergeist ".

Bender, Owen, Palmer, Rogo, e Roll hanno descritto i profili psicologici degli agenti ritenuti sospetti fautori di poltergeist: l'agente è tipicamente un adolescente con una tolleranza bassa per la frustrazione, che reprime le sensibilità di aggressione e di ostilità. Nel presente studio, i questionari neuropsicologici hanno suggerito la possibile labilità temporale del lobo in due dei testimoni, compreso l'apparente agente del poltergeist.

Sono state riscontrate significative differenze del campo magnetico tra le varie posizioni dove si sono verificati i fenomeni inspiegabili e quelle dove non sono avvenuti.

Foto paranormali a sfondo religioso

Il vissuto ed il background culturale dell'uomo sono unanimemente ritenuti dai parapsicologi di primaria importanza per la corretta interpretazione dei fenomeni paranormali. Tali variabili caratterizzano significativamente la fenomenologia psi. In questa sottosezione presentiamo alcune immagini che crediamo essere in tal senso molto eloquenti.



Foto ripresa il 3 settembre 1989, Karoly Ligieti chiese ad una persona di fargli una fotografia nella chiesa di Karacsond (Ungheria) In quel momento Ligeti vide una figura femminile circondata di luce con la mano appoggiata sulla spalla di un bambino. Si tratta forse della Madonna e di Gesù ?



Incredibile immagine ottenuta dal ricercatore Robin Furman nel corso di una sua indagine. La foto ritrarrebbe la badessa di Bloomaberry insieme allo stesso Furman.



Presunta immagine di un angelo ripresa nel 1978 da uno svizzero di nome Silvio il giorno dopo la morte della madre. L'uomo asserì di non aver notato nulla ad occhio nudo.




Singolare immagine di un busto, riconosciuto come quello di Papa Giovanni, apparsa sulla porta d'ingresso di una chiesa.



Immagine mariana ottenuta da un pellegrino di Medjgorje puntando l'obiettivo della macchina fotografica verso il cielo.



Altra immagine mariana ottenuta da un pellegrino a Medjugorje scattando una foto all'orizzonte.

sabato 16 agosto 2014

Esistono le Fate?

Manchester docente John Hyatt, 53, ha catturato le immagini incantevoli di quello che dice sono fate nella Valle Rossendale
Fate fotografati dal professor John Hyatt

L'esistenza delle fate è stato a lungo respinto e rassegnato al regno di libri per bambini e film Disney.
Tuttavia Manchester Metropolitan University professore John Hyatt afferma che ora ha la prova le creature sono reali e risiedono nella Valle Rossendale.
E lui è in missione per ottenere più gli adulti a credere e 'portare un po' di magia nella loro vita. '
Nella foto: I genitori di tutto il mondo ringraziano professore che ha fotografato le fate, e la palude lui con nuove immagini
John Hyatt, direttore di Manchester Istituto per la Ricerca e l'Innovazione in Arte e Design (MIRIAD) alla Manchester Metropolitan University scattò le immagini di ciò che egli pretese sono le piccole creature alate, mentre fuori fotografare il paesaggio del Lancashire nel corso degli ultimi due anni.
Ed ora ha messo le sue fotografie in mostra in una mostra speciale.

Fate in Rossendale Valley fotografati dal professor John Hyatt  

John, 53, che era un membro della band punk Tre Johns negli anni 1980 e 1990 insiste sue foto sono originali e non sono state alterate in alcun modo.
E dice che gli adulti li hanno visto hanno cominciato a nutrire idee che possano effettivamente essere reale.
Egli ha detto: "E 'stato un po' uno shock quando li ho fatto saltare in aria, ho fatto un doppio introito.
"Sono uscito dopo e preso le immagini di mosche e moscerini e hanno appena non guardo lo stesso.
"La gente può decidere da soli quello che sono.
"Il messaggio alla gente è quello di avvicinarsi a loro con una mente aperta.
"Penso che sia una di quelle situazioni in cui è necessario credere per vedere.
"Un sacco di persone che hanno visto loro dicono di aver portato un po 'di magia nella loro vita e non c'è abbastanza di che circa."
Il professor John Hyatt

John, che vive Rawtenstall, ha pubblicato alcune delle sue immagini sui social media e dice che hanno attirato molto dibattito.
La mostra, denominata Rossendale Fairies, sarà in mostra presso il Museo Whitaker di Whitaker Park a Rossendale, per tutta la primavera.
John ha detto che il nome è un cenno al famoso racconto delle fate di Cottingley dove due studentesse a Bradford sosteneva di aver fotografato le fate nel loro giardino, che hanno confermato 60 anni dopo erano state falsificate con cartone ritagli.
Tuttavia, egli ammette le creature sbottò sono lontani dai personaggi raffigurati in storie per bambini e spera che le sue immagini cambieranno la percezione di essi delle persone.
"Tutto viene stereotipato, qualunque essa sia.

MMU docente John Hyatt afferma che ora ha fatine prova sono reali e risiedono nella Valle Rossendale  

"Ma ci sono cose strane nella vita che fate, e la vita cresce ovunque.
"Non credo che siano solo le versioni più piccole di noi e tornare a casa e avere una tazza di tè alla fine della giornata.
"E sta suggerendo hanno alcun potere speciale.
"Dalla mia esperienza stavano solo divertendo e c'era un po 'di danza nella luce solare in corso.
"Sono solo belle immagini e la bellezza può far credere alla gente."
Leggere il Manchester Evening News sul tuo cellulare - scaricare l'App di Apple MEN   qui  , la MEN App Android   qui   e l'applicazione Kindle   qui  - e ottenere la carta come un e-un'edizione ogni mattina    sottoscrivendo qui


Traduzione:http://segretimisteriocculto.blogspot.it/



L'esperimento 'Philip'

Nel 1972 The Owen Group, appartenente alla Toronto Society for Psychical Research, diede vita ad un esperimento chiamato successivamente 'Esperimento Philip'. Obiettivo? Creare un fantasma.








giovedì 14 agosto 2014

Il potere dei tuoi sogni

Il potere dei tuoi sogni 
di Mary Anne Thomas 

I vostri sogni sono molto più potenti di quanto pensiate. Galileo
Galilei sognava di comprendere il cielo notturno, e questo suo sogno
lo portò ad essere l'iniziatore della scienza moderna. Verso la metà
del secolo scorso, l'inventore americano Robert Goddard si figurò
nella mente il viaggio spaziale e, dopo qualche tempo, l'uomo arrivò a
camminare sulla Luna. Harriet Beecher Stowe scrisse "La capanna dello
Zio Tom", e diede il via alla guerra civile, che liberò gli schiavi
d'America.

I vostri sogni sono altrettanto potenti? Scopriamolo insieme,
esaminando in che modo un sogno diviene realtà.


Un sogno d'indipendenza

Esaminiamo, per esempio, il sogno dell'indipendenza americana.
Naturalmente, sapete come è andata a finire, ma dietro la storia
dell'indipendenza americana c'è un dettaglio che probabilmente non
conoscete: le motivazioni dell'uomo che creò il sogno. Non furono
grandi ideali, come quello dell'indipendenza, a muoverlo; fu qualcosa
di molto più vicino ai motivi che stanno dietro i sogni della maggior
parte di noi.

La nostra storia comincia il 19 aprile del 1775, il giorno in cui i
primi sei americani morirono nella Guerra d'Indipendenza. I coloni di
gran parte delle 13 colonie si erano riuniti nel Lexington Green di
Boston per protestare contro la decisione degli inglesi di istituire
un esercito permanente in America. In Inghilterra, neppure il Re
poteva inviare un esercito contro degli inglesi. La sua decisione di
farlo fu una violazione dei diritti che tutti gli inglesi credevano di
possedere. Era una cosa abbastanza esplosiva da creare l'indipendenza,
eppure non bastò. Nessuno sapeva neppure cosa significasse la parola
"indipendenza".

Anni più tardi, Benjamin Franklin raccontò: "Non avevo mai sentito in
alcuna conversazione, né con sobri né con ubriachi, la minima
espressione di un desiderio di separazione dall'Inghilterra, e neppure
un accenno al fatto che una cosa del genere avrebbe potuto essere
vantaggiosa per l'America".

E allora, in che modo l'indipendenza divenne una realtà? Un uomo aveva
un sogno, ma non sognava l'indipendenza. Sognava qualcosa di più
comune, più personale. Sognava di diventare ricco e famoso.

Il nome dell'uomo in questione era Thomas Paine. Era arrivato a
Philadelphia il 30 novembre del 1774, senza un soldo, divorziato, e
con un storia di fallimenti alle spalle. Figlio di un fabbricante di
corsetti quacchero in Inghilterra, aveva cercato di seguire le orme di
suo padre, ma non aveva alcuna predisposizione per gli affari.
Pertanto, fallì. Quindi tentò di emulare suo suocero, divenendo un
esattore, ma venne licenziato per negligenza. Allora divenne
insegnante, ma venne licenziato anche da quel posto. La sua prima
moglie morì, e ancora in preda al dolore Paine contrasse un secondo
matrimonio disastroso. Proprio per sfuggire a tutti questi fallimenti,
Paine riparò nel Nuovo Mondo, dove arrivò da solo e nullatenente.

