Visualizzazione post con etichetta Preghiere. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Preghiere. Mostra tutti i post

domenica 28 agosto 2016

Il Rosario, la preghiera più potente

«Credo che il rosario sia la preghiera più potente», scrive nell’introduzione al suo libro “Il mio rosario” (Edizioni San Paolo) Padre Gabriele Amorth, forse l’esorcista più conosciuto al mondo. Ha dedicato gran parte dei suoi libri agli esorcismi e alla figura del demonio. Oggi novantenne e in pensione ha deciso finalmente di svelare ai lettori e ai fedeli che lo seguono e per i quali è un punto di riferimento da anni, la fonte della forza interiore che lo ha sostenuto in questi lunghi anni in cui, per la diocesi di Roma, ha svolto il duro “servizio” di combattere quotidianamente contro le più subdole manifestazioni del maligno: la preghiera del Rosario insieme alle riflessioni sui venti misteri che egli recita ogni giorno.
Riportiamo i passi più significativi presenti in una delle due appendici dove l’autore tratta del rapporto dei Pontefici con il Santo Rosario, i quali ci illuminano sulla prospettiva e il sentimento che ha animato ciascuno di essi di fronte al “mistero” del Rosario.
Papa Giovanni XIII, riprendendo la bella definizione di Papa Pio V così si esprime:
«Il rosario, come è a tutti noto, è un modo eccellentissimo di preghiera meditata, costituito a guisa di mistica corona, in cui le orazioni del Pater noster, dell’Ave Maria e del Gloria s’intrecciano alla considerazione dei più alti misteri della nostra fede, per cui viene presentato alla mente come in tanti quadri il dramma dell’incarnazione e della redenzione di nostro Signore».
Papa Paolo VI, nell’enciclica Christi Matri raccomanda di essere amici del rosario con queste parole:
«Il Concilio Ecumenico Vaticano II, sebbene non espressamente, ma con chiara indicazione, ha infervorato l’animo di tutti i figli della Chiesa per il rosario, raccomandando di stimare grandemente le pratiche e gli esercizi di pietà verso di Lei (Maria), come sono state raccomandate dal Magistero nel corso dei tempi».
Papa Giovanni Paolo I di fronte alle contestazioni al rosario, da catechista nato quale era risponde con queste parole improntate a fermezza, semplicità e vivacità:
«Il rosario da alcuni è contestato. Dicono: è preghiera che cade nell’automatismo, riducendosi a una ripetizione frettolosa, monotona e stucchevole di Ave Maria. Oppure: è roba da altri tempi; oggi c’è di meglio: lalettura della Bibbia, per esempio, che sta al rosario come il fior di farina alla crusca! Mi si permetta di dire in proposito qualche impressione di pastore d’anime.
Prima impressione: la crisi del rosario viene in secondo tempo. In antecedenza c’è oggi la crisi della preghiera in generale. La gente è tutta presa dagli interessi materiali; all’anima pensa pochissimo. Il fracasso poi ha invaso la nostra esistenza. Macbeth potrebbe ripetere: ho ucciso il sonno, ho ucciso il silenzio! Per la vita intima e la «dulcis sermocinatio», o dolce colloquio con Dio, si fa fatica a trovare qualche briciola di tempo. (…) Personalmente, quando parlo da solo a Dio e alla Madonna, più che adulto, preferisco sentirmi fanciullo; la mitra, lo zucchetto, l’anello scompaiono; mando in vacanza l’adulto e anche il vescovo, con relativo contegno grave, posato e ponderato per abbandonarmi alla tenerezza spontanea, che ha un bambino davanti a papà e mamma. Essere– almeno per qualche mezz’ora – davanti a Dio quello che in realtà sono con la mia miseria e con il meglio di me stesso: sentire affiorare dal fondo del mio essere il fanciullo di una volta che vuol ridere, chiacchierare, amare il Signore e che talora sente il bisogno di piangere, perché gli venga usata misericordia, mi aiuta a pregare. Il rosario, preghiera semplice e facile, a sua volta, mi aiuta a essere fanciullo, e non me ne vergogno punto».