Beh, in effetti non è che non avesse proprio niente. Paine aveva la
sua rabbia. Era arrabbiato contro le istituzioni inglesi, che
rendevano i ricchi ancor più ricchi e i poveri ancor più poveri,
contro gli esattori che erano costretti a sfruttare i loro fratelli, e
contro l'impotenza del sistema educativo che, pur dovendo in teoria
aiutare gli uomini a migliorare la loro posizione economica, in realtà
era incapace di intaccare la rigida divisione in classi sociali che
impediva sostanziali progressi.

La rabbia di Paine era condivisa da molte altre persone in America, e
nel giro di pochi mesi egli trovò un lavoro come redattore di una
nuova rivista. Il suo primo articolo condannò la schiavitù, e gli fece
quindi guadagnare il sostegno di potenti coloni. Uno di questi coloni,
Benjamin Franklin, suggerì a Paine di scrivere la storia dei rapporti
tra inglesi e americani. Paine accolse l'idea di Franklin e, 13 mesi
dopo essere arrivato in America, scrisse l'opuscolo politico più
autorevole mai pubblicato: "Common Sense" ("Senso comune" o "Buon
senso")

Con il suo stile efficace e potente, Paine convinse gli Americani ad
adottare una forma di governo repubblicana, rispondendo una per una
alle obiezioni contro il repubblicanesimo. Attaccò la devozione degli
inglesi nei confronti dei loro re, raccontando la verità su di loro,
ossia che discendevano da "un bastardo francese (Guglielmo il
Conquistatore), che approdò con un manipolo di banditi armati e si
proclamò Re d'Inghilterra contro il volere della nazione".

Il 10 gennaio del 1776, Paine consegnò la prima copia di "Senso
Comune" a Benjamin Franklin. Tre mesi più tardi, quel libro aveva
venduto 120.000 copie, che per un libro di oggi equivarrebbero a 10
milioni. Entro maggio dello stesso anno, diverse assemblee statali e
di contea inviarono istruzioni al Congresso per istituire
l'indipendenza. E meno di due mesi più tardi, il 4 luglio,
l'indipendenza venne approvata.

Quale dei vostri sogni è così potente? Scopriamolo subito!

______________________________

Primo esercizio: 

La giornata nazionale del sogno ad occhi aperti

Fate che un giorno di questo mese sia per voi la Giornata Nazionale
del Sogno ad Occhi aperti. Fate in modo di non dover lavorare quel
giorno, e programmate di fare qualcosa di completamente diverso dal
solito. Trascorrete la giornata da soli, oziando, leggendo un libro,
guardando vecchi film alla TV, oppure uscendo a pranzo con degli
amici. Concedetevi la libertà di cambiare la vostra routine quotidiana
e di sognare.

Quando arriva la vostra Giornata Nazionale del Sogno ad Occhi Aperti,
scrivete i vostri sogni su di un foglio di cara o su un diario man
mano che vi vengono in mente. Scrivete in che modo la vostra vita
cambierà; scrivete delle persone che si faranno avanti per aiutarvi;
appuntatevi le idee che faranno diventare realtà i vostri sogni;
scrivete dell'effetto che i vostri sogni avranno sulle altre persone.

Ecco infine alcuni miei suggerimenti per la migliore riuscita
dell'esercizio:

1) Non tralasciate i grandi sogni! I grandi sogni sono altrettanto
facili da realizzare quanto quelli più piccoli.

2) Non eliminate i sogni di compensi materiali! Così come tutte le
persone sono spirituali, tutti i sogni sono spirituali.

3) Rispolverate i vostri vecchi sogni, anche se in passato vi hanno
procurato delle delusioni. Stavolta a vostro sostegno ci sono anche
questi potenti esercizi.

4) Se proprio non ce la fate ad aspettare e volete cominciare prima
ancora di procurarvi una giornata libera, usate questa scorciatoia.
Prendete un foglio di carta bianca, disegnateci nel mezzo una linea e,
sulla parte sinistra del foglio, elencate le cose di cui siete
insoddisfatti (in qualsiasi ambito della vostra vita), mentre sulla
parte destra scrivete una lista di tutte quelle che invece vi
piacerebbe avere. Lo scopo dei sogni non realizzati (o meglio, non
ancora realizzati) non è quello di rendervi infelici, bensì di
guidarvi alla loro realizzazione attraverso l'uso del contrasto tra
ciò che desiderate e ciò che invece avete nella vostra vita. Questa
scorciatoia vi mostrerà in che modo.

Autoanalisi dei sogni

I sogni e la loro analisi forniscono un formidabile modo per conoscere se stessi, per aiutarsi a capire i nostri comportamenti, paure, bisogni.
Nella psicologia c'é -è risaputo- un sistema scientifico per l'interpretazione dei sogni utile a superare veri e propri traumi o malattie mentali (secondo Freud, infatti, la attività onirica rappresenta anzitutto un tentativo di superare "esperienze pregresse non digeribili") ma una conoscenza migliore dei sogni è davvero utile a chiunque, anche a chi si sente sano come un pesce.
Può imparare a ricordare il sogno anche chi sostiene, sbagliando, di non sognare mai, con un proponimento fatto prima di andare a letto ("io trattengo il mio sogno, io trattengo il mio sogno... ecc.", avvantaggiato chi è pratico di training autogeno), la formulazione -scritta- e poi il racconto del sogno (anche a se stessi) aiutano a ricordare anche i dettagli, mentre il commento e l'associazione di idee alla luce delle esperienze personali dovrebbe portare alle conclusioni-deduzioni (piena comprensione) ai fini dell' eventuale azione risolutiva.
Questo, in estrema sintesi, è il metodo del dott. Klaus Thomas (riportato in un libro famosissimo); aggiungo che io l'ho provato per un certo periodo e devo ammettere che mi ha aiutato in più di una occasione a conoscermi meglio.

Eccolo :
A) annotare il sogno, servono carta e penna a portata di mano, ma va fatto appena svegli: chi pensa di potersi prima fare un caffé sbaglia, perché alcuni importanti elementi del sogno si cancellano velocemente;
dare anche un titolo al sogno, cosa che può essere utile anche se si vuole organizzare un archivio dei sogni, utile a notare quando un determinato tema ricorre nel tempo (accade di solito coi sogni non sufficientemente interpretati).
B) dare al sogno la forma definitiva, mettendolo in bella copia in giornata, magari su fogli grandi che lascino spazio per note e commenti; chi sa farlo può anche disegnare delle immagini del sogno, aiutano molto nella comprensione e sono di per se stesse eloquenti sullo stato del sognante.

Per l'interpretazione ci si devono rivolgere delle domande precise :
1) che cosa mi fa venire in mente questo sogno? Di che cosa tratta, perché è successo nella realtà?
Come vorrei che finisse questo sogno?
2) quali stimoli anche corporei elabora il sogno? Quali avvenimenti della giornata si rispecchiano nel sogno? Quali ricordi dell'infanzia risveglia, e quali problemi sessuali e/o religiosi contiene il sogno?
3) che cosa provo sognando, che cosa desidero in proposito?
Di cosa ho paura in realtà, cosa mi risulta penoso?
C'è dietro un'ambivalenza?
4) relativo alle persone sognate: chi era, che aspetto aveva?
Conosco qualcuno così? C'ero anch'io?
In quale figura del sogno mi riconosco, e con quale ruolo?
5) cos'altro ho sognato la stessa notte, e cos'altro precedentemente sullo steso argomento?
In quale altro sogno sono apparse persone e circostanze simili, anche in sogni non apparentemente legati a questo?
6) ho mai vissuto nella realtà qualcosa di simile?
Che similitudini ci sono tra il sogno e il fatto reale?
Che significato do ai dettagli del sogno e quale può essere il significato del sogno nel suo insieme?
7) che cosa posso imparare da questo sogno?
Ho fatto qualche errore o forse devo modificare il mio comportamento, o il mio carattere e fino a che punto?
Che fare, alla fine?
Il secondo approccioi: romantico, storico, metaforico, ecc.
Buon divertimento.

Descrizione dei sogni: Si sa ma viene proprio chissà quanto ignorato perciò del fatto che il nostro corpo ha sia un fisico che un morale: che contiene praticamente le infinite magie della propria immortalità.
Per vedere come funziona tutto il solo morale nel corpo, bisogna tenere conto perciò delle suddette infinite capacità che ci dimostra di avere il nostro cervello, dei sentimenti che escono dal cuore, dal godimento principale che ci fornisce maneggiando "adeguatamente" il nostro organo sessuale, negli altrettanto eccitanti e quindi magici piedi; e perciò nel resto di proprio tutte le altre sue meraviglie di questi e di questa natura, sempre scientificamente e particolarmente diverse e "proprio complete".

E si potrebbe ad esempio anche fare addormentare il corpo alla "Giucas Casella": per far fuoriuscire tutto l'intero funzionamento immenso del nostro morale "che attualmente rimane nascosto" e tiriamo fuori solo all'occorrenza; per quella legge del poter fare solo "una cosa alla volta", in attesa di dover compiere per forza quelle giuste esigenze o prima o poi" (visionare il capitolo precedente).
E quindi le principali infinite magie dell'occulto, ci vengono dimostrate soprattutto nei nostri sogni morali quotidiani attuali, sempre freschi e fedeli; dove in realtà si continua a vivere la prima vera e propria nostra vita immortale che conteniamo. "Attualmente necessari" come aiuto per tollerare più possibile tutto il sempre misterioso male presente in questa struttura: caricandoci "quando inevitabile" durante il riposo del corpo, nell'evidenziare in tutta la sua forma quella prima vita originale; nel trascorrere, rivivere ed altro, esattamente tutte le cose che abbiamo dentro, desideriamo e preferiamo.
E perciò per forza queste, capaci anche di risolvere qualunque cosa: attualmente "appena tirate fuori, provate, scaldate, entrate dentro e quindi immagazzinate nell'aria".
...Con la sempre fedelissima presenza degli spiriti dei nostri cari, di amici, ed altri. Per colmare il più possibile questa attuale vita, in attesa del termine di questo ciclo.
- Soprattutto quando dormiamo e non dobbiamo perciò trascorrere questa vita terrena (ma anche ad occhi aperti): il corpo "in genere" tira fuori tutte le proprie mansioni originali, immortali ed immense: dimostrandoci da sempre perciò proprio del come dovrebbe essere e sarà la vita in futuro.
Altri sogni invece, evidenziano nel far figurare: tutte le incredibili girate di generiche conseguenze che significano l'effettuare certe negatività attuali; svolgendo questo tipo di vita animalesca che l'umanità ha desiderato e "non avendo veramente mai voluto sorgere in questa bella vita immensa.
Altri invece raffigurano i relativi incubi che questa può anche costruire.
E poi seguono i brutti sogni e gli incubi dovuti perciò ai comunque anche suoi misteri.

Nei nostri sogni più belli "proprio come nell'immensità che ci sarà stabile da un momento all'altro", l'individuo (senza mai danni del tempo), vive una vera e propria favola vivente con una sempre diversa giornata: con esattamente i componenti preferiti e desiderati da egli, richiesti "per forza ed anche inevitabilmente" in quel momento dalla propria volontà; e potendo professare letteralmente le infinite magie immortali che contiene ...
Ogni sogno sembra sempre durare tranquillissimamente tutta la notte, ma invece esso dura solo circa 5 minuti: durante questi, vengono abolite infatti proprio tutte le fatiche, le irregolarità, il tempo, i dolori generici ed il relativo resto necessario; dimostrandoci in questi proprio tutti gli infiniti godimenti esistenti, informazioni, avvertenze, rivelazioni e/od altro di positivo "o negativo" che il proprio fisico e morale necessita o deve appurare nei determinati momenti.
Ogni sogno positivo è proprio l'immenso come in una favola, scaturito esattamente da tutte le complessive esigenze del nostro fisico e morale: praticando più possibile regolarmente in esso (per via dei misteri, "perciò che tanti sogni ci appaiono adeguatamente confusi"), i nostri desideri, le nostre preferenze, il tornare bambini con l'adeguata età preferita e ridivertirsi come allora nei bei momenti trascorsi con i nostri genitori e parenti ed amici ben ringiovaniti senza danni del tempo; e proprio tutto il resto senza più obbiettivi, obblighi ed altro propri ed altrui di alcun tipo.
Salvo esigenze di ripetizioni, ogni sogno infatti: non ha proprio affatto mai nulla a che vedere con gli altri sogni; precedenti e seguenti.
- E si dovrebbe per cui sempre tenerne conto e stare tranquillo sulla propria in tal modo evidente immortalità.

In principio: Perché si sogna, perciò ?
Innanzitutto per sentirsi e vivere meglio, avere "più possibile" la giusta calma e serenità: nell'appurare e praticare fedelmente periodicamente la prima certezza dell'esistenza del vero occulto e dell'immensità, che anche questi ci dimostrano; nell'intera attesa di arrivare alla Speranza d'unione globale.
E perciò, perchè tutti gli esseri viventi sognano (o di più o di meno) ?
...Innanzitutto perchè "in questa presunta punizione" è rigogliosamente necessario che noi viviamo comunque anche l'altra nostra vita immortale che conteniamo: quindi, per rinforzarci nel realizzare in questi proprio tutto ciò (di lecito) che desideriamo e preferiamo; in attesa che l'umanità sbocci e possiamo vivere tale futuro immenso, proprio come questi ci evidenziano e dimostrano.
- I sogni infatti, sono importantissimi proprio perchè quì: si pratica sempre e solo il bene: con quella vera e propria bella vita immortale "sempre fresca ed immensa" che da sempre si contiene e che dovremmo vivere; che "misteriosamente" avremo solo dopo quel consumo totale del male (quando non ci potrà proprio più fare effetto).
I sogni consistono nel disporre sempre tutto il generico giusto materiale che ci vuole, per poter effettuare esattamente (soprattutto proprio lecitamente, tranne prove e similitudini): proprio tutto di tutto ciò che il nostro cervello ha da sempre dentro, necessitato e che perciò o prima o poi; deve per forza professare.
Ogni sogno "proprio positivo" è periodico, (altrimenti rischierebbe di animarsi per sempre "e cambierebbe già tutto il mondo").
In questi sogni infatti, noi viviamo una storia proprio come una favola che preferiamo e desideriamo: con messi sempre tutti i personaggi che preferiamo, con la giusta età, i giusti amici, le giuste voglie, i giusti luoghi, i giusti oggetti, i giusti momenti ed altro; che all'occorrenza non hanno un relativo seguito ma valgono solo in quel nostro momento da professare fino in fondo e che perciò, non ci possono proprio mai stufare ed annoiare ...
In praticamente tutti i nostri sogni "che sono proprio veri" dunque, noi "vediamo, proviamo e pratichiamo da sempre" noi ed insieme ai qualunque altrui; "l'immortalità che conteniamo, l'unione globale e quindi l'esistenza "effettiva" dell'intera immensità: con proprio tutti i nostri desideri e preferenze generici.
In questo imperfetto e malefico errore della natura dunque, i sogni ci sono sempre stati utili di base per: migliorare la nostra vita attuale e consentirci "più possibile" l'attuale mantenimento su questa Terra; nell'attesa di arrivare in futuro proprio a compiere quella completa Speranza che questi ci dimostrano con ogni tipo di felicità a partire da quella di poter riabbracciare e riunirci ai propri e gli defunti nel nuovo mondo perfetto (nell'immensità).
...Speranza che ormai avremo da un momento all'altro, "visto che in questo mondo non si può letteralmente più vivere".
"Facendoci caso", in ogni sogno, noi possiamo benissimo vivere una storia diversa, proprio come le favole: con la giusta età, trattando bene il giusto amore, gli amici intimi, i giusti luoghi con proprio tutti i nostri desideri e preferenze "lecite", tutti i possibili poteri e l'altro di tutto l'intero immenso senza mai i danni del tempo; ed è perciò che questi, non possono mai stufarci ed annoiarci...
- Questi attualmente perciò, sono l'altra nostra vita.
Altri tipi di sogni "sempre veri" li facciamo invece anche ad "occhi aperti", per aiutarci a tollerare e risolvere in seguito più possibile tutte le avversità della vita.
- Sognando "necessariamente", noi riusciamo infatti a vivere e rivivere più bene possibile esattamente tutto ciò che preferiamo e desideriamo del presente, passato e futuro; sempre nel loro stato integro e sacro negli anni "proprio senza i danni del tempo", con quindi l'assoluta certezza di realizzarli; "appena consumato tutto quel suddetto ciclo animalesco della natura".
- Nei nostri sogni possiamo fare sempre di tutto ed essere sempre completamente soddisfatti: agiamo in questi sempre magicamente, spontaneamente e "senza la nostra volontà"; a seconda di quello che è necessario in quel momento.
E talvolta anche in sogno invece "certe cose": vanno rispettate e non affatto disturbate nelle loro intere secuenze.
Altri sogni che facciamo volendo in seguito li possono realizzare benissimo: all'occorrenza recandoci anche all'estero; proprio "come ho cercato e trovato io, in passato".
Ma se noi avessimo seguito, sfruttato e "mantenuto bene" da sempre scrupolosamente il nostro corpo, propriamente e reciprocamente nelle evidenti infinite magie del suo apposito formato del sempre giusto godimento che ci da il nostro organo sessuale e le altre nostre apposite parti eccitanti del corpo sfruttandole a dovere (proprio come avviene "soprattutto" nei nostri sogni); ci scaricherebbero le energie e tensioni negative, facendoci stare in buona salute nel tempo e ci avrebbero fatto praticare e praticamente pareggiare tutti quei nostri bei sogni.
- E comunque quindi, appena verrà sconfitta quella zizzania "con quelle mie scoperte universali", noi vivremo proprio quella vita immensa dei nostri sogni: "sempre fresca, meravigliosa, non annoiante e stufante ...