Giovanni Paolo II, confermando la sua speciale devozione mariana che lo porta ad integrare nel rosario i misteri della Luce, nell’enciclica Rosarium Virginis Mariae ci sprona a riprenderne con fede la pratica quotidiana:
«La storia del rosario mostra come questa preghiera sia stata utilizzata specialmente dai Domenicani, in un momento difficile per la Chiesa a motivo del diffondersi dell’eresia. Oggi siamo davanti a nuove sfide. Perché non riprendere in mano la Corona con la fede di chi ci ha preceduto? Il rosario conserva tutta la sua forza e rimane una risorsa non trascurabile nel corredo pastorale di ogni buon evangelizzatore».
Giovanni Paolo II ci stimola a considerare il rosario come contemplazione del volto di Cristo in compagnia e alla scuola della sua Madre Santissima, e a recitarlo con questo spirito e devozione.
Papa Benedetto XVI invita a riscoprire la forza e l’attualità del rosario oltre alla sua funzione di farci ripercorrere il mistero dell’incarnazione e della resurrezione del Figlio di Dio:
«Il santo rosario non è una pratica del passato come orazione di altri tempi a cui pensare con nostalgia. Al contrario, il rosario sta sperimentando una nuova primavera. Questo è senz’altro uno dei segni più eloquenti dell’amore che le giovani generazioni nutrono per Gesù e per la Madre sua Maria. Nel mondo attuale così dispersivo, questa preghiera aiuta a porre Cristo al centro, come faceva la Vergine, che meditava interiormente tutto ciò che si diceva del suo Figlio, e poi quello che Egli faceva e diceva. Quando si recita il rosario si rivivono i momenti importanti e significativi della storia della salvezza; si ripercorrono le varie tappe della missione di Cristo. Con Maria si orienta il cuore al mistero di Gesù. Si mette Cristo al centro della nostra vita, del nostro tempo, delle nostre città, mediante la contemplazione e la meditazione dei suoi santi misteri di gioia, di luce, di dolore e di gloria. (…). Il rosario, quando è pregato in modo autentico, non meccanico e superficiale ma profondo, reca infatti pace e riconciliazione. Contiene in sé la potenza risanatrice del Nome santissimo di Gesù, invocato con fede e con amore al centro di ogni Ave Maria. Il rosario, quando non è meccanica ripetizione di formule tradizionali, è una meditazione biblica che ci fa ripercorrere gli eventi della vita del Signore in compagnia della Beata Vergine, conservandoli, come Lei, nel nostro cuore».
Queste parole, vergate a mano il 13 maggio 2014, festa della Madonna di Fatima, rappresentano l’invito alla lettura posto all’inizio del libro “Il rosario. Preghiera del cuore”.
Padre Amorth così conclude la sua introduzione, sottolineando l’assoluta centralità della Madonna nella lotta contro il Male che egli come esorcista ha personalmente condotto, e che in una prospettiva universale rappresenta la più grande sfida che il mondo moderno ha davanti a sé.
«(…) Dedico questo libro al Cuore Immacolato di Maria, da cui dipende l’avvenire del nostro mondo. Così ho capito da Fatima e da Medjugorje. La Madonna già nel 1917 a Fatima ha annunciato il finale: «Alla fine il mio Cuore Immacolato trionferà».
Fonte Pagina Facebook Ufficiale :Padre Gabriele Amorth