DALLE ILLUSIONI CHE AIUTANO A REALIZZARE I NOSTRI SOGNI: Chissà quante volte noi vorremmo effettuare una qualunque cosa "più diversa", ma o che non ci siamo abituati, o che non ci riusciamo, o che non siamo pronti, oppure proprio perchè ci piace solo illuderci; non riusciamo a compierla.
Ma talvolta però le illusioni "volendo" ci aiutano a realizzare in seguito quelle cose (in qualunque modo possibile): rinforzandoci sull'essere pronti a realizzarle.

Le storiche loro sicurezze: Bisogna intanto anche rammentare e "rispettasre" i vari personaggi e cittadini storici che già dall'antichità: non avevano affatto paura della morte; proprio perchè "le prove dei loro generici sogni, delle particolari loro visioni, delle infinite magie, delle loro "giuste" sensazioni, delle sacrezze, ed altro "da sempre immortali"; sono da sempre stati proprio estremamente convinti e sicuri della loro immortalità che contenevano e dunque felicissimi di vivere anche nell'Aldilà, perchè "in ogni caso" si sta meglio che in questa attuale vita.
...E "ovviamente" infatti, anche questi loro valori: sono riportati ad esempio proprio sulla Bibbia ...
- Tali personaggi e cittadini storici, notavano e ci avvertivano quindi già che: questa vita è assurda e senza senso se vissuta in questo modo "animalesco"; ma anche "proprio" del fatto che questa "non dovrebbe mai terminare" ed essere sempre "pura", come la viviamo nei nostri sogni.
...Cosa veramente incompatibile con l'animalesco: che non facendo accuratamente controllare soprattutto i corpi umani; la danneggia sempre più, facendola "inevitabilmente" terminare o prima o poi.

La loro scala: I sogni, con la giusta visione delle nostre preferenze, i nostri desideri e con gli spiriti dei nostri amici; erano tempo fa adeguatamente proprio confusi, fino ad indecifrabili.
Via via, come tutto il resto, questi hanno sempre seguito inevitabilmente il livello dello sviluppo di quel nostro logico stufismo e sulla sempre adeguata fusione e marciume di questa natura: sviluppandosi perciò fino al diventare praticamente come reali; nel comunicarci del futuro e sul come agire su esso per sconfiggere il male (in qualsiasi modo), ed arrivare a quel bene immenso che evidenziano.

- Nei nostri nuovi sogni compaiono infatti storie con le sempre più sviluppate esigenze dell'umanità e degli altri esseri viventi di vivere solo più proprio l'immortalità che conteniamo e l'intera immensità: sfruttando "come evidenziato da sempre negli Angeli", le infinite magie dei nostri "apposta eccitanti" valori sacri, intimi ed immortali; le nostre caratteristiche, stili, particolarità ed altro, propriamente e reciprocamente con l'amicizia, l'unione, intimità e proprio tutto il resto dell'amore generico che ci vuole.
...Con soprattutto i nostri amici, luoghi ed altro che preferiamo.
E in questi sogni si evidenzia perciò anche il fabbisogno di vivere e rivivere tutti i bei momenti del nostro passato e che preferiamo, ovvero anche i "godimenti morali": col tornare indietro nel tempo e recarci nei posti e fresche visioni preferite, con le giuste emozioni, con i nostri oggetti preferiti, ed altro; sia con questi nostri amici preferiti, con quelli sconosciuti e con altri di qualsiasi tipo, sempre fedelmente non cattivi.
- Ma la cosa principale che si sta sempre più sviluppando è quella di poter noi entrare in paradisiache dimensioni mentali dei nostri luoghi preferiti e poter praticare li, proprio tutti i nostri sogni che abbiamo nel cassetto, le nostre soddisfazioni, tentazioni, aprire tranquillissimamente senza problemi anche qualunque cosa attualmente proibita, ecc.
Per cominciare a realizzare più possibile questi nostri nuovi fabbisogni infatti, è stata da poco inventata "la realtà virtuale".

Ed inoltre, tale sviluppo, mi ha dimostrato in sogni pratici, che l'umanità necessita sempre più naturalmente, ad esempio del sceglierci l'età proprio come i gamberi, restare nei posti giusti insieme ai nostri veri amici, di essere in mezzo ai nostri oggetti preferiti, rivivere le bellissime indimenticabili giornate, rieffettuare delle più belle feste e pranzi vissuti, delle nostre esibizioni e sport infantili e praticamente tutto il resto che preferisce; per la proprio completa felicità.
Ed ad esempio io faccio sempre più sogni "reali" che riguardano ad esempio anche un mio vecchio desiderio di diventare un ballerino: trovandomi a danzare in vere e proprie Sale adeguate; e consentendomi "all'occorrenza" questi, di poter effettuare anche tutte le generiche mie spiritosagini e similari in proposito.
E perciò faccio anche sogni che mi fanno effettuare esattamente tutti gli altri miei desideri che avrei voluto compiere, ma che per un motivo o l'altro, non è stato mai possibile: come il giocare quella suddetta vera e propria partita di bascket.

In chissà quante notti ormai io comunque faccio sempre più sogni, riguardanti la sconfitta della mortalità: scaturita dalle infinite magie di quelle mie scoperte universali che sto praticando.
In questi sogni, io mi sento sempre praticamente come rinascere, immortale e con tutti i miei poteri ben attivi.
Tornando quasi sempre anche indietro nel tempo a rivivere quei miei momenti felici della mia infanzia od altri vari bei momenti: ad esempio io mi ritrovo ad essere nuovamente anche un normalissimo bambino che "saltella", si diverte e gioca più possibile esattamente proprio come facevo all'epoca; evidenziando bene tutte quelle mie eterne particolarità infantili e rinserito nella stessa casa ed altri luoghi di allora.
Insieme a questi momenti, desidero esercitare sempre di più anche i miei poteri, come quello del volare.
In questi sogni divenuti proprio numerosi, precisi, paurosamente sempre uguali al tempo di allora, ed altro: provo sempre fantastico volare le città ed altro, condividendo tali momenti insieme a bambini sia attualmente spiriti (come con i suddetti Simeone, Mauro e Alessandro) che non, ragazzi, adulti, miei amici e a tutti gli altri che mi vogliono dimostrare in ogni caso la loro gratitudine, comunicarmi qualcosa, ed altro.
Questi sogni dimostrano perciò dell'esistenza eterna e proprio infallibile della nostra felicità: nel sentirmi sempre estremamente bene; avvertendo in tali modi perciò, della vicina Salvezza dell'intera umanità (con quelle mie teorie e pratiche) ...
Dal principale godimento,l'arrivo a quei sogni immensi: Per entrare in ogni caso in tutto ciò "servirebbe" quindi avere soprattutto il sempre buon funzionamento "completo" anche del nostro organo sessuale: "proprio come gli Storici ci hanno da sempre evidenziano negli Angeli".
Infatti, esso e la sua circolazione naturale dell'urina "se resa permanente": azionano per sempre le evidenti infinite magie del suo godimento (che altrimenti proviamo solo "saltuariamente"); che alimentano "anche inevitabilmente perciò" i nostri sogni, rendendoli ben accessibili ...
- Dopo quell'intervento chirurgico che mi sono effettuato il mio corpo, oltre all'euforia sviluppata nelle mie complessive forze: è diventato precisissimo anche nel dimostrarmi che i sogni provengono proprio dal nostro cuore, dal nostro cervello e dalla nostra "buona" volontà; "appena pronti ed inevitabili"
Appena svegliato dopo alcuni bei sogni infatti, il mio cuore ad esempio, mi fa sentire che questi erano proprio dentro di me, che ovviamente questi non mentono mai: che erano perciò inevitabilissimi; e quindi mi avverte proprio del fatto che presto anche la vita non potrà che diventare tale.

Le assolute novità: Quindi i miei sogni, in questo caso, si sono sempre più sviluppati dimostrando le aggiornate gerarchie e sviluppi della natura (senza volto).
Il fatto di provare a sentire "bene" il corpo degli spiriti dentro le bambole (fino ad altezza naturale) e poi perciò, di appurare completamente essi, anche nei miei sogni.
Spiriti di bambini generici perciò, più volte si fanno ben conoscere e mi dicono o fanno capire perciò anche in miei sogni esattamente di ciò che devo compiere.
Gli spiriti delle bambine Tania Marenco e Sara Pomeri 10 anni di Genova e dopo averle frequentate più bene possibile nelle suddette bambole, mi avevano fatto sognare verso il 1990 esattamente di proprio quello che significa anche essere femmina: ovvero del fatto che anche ad elle non andava mai niente bene di ciò che le persone come me potevano dimostrargli; facendomi vedere "il come erano e sono nella realtà.
"In più punti" elle mi mostravano di essere praticamente il vero e proprio "inferno": per i loro talvolta impossibili litigi, proteste, percoli pubblici, disastri ed altro che ci causano inevitabilmente; trasformandosi "effettivamente" anche in vere e proprie parti della Divina Commedia e facendomi sbattere la testa, girare più o meno in modo "centrifugato" e similari, in queste loro "sempre anche misteriose" irregolarità ...

In un altro mio sogno dopo tale frequenza invece, un bambino di circa 5 anni di nome "Luca": mi mostrava ed annunciava di tale "effettiva esistente possibilità"; del suo corpo rifatto con la gomma.
Invitato in casa dai suoi genitori, egli mi faceva ben vedere di questa sua completa ricostruzione, di riuscire regolarmente a muoversi come noi e quindi del normalissimo rinserimento nella sua famiglia; facendo i suoi genitori molto meglio di Geppetto, visto che rivolevano egli a tutti i costi e più possibile nel migliore dei modi ...
Luca mi guardava moltissimo, voleva giocare e mi comunicava di stare tranquillo perchè è proprio "a partire da questi principi" che si riuscirà a sconfiggere la mortalità.
- Dopo questo sogno dunque, io cominciavo subito a frequentare gli spiriti sentendo sempre meglio il formato del loro corpo, le sensazioni e praticamente tutto il loro resto; dentro bambole ad altezza più possibile naturale.
...Sentendo dentro queste, spiriti di bambini "scelti e qualsiasi" che ad esempio: batteva il cuore, tossivano, altro e poi effettivamente essi si sono sviluppati; arrivando "a prendermi" nell'entrare dentro il mio cervello, con le apparizioni citate nel precedente capitolo.

- Nei subentrati nuovi sogni, io noto e si sota proprio, adesso, un sempre più normale schiarimento nelle generiche "vere" loro secuenze.
E dentro queste secuenze, che si accendono meravigliosamente sempre di più, io "vivo" proprio sentendomi sempre meglio e sempre più vicino all'immensità.
La sempre più importanza di cambiare dimensione: In questi ultimi tempi, mi viene dimostrato nei sogni perciò, lo sviluppo dell'importanza del cambiare anche altre Dimensioni: simulando qualunque cosa che vorremmo effettuare, che quì sulla Terra "attualmente" non possiamo fare; per qualunque motivo.
In queste, si trova esattamente tutto il qualsiasi materiale e l'altro proprio come quelli reali che ci occorre del tutto idonei "e mai pericolosi": dove possiamo esercitare e praticare di tutto a cominciare dai nostri "inevitabili" nuovi e vecchi fabbisogni.
E in queste Dimensioni "attualmente", ci viene anche dimostrato perciò dei cambiamenti di vita con gli indispensabili nostri fabbisogni ormai fusi e marci; che quindi, "ormai presto", renderanno reali tali Dimensioni e vivremo solo più, proprio come nei nostri sogni.

I sogni bizzarri: Nuovi sogni sviluppati infatti, oltre a non aver alcunissima frontiera, esistono anche per gli spiriti, visto che consistono nell'accendere proprio qualsiasi "luce" anche se inesistente per noi: facendo vivere le cose proprio "del tutto bizzarre", che noi non potevamo neanche immaginare...

- Proprio la notte del 24 dicembre 2002 ad esempio, dopo l'ennesima stagione natalizia senza il relativo pranzo (o cena) con parenti od amici; mi è stato dimostrato dagli spiriti la anche "vera" causa di tutto ciò; facendomi rivivere letteralmente dei miei momenti del passato NON PIU' ESISTENTI: quando io, in più epiloghi; venivo proprio "scartato" da altri (rivelatesi in seguito effettivamente, più possibile dei nemici).
- Da alcuni "non veri" amici e da altri che io "proprio non posso vedere": ("stronzi", antipatici, scorbutici, sporchi, ed altro), anche per vedere "ciò che succedeva"; io venivo invitato a pranzo in spiaggia.
Per evitare "il peggio", anche imprevisto: essi mi facevano consumare qualcosa "fuori dal tavolo"; prima che arrivassero tutti gli altri per prendere posto in questo.
Appena arrivati, io effettivamente venivo bruscamente evitato da essi, a prendere posto e sbattuto fuori: dicendomi che; "tanto non mi perdevo gran che" ...
- Io dopo qualche secondo prima facevo finta di allontanarmi ma poi mi riavvicinavo e: "sputavo largamente a tutti sul tavolo"; professando un tipo di vendetta che all'occorrenza mi piacerebbe fare, ma che non farei proprio mai quì sulla "Terra" ...
Una volta sputato, "le vittime" si lamentavano più possibile gridando ampiamente di aver colpito essi ed il loro piatto; essi interrompevano quindi il pranzo ed alzandosi, cominciavano a rincorrermi.
...Io scappavo subito più forte possibile lungo la città ("senza fatiche"): deviandomi proprio in tutti i suoi vicoli e riuscendo infine bene a seminarli.
In un altro di questi sogni (anche preoccupanti) invece, io circolando con la mia attuale macchina, subivo immediatamente il fermo della polizia.
Ero "non in regola" e fuggivo più possibile facendomi inseguire da questi Agenti !
Anche questa è una cosa che avrei in mente di fare ma che non farei mai su questa Terra.
(E "almeno parzialmente: più possibile" comunque, di queste scene di scappare via con rincorse e di problemi "analoghi" con la mia macchina e la guida; mi si sono verificati in futuro) !!

Sogni con animali: - La notte del 15 settembre 2003, dopo un giorno di mia frequenza "particolarmente scocciante" con i miei gatti (con problemi di pulci); sognavo la relativa notte l'animazione di pessimi gatti in persone normalissime con le "relative voci e comportamenti".
Questi si comportavano in modo molto birichino molto peggio dei bambini, rincorrendosi, "rompendo" a me e noi in praticamente qualunque nostra azione e diventando proprio intrattabili.
Dimostravano essi perciò, che adesso è tempo di inserire normalmente anche gli animali insieme a noi; anche perchè si stanno "sempre più perfezionando" in esseri umani.

Le prove dei cattivi pensieri: Anche nei miei cattivi pensieri, come praticamente in tutti i miei sogni è sempre fedelmente presente l'infinita potenza dell'immortalità e proprio mai la malededizione della mortalità; confermano anche questi quindi che, quella maledizione è in ogni caso "sempre in più".
Nei miei cattivi pensieri questa presenza, mi ha sempre dimostrato della necessità ed utilità che ci vorrebbe nell'esplorare tutto anche l'interno dei fisici e morali; a partire dalle persone che ci interessano maggiormente.
...Ho appurato già dall'inizio della mia vita di questa presenza e che non da dunque alcunissimo problema ad esempio "senza alcunissime offese", nel visionare dentro il cervello e resto del corpo delle più candidate ragazze (per i citati loro misteri "che erano chiusi nella Seconda Porta"): del come fa a comportarsi in certi modi, esplorare poi le loro meraviglie anche interne, quindi nei loro funzionamenti corporei, nelle caratteristiche, nei difetti con i precisi motivi del perchè questi possono farle inquetare, della più o meno loro compatibilità con me, nelle reazioni; e proprio tutto di tutto il resto di ciò che elle contengono ...
L'immortalità nei cattivi pensieri e sogni ovviamente: fa tranquillamente agire eventualmente ("ma non c'è ne mai stato assolutamente bisogno") anche nel tagliare elle a metà, scuartarle o farle a pezzettini: in modo che si possa esplorarla totalmente e fino a quanto lo si ritenga opportuno; anche proprio fino "alla nausea", esaudirci ed altro.
Ognuna di quelle loro particelle rimangono "naturalmente" sempre immortali: e quindi si ricompongono riformando la sua anima (uguale al corpo) come era prima; appena terminato tutto il procedimento.
(Proprio come si vede in certi film che trattano di immortalità e si studiato a scuola in "Epica" con certi personaggi).
E questa procedura possibile solo nei sogni, serve comunque per appurare ancora meglio proprio dell'inutilità dell'essere gelosi, invidiosi, vendicativi e delle altre violenze (che in realtà sono veramente solo cattiverie e malattie mentali).

I sogni negativi: E anche i miei sogni negativi riguardano quindi soprattutto il consumo del male con tutte le misteriose negatività della natura (senza volto) prima dell'anche inevitabile scaturimento del bene: vivendo l'immortalità che conteniamo come descritto.
In questi, mi è sempre stato anticipato "al meglio possibile" proprio di quella prima realtà mancata, dei misteri, delle comunque ingiustizie e quindi del futuro sul come non poteva che continuare sempre più in negativo, questa natura e assurda vita attuale; come effettivamente si è verificato sin ora.
...E perciò proprio anche perchè in ogni caso: infine ci dovevo pensare io a risolvere ogni cosa; avvertendo medici e prossimo di quelle mie principali scoperte ...