mercoledì 22 giugno 2016

NOVENA DEL PREZIOSISSIMO SANGUE DI GESU’

La preghiera che il demonio non sopporta: Novena del Preziosissimo Sangue di Gesù

O immensa ed eterna maestà di Dio, Santissima Trinità: Padre, Figlio e Spirito Santo, io umilissima tua creatura ti adoro e ti lodo con il maggiore affetto e ossequio che si possa dare dalle creature. Alla tua presenza e alla presenza di Maria Santissima, Regina del cielo, alla presenza del mio Angelo Custode, dei miei Santi Patroni e di tutta la corte celeste, affermo che questa orazione e petizione che sto per fare alla pietosa e misericordiosa Vergine Maria per i meriti del prezioso Sangue di Gesù, intendo farla con retta intenzione e principalmente per la tua gloria, per la salvezza mia e del mio prossimo. Pertanto spero da te, mio Dio sommo Bene, mediante l’intercessione della Vergine Santissima, di conseguire la grazia che umilmente ti chiedo per i meriti infiniti del preziosissimo Sangue di Gesù. Ma che posso fare io nello stato presente in cui mi trovo, se non confessare a te, mio Dio, tutti i miei peccati commessi sino a oggi, domandandoti nuovamente la purificazione nel Sangue di Gesù? Sì mio Dio, me ne pento e me ne dolgo di vero cuore, non per timore dell’inferno, che ho meritato, ma solamente per aver offeso te, sommo Bene. Propongo fermamente con la tua santa grazia di non offenderti mai più per l’avvenire e di fuggire le occasioni prossime di peccato. Pietà Signore, perdonami. Amen.
Sotto la tua protezione mi rifugio o Santa Madre di Dio: non disdegnare la preghiera che ti rivolgo, o Vergine gloriosa e benedetta.
      O Dio vieni a salvarmi. Signore vieni presto in mio aiuto. Gloria al Padre… 
“Tutta bella sei, o Maria, e macchia originale non è in te”. Sei purissima, o Vergine Maria, Regina del cielo e della terra, Madre di Dio. Ti saluto, ti venero e ti benedico per sempre. O Maria, a te ricorro, te invoco. Aiutami dolcissima Madre di Dio; aiutami Regina del cielo; aiutami pietosissima Madre e Rifugio dei peccatori; aiutami Madre del mio dolcissimo Gesù. E poiché non vi è cosa che ti si domanda in virtù della passione di Gesù Cristo che da te non si ottenga, con viva fede ti prego di concedermi la grazia che tanto mi sta a cuore; te la chiedo per il divin Sangue che Gesù sparse per la nostra salvezza. Non cesserò di gridare a te finché non mi abbia esaudito. O Madre di misericordia, sono fiducioso di ottenere questa grazia, perché te la chiedo per i meriti infiniti del preziosissimo Sangue del tuo dilettissimo Figlio. O Mamma dolcissima, per i meriti del Sangue preziosissimo del tuo divin Figlio concedimi la grazia (qui si domanda la grazia che si desidera) vedere esempi in fondo alla novena