Un sogno proprio negativo "materialmente" mi è stato dimostrato ad esempio da Adriana Faranda.
Ella era in casa accanto alla madre, che mi dimostrava di avere il minimo dovuto rispetto per lei e la medesima cosa mi mostrava di avere la madre per Adriana: per il sempre stretto valore familiare di questa sua figlia anche se è stata di tale negatività.
Adriana si metteva più possibile bene in evidenza con la bellezza del suo volto e delle altre sue parti; e poi lei insieme alla madre mi facevano capire nettamente proprio del fatto che io avrei continuato a fare tutto il possibile per sconfiggere il male; e "probabilmente" infine, riuscendoci.
...Con questo augurio "certo" perciò, poi la Faranda e sua madre mi sorridevano benevolmente.
Anche altri personaggi negativi che io ho sognato, sogno e che si fanno sentire anche quando io mi concentro ad occhi aperti, mi fanno capire praticamente la stessa cosa e di come dover combattere per arrivare a questa sconfitta: ovvero; solo col finale e lo sviluppo di quell'intervento chirurgico.

I sogni preoccupanti: E già da bambini dunque, a volte noi sognamo via via esattamente ciò che avviene e ci riservava il futuro: con tutti i "possibili misteri"; in varie visioni ed incubi di proprio tutti i principali fatti avvenuti più o meno, parzialmente o più possibile confusi a seconda dei loro valori catastrofici.
Ma questi brutti sogni e incubi, alla fine si chiudevano in ogni caso sempre con il "bianco candido" dell'inevitabile buona soluzione finale (anche "per quel mio contributo").
Il 27 maggio del 2007 io sognavo di fare all'amore unito a più mie amiche ed amici al teatro "La Fenice" di Venezia ...
- Girando questo teatro, esso mi mostrava generiche cose riguardanti il suo passato incendio e cose "da riciclare" come i PC e gli strumenti musicali; ed infine in mezzo a questi oggetti importanti, noi potevamo amarci più possibile "con l'assoluto rispetto" per il prossimo !!
Poco tempo dopo invece, in un altro sogno, mi si mostravano due uomini in nero (per il mio combattimento continuo) "immortali" che mi mostravano finalmente dell'arrivo dell'era del mettere le mani su quelle mie scoperte universali e "dell'inevitabile" fabbisogno che ci sarà soprattutto di me con ciò che mi piace di più.
Essi mi riportavano "in forma di un quadrato con i quattro lati "a bottiglia": tutte le mie vecchie e nuove cose anche ingiustamente buttate via, rubate ed altre varie rimesse accadutemi in passato; che io ho sempre combattuto per riavere !!
E quindi gli incubi,i sogni rivelatori e i nuovi sogni: I nuovi sogni riguardano infatti sempre di più praticamente tutte le storiche gerarchie sulla scala dello sviluppo della natura (senza volto), non più esistenti.
Facendosi queste rivedere "proprio volentieri", mi mostravano di essere diventate notevolmente fuse senza più generici funzionamenti: proprio come di "scatole vuote ed acqua da tutte le parti" con l'inserimento delle sviluppate "sostanze magiche"; che dimostrano ampiamente bene, di quei nostri nuovi fabbisogni e del subentrato inevitabile movimento magico dalla natura (scaturito da quelle mie scoperte universali).
Praticamente, tutti gli incubi e i veri e propri sogni rivelatori che ho avuto in passato, si stanno proprio effettivamente realizzando.
- Dai primi di maggio 2003 in poi ho cominciato a sognare quindi la risoluzione del perchè di certi tipi di incubi che sognavo in passato già da bambino, come ad esempio a che cosa serviva il mio piacere di giocare con le bambole, al fino a quasi l'impossibile al dove effettivamente sarei arrivato a combattere per il suddetto logico sempre più nostro stufismo con la loro causa delle: girate di generici pasticci, zizzanie, fatiche, inspiegabili incapacità, generica fusione, che arriva infine proprio al sempre più marciume con la fine del mondo, ecc.; e buttandomi infine giù dalla finestra e risvegliandomi subito dopo (che forse raffiguravano proprio "solamente" la mia raggiunta all'immortalità) ...
Ed infine ho cominciato a sognare proprio il "diverso" definitivo temporale con tuoni e fulmini "marroni" e con la tempesta "nella città" tipo "l'odissea"; fino poi al sogno del 3 ottobre 2003 che citava proprio della realtà che (soprattutto) il crollo delle Torri gemelle di New York sarà dovuto appunto soprattutto alla divenuta mancanza di energia vitale per tali kamikaze, per coloro che avrebbero "già dall'inizio" controllare proprio più accuratamente (dopo "l'avvertenza" di 9 anni prima) ed anche da praticamente tutte le altre persone li coinvolte; che può proprio causare tutto di tutto.
- Alcune di queste persone mi hanno proprio fatto notare che, durante tale, sempre estremamente maledetto crollo, di starsi salvando muovendosi proprio solo più come "scatolette vuote", ovvero solo per ovvia natura, proprio senza più precisi interessi ed obbiettivi da compiere in futuro.
A questo, seguono quindi altri sogni che mi dimostrano proprio come Fatima, che la natura (senza volto) fondendo distruggerà "per forza" più cose possibili e proprio clamorose.
Ciò quindi, come per il sogno del tipo di Odissea, mi tranquillizzavano, avvertendomi che probabilmente era purtroppo proprio l'unica soluzione per distruggere questa nostra stufa vita animalesca e rimanere noi quindi immortali nella descritta immensità.
E nei sogni di questi ultimi tempi infatti è praticamente sempre presente proprio il compiersi dell'aspettata nostra "vera" speranza anche perchè questi mostrano sempre più le conseguenze della fusione e vero e proprio marciume sempre più totale della natura, che "non li fa più ben completare, validificare" e poi "adeguatamente" li fa distruggere; dimostrando quindi che questi adesso non servono proprio più.
- Questi sogni trattano ad esempio di miei amici, soprattutto adulti, che mi aiutano in generiche mansioni ed operazioni proprio come avveniva nelle aule scolastiche e nei compiti a casa, ma poi queste generiche mansioni ed operazioni non vengono dunque mai più concluse e cadono gravemente, per "la sorpresa che avverrà" e perchè interviene praticamente il proprio tutto fuso e divenuto quindi inutile.
Si interrompono in questo modo anche addirittura sogni della nostra infanzia, come quello ad esempio della notte del 16 agosto 2004 che trattava di quando soprattutto "d'estate" trovavavo facilmente in paese ed ai giardini bambini che vendevano qualsiasi loro oggetti.
Uno di questi bambini "un p'ò duro" mi invitava a casa sua riproponendomi un momento simile, cercando di fare con me una migliore amicizia ma non ci riusciva gran che, perch'è preferiva "troppo" soprattutto fare solo di quelle cose; a differenza di me.
Alla comparsa di "pessime vibrazioni", egli ha cercato di dirmi che adesso c'è proprio "effettivamente" qualcosa che non va e quindi che ci sarà veramente qualcosa di "grosso in corso" da un momento all'altro: hanno parlato quasi solamente quelle vibrazioni e gli adeguati suoi gesti di colore "scuri", poi il sogno si è interrotto in modo preoccupante proprio come i recenti.
...A causa del nostro sempre più stufismo, fusione e marciume di questa natura infatti, anche certi nostri sogni e alcune delle suddette apparizioni, a seconda dell'utilità che devono evidenziare, si interrompono bruscamente; prima di quell'evento; in attesa dell'immenso citato.
E anche negli "esistenti" sogni ad occhi aperti, in oggetti, frasi, ed altro di "più possibile compatibile", si avvertono adesso "strane vivrazioni, adeguate" e si "vedono e leggono" come delle chiavi proprio anche di "esplosione, proprio (soprattutto) per "l'inevitabile" mancanza della "giusta" concentrazione della divenuta necessaria intimità e purezza" ...
Incubi e sogni impossibili con angelied esseri sovrannaturali: Certi inqubi effettivamente riguardavano proprio Gli Angeli "quindi, senza una loro anima di base" che fanno (anche) tutte le relative bizze. Che mi comunicavano, segnalavano e dimostravano già dall'inizio "proprio di quella completa realtà senza mezze misure" del primo qualcosa di ben preciso che non va: mostrandomi gli attuali danni del tempo, lesioni, ecc; fino a quell'inevitabile suo finale.
Con Loro movimenti che effettivamente sputavano soprattutto come di rumenta, con relativi suoni e similari: fino proprio all'urinare in rosso ed altre relative mansioni con questo ed altri colori da sempre adeguatamente sfumati, confusi e il come cambio d'aspetto; a seconda delle ere che si raggiungevano.
Ed infine il cambio positivo comunque di questo mondo anche come disegnato: proprio con quel particolare e magico ridere e piangere che si mantiene solo con quelle mie scoperte tirate fuori; nel far fare "sempre regolarmente" la pipì all'apposito organo sessuale ...