1. Te la domando, Madre Santissima, per quel puro, innocente e benedetto Sangue che Gesù versò nella sua circoncisione alla tenera età di soli otto giorni.
Ave Maria, ecc. 
O Vergine Maria, per i meriti del Sangue prezioso del tuo divin Figlio intercedi per me presso il Padre celeste.
2. Te la chiedo, o Maria Santissima, per quel puro, innocente e benedetto Sangue che Gesù versò in abbondanza nell’agonia dell’Orto.
Ave Maria, ecc. 
O Vergine Maria, per i meriti del Sangue prezioso del tuo divin Figlio intercedi per me presso il Padre celeste.
3. Te la imploro, o Maria Santissima, per quel puro, innocente e benedetto Sangue che Gesù versò copiosamente quando, spogliato e legato alla colonna, fu crudelmente flagellato.
Ave Maria, ecc. 
O Vergine Maria, per i meriti del Sangue prezioso del tuo divin Figlio intercedi per me presso il Padre celeste.
4. Te la domando, Madre Santissima, per quel puro, innocente e benedetto Sangue che Gesù versò dal capo quando fu coronato di pungentissime spine.
Ave Maria, ecc. 
O Vergine Maria, per i meriti del Sangue prezioso del tuo divin Figlio intercedi per me presso il Padre celeste.
5. Te la chiedo, Maria Santissima, per quel puro, innocente e benedetto Sangue che Gesù versò portando la croce sulla via del Calvario e specialmente per quel vivo Sangue misto alle lacrime che tu spargesti accompagnandolo al sacrificio supremo.
Ave Maria, ecc. 
O Vergine Maria, per i meriti del Sangue prezioso del tuo divin Figlio intercedi per me presso il Padre celeste.
6. Ti supplico, Maria Santissima, per quel puro, innocente e benedetto Sangue che Gesù versò dal corpo quando fu spogliato delle vesti, quello stesso sangue che versò dalle mani e dai piedi quando fu confitto sulla croce con durissimi e pungentissimi chiodi. Te la chiedo soprattutto per il Sangue che versò durante la sua acerbissima e straziante agonia.
Ave Maria, ecc. 
O Vergine Maria, per i meriti del Sangue prezioso del tuo divin Figlio intercedi per me presso il Padre celeste.
7. Esaudiscimi, purissima Vergine e Madre Maria, per quel dolcissimo e mistico Sangue e acqua che uscì dal costato di Gesù quando dalla lancia gli fu trafitto il Cuore. Per quel Sangue purissimo concedimi, o Vergine Maria, la grazia che ti domando; per quel Sangue preziosissimo, che profondamente adoro e che è mia bevanda nella mensa del Signore, esaudiscimi o pietosa e dolce Vergine Maria.
Ave Maria, ecc. 
O Vergine Maria, per i meriti del Sangue prezioso del tuo divin Figlio intercedi per me presso il Padre celeste.
Angeli e Santi tutti del Paradiso, che contemplate la gloria di Dio, unite la vostra preghiera a quella della cara Madre e Regina Maria Santissima e ottenetemi presso il Padre celeste la grazia che domando per i meriti del Sangue prezioso del nostro divin Redentore. Anche a voi ricorro, Anime Sante del purgatorio, perché preghiate per me e chiediate al Padre celeste la grazia che imploro per quel Sangue preziosissimo che il mio e vostro Salvatore versò dalle sue sacratissime piaghe.
Anche io per voi offro all’eterno Padre il Sangue preziosissimo di Gesù, perché possiate goderlo pienamente e lodarlo per sempre nella gloria del cielo cantando: “Ci hai redenti o Signore, con il tuo Sangue e hai fatto di noi un regno per il nostro Dio”. Amen.
O buono e amabile Signore, dolce e misericordioso, pietà di me e di tutte le anime, sia vive che defunte, che hai redente con il tuo Sangue prezioso. Amen.
Sia benedetto il Sangue di Gesù ora e sempre.

Quando vi è di mezzo una persona “a rischio”, cioè per es. un ragazzo che beve o ha problemi da dipendenza da droga, un marito o una moglie che stanno per separarsi o che hanno altri problemi personali pesanti, è opportuno che chi prega chieda in una prima “novena” (9 giorni, nono giorno compreso) la grazia della salvezza di questa persona. Es:  «O Mamma dolcissima, per i meriti del Sangue preziosissimo del tuo divin Figlio concedimi la grazia che (NOME DELLA PERSONA CHE SI VUOLE AIUTARE) , si salvi al termine del suo passaggio terreno e possa venirti a ringraziare nella Gerusalemme celeste e con te lodare e ringraziare Gesù». Dopo che è stata fatta per la salvezza, si può cominciare a recitare  un’altra novena chiedendo la conversione della persona. In tal caso occorre continuare a recitarla all’infinito, fino alla soluzione del problema. OCCORRE INSISTERE. QUESTA INSISTENZA PIACE A DIO. Naturalmente con questa Novena, che è molto potente, si può chiedere tutto ciò che si desidera dal Signore.

martedì 10 maggio 2016

Preghiera al Santo Spirito

Spirito Santo, amore e soavità del Padre e del Figlio, fiore e profumo della santità di Dio, fuoco divino acceso in me, rendi tutto nuovo il mio cuore; togli ogni macchia e oscurità, brucia ogni impurità e rendimi conforme all'immagine del Figlio divino. Spirito di fuoco che Ti degni di abitare personalmente in me per santificarmi, accendi in me questo fuoco d'amore; penetra e investi con la tua fiamma tutta l'anima mia; scaccia ogni affetto disordinato; spingimi a conquiste apostoliche; donami la grazia di essere fiamma e di ardere di puro ed eterno amore.