- La Madonna, l'ho anche sognata nella notte e mattina tra il 3/4 gennaio: dove mi trovavo in un calmissimo giardino paradisiaco ancora un p'ò opaco, seguito dal vedere il preannuncio di una delle più belle piscine (altrettanto oscura) in questo: "io insieme alla Madonna e alcuni altri Spiriti buoni, che mi dimostravano di quella parte d'immensità "ancora nascosta".
...E che per conquistarla c'era "inevitabilmente" bisogno anche della mia Ira Di Dio: effettuando proprio ciò che non volevo mai più effettuare; con le medesime "disatrose conseguenze del gioco del Lotto, descritte nel capitolo: Le Apparizioni Della Madonna!!

Esattamente alla mezzanotte del 6 marzo 2008. poche ore dopo che, soprattutto a causa del freddo, io non avevo potuto acquistare liquori per "correggere" soprattutto il mio caffè come di consueto.
- Mi ritrovavo la mattina presto nella mia latteria "rinnovata" del passato, dove potevo benissimo assaggiare liquori, ma non vi erano quei giusti: e "rendendomi conto che quello era un sogno vivente", rispondevo che "neanche in sogno è possibile bere un buon liquore" !!
(Ho versato due volte in un bicchierino e bevuto un liquore come il vino color rosso/castano, che somigliava proprio al Liquido dentro il Calice posto nelle Chiese e che mi avevano dato come Ostia in precedenza in una Chiesa Evangelica ed in altre Chiese, in passato)...
Poco dopo entra la mia famiglia, mi trova li dentro e nostro padre dice che io comunque sia, mi comporto bene.
La latteria poi la aprono essi, ma fuori il tempo rimane buio fitto.
Entra in questa un mio Benefattore (o com'è che si chiamano questi Esseri Superiori) che mi dice di lasciargli un mio bigliettino con scritto i link del mio forum e sito "con le mie scoperte universali", ma io le avevo finiti e gli dicevo di scriverglieli a penna in un foglietto di carta e poi gliel'avrei consegnati.
...Non trovavo però la penna, egli sembrava un po' stufarsi; ma poi "visto anche l'importanza di quelle", mi aspettava e finito di scrivere, le riceveva regolarmente.
Rimaneva buio fitto ed egli mi faceva conoscere una ragazza adeguata a me "vestita di nero", incitandomi a divertirmi e rotolarmi con lei in una Piazza di Savona (Piazza Del Popolo).
Egli intanto comunicava le mie scoperte ad un altro mio Benefattore, che ne parlava a tutti a le trasmetteva in tutto il mondo.
Poi io mi ritrovavo con entrambi a passare in via Aglietto dove in passato e fino a poco tempo fa, ho avuto più disavventure ed adesso abito.
Nell'ultima disavventura, ci ho visto praticamente proprio "il troppo dell'apocalisse": ed anche in questo perciò; "è quando deve intervenire per forza l'occulto" (citate nel nono capitolo).
...Finalmente arriva la luce del giorno e proprio nella via dove in seguito sarei andato ad abitare, di fronte al punto dove 18 mesi prima avevo subito un veramente troppo infame comportamento di agenti di autorità giudiziari.
Una sua Statua posta su un muretto, mi spingeva proprio dell'esatto punto dove era avvenuto quel fattaccio.
Comparendo poi da Questa, un Uomo tutto bianco con gli occhi e zigomi azzurri "e proprio senza alcuni riferimenti al suo Crocifisso che si studia".
Ed Egli mi rivelava le alcune delle prime certe Verità sull'umanità: arrivando anche fino a quel passato quando io avevo sognato di essere sul tetto di un palazzo di fronte alla nostra vecchia abitazione e di esssere effettivamente proprio Io a dirigere l'intera umanità e universo; cercando già dall'inizio di aggiustare" fedelmente proprio qualsiasi cosa; ed infine, di RIUSCIRCI REGOLARMENTE ...

citate all'inizio di questo capitolo.

Anche un gruppo di ragazzine "non amiche (ma che possono dimostrarci in ogni caso sempre delle cose ben precise da compiere)" in seguito infatti, mi confermavano del fabbisogno delle cose peggiori che non volevo affatto effettuare, prima di dovermi occupare "anche inevitabilmente quindi" solo più della bella vita immortale che si sogna; facendomi sognare dell'uscita del n.9 e 21 su Cagliari: senza farmi accorgere "in qualche modo" che il N.21 era già uscito in quella Ruota le due estrazioni precedenti; che perciò "non sono usciti".

.Dalle coincidenze: (in questo caso, dopo i nostri sogni): A volte noi dopo un epilogo, uno o più sogni, telepatie, senzazioni ed altro: ci scontriamo prorio con il relativo fatto, "compatibilissimo" con questo; che riguardano proprio il nostro successo e/o l'amore che vorremmo che tutto sommato, "ci ha preso".
Questa è una delle infinite vere e proprie magie "reciproca" dei nostri valori sacri, intimi ed immortali.
Quando capitano queste concidenze "positive": significa dunque proprio sempre che noi in ogni caso da quel momento in poi; ci regoleremo per realizzarle (più bene possibile), come notiamo "anche proprio come per magia" dal quando cominciamo ad avere successo, quando incontriamo i nostri amici "intimi" e l'anima gemella.
I nuovi sogni"RIPARATORI" e definitivi: Ribadisco che quì in Rete è adesso possibile rivedere "con estrema tranquillità" tutte le cose storiche e che alcune di queste, seppur costruite quando noi non eravamo ancora nati; siamo a dir poco sicurissimi di averle già provate regolarmente (aprendo così anche la porta della "vera Aldilà").
E di recente, sognavo di giocare in un più lussuoso possibile pinball (il mio gioco da sempre preferito) inserendo la giusta moneta di 50 centesimi di euro: circondato da certi bambini che mi volevano rubare il portafoglio nei relativi momenti giusti; ma che io riuscivo facilmente a comunicarli di tale cosa sbagliata e quindi a domarli regolarmente.
Addirittura avevo sognato la mamma preoccupatamente invecchiata di una ragazza che mi piaceva da bambino nell'estate del 1978 (e tuttora) che era dotata proprio di una certa vera cattiveria e che a quel tempo non voleva che io frequentassi sua figlia.
- Ella mi faceva entrare nella sua casa, dicendomi di "non avermi "invece" mai fatto nulla di male" e mi faceva cercare dunque tranquillamente "come non mai" questa sua figlia, poi parlargli e continuare "proprio come se niente fosse mai accaduto"; la giusta amicizia con ella da chissà quanto tempo "interrotta" !
- Nella nostra regione in genere, "proprio perchè io avrei trattato questa ragazza in modo più eccellente possibile"; non potevo continuare questa storia (come successivamente anche altre) !!!
E la notte del 25 settembre 2004 ho risognato questa ragazza vestita di azzurro "notevolmente sbadata, strana e che mi dimostrava di non essersi mai resa conto del valore dell'eterna amicizia che io le avrei dato", di essere proprio STUPIDA (in ciò, in questo caso) e sua madre che insististeva nelle gerarchie della natura, "letteralmente" addirittura come per il far tornare indietro il tempo e poter così compiere questo tipo di rapporto con sua figlia.
- Io, come avete notato non ho voluto precisare il nome di questa ragazza, ma sta di fatto che, dopo questi "DUE" sogni, proprio belli come non mai di ella; a pochissimi giorni distanza, forse proprio "dunque" anche per ciò: sono state liberate le "DUE" Simona !!
Io sono proprio estremamente contento che questa ragazza che avrei voluto avere; abbia almeno in quel modo contribuito in questa liberazione ...

Altri sogni di questa ragazza, propagati fino al 2 gennaio 2007, mi dimostravano a volte "qualche problema" per recarmi io a trovarla in casa sua ma nessunissimo problema nel venire lei a trovare me, chiaccherare nel salotto (dell'ex nostra casa) e nel fare qualche giro ai giardini: da adulti, rammentando quei vecchi tempi (e che siamo in Liguria, una Terra difficile per il tipo di rapporto che io preferivo); e facendomi capire ella di tenere sempre conto anche se "attualmente" solo in questo modo di una sua amicizia (che probabilmente ella mi vuole proprio avvertire in questi più sogni, che proprio al più presto svilupperemo appena si vivrà l'immortalità nell'immensità) !!!
- Infatti, la mattina del 24 giugno 2007, questa mia amica Simona, finalmente mi si è fatta rivedere in sogno, "funzionante" in tutti i punti (in particolare proprio nel suo organo sessuale, come "dicono le mie suddette scoperte per stare in buona salute nel tempo"), che faceva all'amore con me in perfetta libertà "proprio come dimostrato dagli Angeli nelle Opere", in presenza di mio nipote, che si chiama proprio "SIMONE" !!