martedì 5 aprile 2016

Come satana disturba il nostro pregare

Satana opera nelle nostre vite in maniera costante. La sua è un’attività che non conosce pause nè riposo: i suoi agguati sono continui, la sua capacità di suggerire il male è difficile da cogliere e difficilissima da estirpare, le sue doti mistificatorie rendono arduo il compito di riconoscerlo e combatterlo, soprattutto per quei cristiani con una fede solida, che rappresentano i suoi bersagli preferiti. Specialmente quando pregano.
A questo proposito vorremmo raccontarvi la storia di un ragazzo, nato sotto il segno di Satana (i suoi genitori erano satanisti), che al demonio ha consacrato la sua vita, prima di convertirsi al cristianesimo. La sua conversione sarebbe avvenuta ad opera di un’intera comunità che egli aveva intenzione di attaccare col supporto dei demoni di cui era stimato alleato, ma dalla quale venne sconfitto grazie a fede e digiuno collettivi.
In quanto profondo conoscitore delle forze oscure, il ragazzo rappresentava una inedita fonte di informazioni per chi il male vuole combatterlo e conosceva tutti i modi in cui Satana interrompeva le nostre preghiere. E per questa ragione John Mulinde, sacerdote nato ed operante in Uganda, ha voluto sentire cosa il ragazzo aveva da dire. Riguardo la credibilità di John Mulinde, basti citare il fatto che è stato sfigurato con l’acido da bande di estremisti islamici che avevano in odio il suo operato.Quanto ha appreso circa le forze del male è oggi di straordinaria importanza.
Secondo il ragazzo bisogna immaginare il mondo come rivestito di una roccia scura (il male). L’intensità delle preghiere varia a seconda della loro capacità di perforare questa coltre malefica, e di irradiarsi verso l’alto per raggiungere Dio. Distingue tre tipi di preghiere: quelle provenienti da chi prega occasionalmente; quelle di chi prega abbastanza spesso e consapevolmente, ma nei momenti liberi; quelle di chi prega continuativamente perchè ne sente l’esigenza.
Nel primo caso si solleva con le preghiere una sorta di fumo con poca consistenza, che si disperde nell’aria senza nemmeno riuscire a raggiungere la coltre nera. Nel secondo caso il fumo spirituale si solleva in aria, ma si disperde al contatto con la cortina scura. Nel terzo caso si tratta di persone estremamente,credenti, la cui preghiera è frequente, ed il cui fumo è in grado di perforare lo strato scuro, e proiettarsi verso l’alto, e verso Dio.
Satana sa bene che l’intensità della preghiera dipende dalla continuità con cui si dialoga con Dio, e tenta di recidere questo rapporto nel momento in cui il legame si fa più stretto, attraverso una serie di piccoli trucchi che spesso bastano per raggiungere l’obiettivo: distrarre. Fa squillare il telefono, procura un’improvvisa fame che spinge il cristiano ad interrompere la sua preghiera, oppure arreca dei piccoli disturbi o dolori fisici che deconcentrano ed inducono a rimandare la preghiera.
A quel punto lo scopo di Satana è raggiunto. Non lasciamoci quindi distrarre da nulla, quando siamo in preghiera. Continuiamo fino a sentire che la nostra preghiera è diventata lineare, piacevole, ed intensa. Continuiamo fino a rompere le barriere del male, perchè una volta perforata la coltre, non c’è modo per Satana di riportarci indietro!