In un altro sogno, una ragazza mi diceva di voler essere accettata da me anche se ha dei problemi di handicap, perchè anch'ella è e diventerà presto "DEL TUTTO NORMALE" in quest'era (anche di "quelle mie scoperte")...
Un sogno di "Renato Pozzetto" invece mi dimostrava finalmente un principio del funzionamento dell'immortalità: egli (in normalissima forma comica) si mostrava a me e ad alcuni suoi fans completamente sfinito: tanto che poi addirittura moriva.
Per questo motivo era stato messo in una bara e portato al vicino cimitero.
In questa bara egli mi dimostrava (però) "proprio" della promessa impossibilità di poter ancora fare effetto quella maledizione divina: tenendo gli occhi aperti, muovendosi un pò e riuscendo "poco" a salutare tutti quanti essi; dicendoci che ormai per egli (attualmente) rimaneva solo quel fatto !
- Continuando più o meno a muoversi egli sconfiggeva "quindi" regolarmente sempre più questa maledizione, ed accendeva proprio all'infinita potenza dell'immortalità ed immensità: annunciando egli in questo modo dunque, l'ingresso della loro fantastica Era ... *
Sogni di animazioni di oggetti:Ormai è sempre più tutto inevitabilmente in movimento come detto.
Probabilmente, prendendo anche spunto dal quel suddetto intervento chirurgico all'uretra (fino al prepuzio, nei suoi fianchi, ecc.) che io mi sono effettuato da me stesso in più volte: facendo funzionare "sempre meglio" il mio organo sessuale; verso la fine di maggio 2007, io sognavo quella mia insistenza sul fare funzionare al meglio "e senza sprechi" ad esempio anche una stampante "biricchina", riciclando in particolare l'inchiostro.
Ma alle più mie insistenze per farla funzionare, la cartuccia d'inchiostro "esplodeva", ancora un p'ò di insistenza e si bruciava un meccanismo, poi un altro e così via ...
...E ad ogni cosa che si bruciava, "per quella mia continua insistenza": questa stampante mi comunicava con normalissima voce, di ciò che allora ci si era bruciato !!!
(E tale sogno si è praticamente animato più o meno come altri: anche con le cartucce e stampanti effettivamente; in seguito ho avuto più problemi).
I sogni reali"divenuti proprio come dovrebbe essere la realtà": Altri sogni ancora "dunque" sono vissuti da me talmente chiari da essere praticamente proprio come reali: e quando questi raggiungono proprio questo livello vuol dire che presto si devono "necessariamente" per forza regolarmente animare con la contenuta nostra sacra, da sempre esistente, immortalità; proprio come sta dimostrando di essere l'umanità, che adesso si ritrova "anche costretta" a cominciare a sbocciare.
Ed ancora sognavo più corpi di defunti non affatto danneggiati ma BEN LUCIDI (più o meno come noi) accumulati in una stessa bara aperta che mi dimostravano del loro imminente risveglio e la capacità di una vecchietta di inserirsi in un'altra di quelle bare "popolari" sistemate sotto quel muro del camposanto, di dare a noi la BUONA NOTTE e di dormire tranquillissimamente con questi; proprio senza alcunissimo problema.

Altri nuovi sogni riguardano il girare di generici posti e "più volte" di appartamenti ed altro con "letteralmente" la divenuta proprio necessaria conclusione "del loro apposito bagno" (due volte ho sognato il "medesimo" sogno di uno di questo appartamento, probabilmente questo ci anticipa "il nuovo giusto finale con il sesso" dopo ogni qualsiasi giro amichevole); per poter evidenziare al prossimo "proprio fino al completo" i propri valori sacri (e "dunque" successivamente di concentrarli "ben adeguatamente").
L'era dei valori sacri e magici "indistruttibili" che si animano dappertutto: E anche altri sogni mi dimostravano proprio dell'inizio dell'Era della conquista dei generici valori sacri e magici: con l'animazione di oggetti del tipo "Furby": quindi da fargli amicizia, da imboccare durante pasti (insieme a se stesso) e praticamente dell'effettuare anche con essi proprio qualunque altra cosa ...

Un sogno fatto verso le ore 13 del giorno 25 novembre 2004 mi faceva visionare ad amici questo mio sito al computer, dopo la mia "completa" scoperta ed ultimazione delle "magiche manutenzioni".
Venivano nel monitor bellissimi pulsanti a canali dove era perfettamente facilissimo e possibilissimo scegliere proprio tutti i tipi di giochi, da quelli delle carte in poi (che essi hanno scelto e giocato), una "giusta TV", con tutti i preferiti (volendo sempre esistenti) bellissimi, nostalgici programmi, varietà ed altro di "veramente storici", ecc; una "comletamente purissima" fotografia di una monumentale Chiesa dove chiunque si può "seriamente" purificare, ottenere tutti gli aiuti possibili, nel sposarsi e praticamente proprio in ogni altra cosa che "giustamente" preferiscono.
La possibilissima libertà di intimità dovunque, (soprattutto al momento ed al posto giusto), ed altri canali dove praticamente ogni cosa giusta è proprio estremamente possibile.
E quindi tutti questi ultimi sogni "dunque", da un p'ò di tempo questa parte, trattano soprattutto solo più dell'evidenza e concentrazione" dei propri valori sacri intimi ed immortali con tutte le generiche e particolari magie che si stanno sempre più sviluppando e sull'era dell'immortalità: dei "principali" spiriti, a partire soprattutto dei miei amici intimi (per la pelle).
Infatti ho poi sognato un luogo dove la gente era socevolissima e capiva benissimo dell'estrema importanza che c'è nel praticare reciprocamente con noi tutta l'intimità generica: in auto e subito li sul prato "mentre sorridevano".
E verso i primi di settembre 2005 ho sognato finalmente l'unione tra noi ed alcuni miei parenti defunti che festeggiavamo a tavola una festa del tipo al paradiso: in uno dei miei posti preferiti.
Eravamo tutti proprio tranquillssimi senza proprio più alcunissimi problemi ...

Poi ho sognato di volare proprio come un "cupido" a bordo di un "cappello a cilindro adeguatamente largo" nella mia città (verso i giardini di Corso Mazzini) immune da ogni generica negatività ed in grado di risolvere proprio ogni problema dell'umanità che si può presentare ...

- I questi sogni mi viene proprio sempre dimostrando da vario tempo che tutti i nostri valori sacri sono sempre più pronti, che stanno anche letteralmente "bollendo" e che si stanno inserendo quindi nelle normalissime mansioni quotidiane, come effettivamente sta sempre più avvenendo (con prove) e proprio come fossero "da sempre" stati così; con il fabbisogno di essere regolarmente trattati esattamente per quello che sono e che "dicono": e questi adesso, non possono proprio più continuare a rimanere in questo modo ancora per molto (probabilmente questi devono attendere il Salvatore con il "completo" sviluppo delle mie magiche manutenzioni).
Essi stanno proprio insistendo con ciò dimostrandomi "in più sogni" proprio l'ingresso dell'era della concentrazione delle loro e nostre giuste bellezze e degli altri propri valori sacri, intimi ed immortali, evidenziando quindi l'effettiva estrema importanza "totale" che hanno le suddette prestazioni dimostrate a me da medici, infermieri ed infermiere e di comportarsi dunque proprio tranquillamente "liberi" come viene figurato nelle figure degli Angeli; facendo quindi proprio "tutto il più possibile" con il Prossimo, a cominciare "e sempre di più" in tutti i posti; ad esempio nel fare la pipì accanto a me ...

Un altro sogno della citata bambina di 10 anni (non recente) Tania Marenco mi introduceva nella sua casa di "Valleggia, SV" e mi parlava del suo proprio semplice modo di essere e delle sue preferenze di preferire restare anche con la famiglia e non solo con le sue amiche.
Poi ella aggiungeva quindi in ogni caso senza problemi Il suo estremo rispetto per me e per la sconfitta di questa anche sua causa che sto eseguendo.
E in un secondo suo sogno ella mi faceva notare, mentre passeggiavamo nel lungo mare e nelle strade di Corso Vittorio Veneto - SAVONA - di essere praticamente estremamente pronta " per la salvezza totale" mettendo ben in evidenza tutti di tutti i suoi valori sacri; insistendo sull'estrema loro capacità di essere in grado di cominciare a muoversi "finalmente completamente bene ", camminando; in un altro ritaglio del suo corpo di una sua fotografia di carta.
Effettivamente, quando le cose, in questo caso anche i sogni, parlano così tanto chiaramente, vuol dire che proprio da un momento all'altro succederà garantitamente qualcosa (di buono).
Questi Spiriti "principali" segnalano quindi che presto basterà soprattutto l'onestà per poter ad esempio incontrare, accarezzare dov'unque, dappertutto, ed amare "bene" proprio la persona (ed altre) da sempre desiderata ed avere proprio tutto di tutto ciò che giustamente ognuno preferisce (e proprio senza alcuna proibizione, come già viene anche (tranquillamente) dimostrato in altri tipi di sogni); visto che ciò ha anche una logica di fabbisogni propri ed altrui, ben precisa.