Fonte: gloria.tv

giovedì 31 marzo 2016

La nascita della preghiera a San Michele Arcangelo


La visione diabolica di Papa Leone XIII e la nascita della preghiera a San Michele Arcangelo

Molti di noi ricordano come, prima della riforma liturgica dovuta al concilio Vaticano II, il celebrante e i fedeli si mettevano in ginocchio alla fine di ogni messa, per recitare una preghiera alla Madonna ed una a S. Michele arcangelo. Riportiamo il testo di quest'ultima, perché è una preghiera bella, che può essere recitata da tutti con frutto:

«San Michele Arcangelo, difendici nella battaglia; contro le malvagità e le insidie del diavolo sii nostro aiuto. Ti preghiamo supplici: che il Signore lo comandi! E tu, principe delle milizie celesti, con la potenza che ti viene da Dio, ricaccia nell'inferno Satana e gli altri spinti maligni, che si aggirano per il mondo a perdizione delle anime».

Come è nata questa preghiera? Trascrivo quanto pubblicò la rivista Ephemerides Liturgicae, nel 1955, pagg. 58-59.

P. Domenico Pechenino scrive: «Non ricordo l'anno preciso. Un mattino il grande Pontefice Leone XIII aveva celebrato la S. Messa e stava assistendone un'altra, di ringraziamento, come al solito. Ad un tratto lo si vide drizzare energicamente il capo, poi fissare qualche cosa al di sopra del capo del celebrante. Guardava fisso, senza batter palpebra, ma con un senso di terrore. e di meraviglia, cambiando colore e lineamenti. Qualcosa di strano, di grande avveniva in lui.

Finalmente, come rivenendo in sé, dando un leggero ma energico tocco di mano, si alza. Lo si vede avviarsi verso il suo studio privato. I familiari lo seguono con premura e ansiosi. Gli dicono sommessamente: Santo Padre, non si sente bene? Ha bisogno di qualcosa? Risponde: Niente, niente. Dopo una mezz'ora fa chiamare il Segretario della Congregazione dei Riti e, porgendogli un foglio, gli ingiunge di farlo stampare e di farlo pervenire a tutti gli Ordinari del mondo. Che cosa conteneva? La preghiera che recitiamo al termine della Messa insieme al popolo, con la supplica a Maria e l'infocata invocazione al Principe delle milizie celesti, implorando Dio che ricacci Satana nell'inferno».

In quello scritto si ordinava anche di recitare tali preghiere in ginocchio. Quanto sopra, che era stato pubblicato anche nel giornale La settimana del clero, il 30 marzo 1947, non cita le fonti da cui è stata attinta la notizia. Risulta però il modo insolito con cui fu ordinato di recitare quella preghiera, che venne spedita agli Ordinari nel 1886. A conferma di quanto scrive P. Pechenino abbiamo l'autorevole testimonianza del card. Nasalli Rocca che, nella sua Lettera Pastorale per la quaresima, emanata a Bologna nel 1946, scrive:

« Leone XIII scrisse egli stesso quella preghiera. La frase (i demoni) che si aggirano nel mondo a perdizione delle anime ha una spiegazione storica, a noi più volte riferita dal suo segretario particolare, mons. Rinaldo Angeli. Leone XIII ebbe veramente la visione degli spiriti infernali che si addensavano sulla città eterna (Roma); e da quella esperienza venne la preghiera che volle far recitare in tutta la Chiesa. Tale preghiera egli la recitava con voce vibrata e potente: la udimmo tante volte nella basilica vaticana. Non solo, ma scrisse di sua mano uno speciale esorcismo contenuto nel Rituale Romano (edizione 1954, tit. XII, c. III, pag. 863 e segg.). Questi esorcismi egli raccomandava ai vescovi e ai sacerdoti di recitarli spesso nelle loro diocesi e parrocchie. Egli lo recitava spessissimo lungo il giorno».

È anche interessante tener conto di un altro fatto, che arricchisce ancor più il valore di quelle preghiere che si recitavano dopo ogni messa. Pio XI volle che, nel recitare queste preghiere, vi si ponesse una particolare intenzione per la Russia (allocuzione del 30 giugno 1930). In tale allocuzione, dopo aver ricordato le preghiere per la Russia a cui aveva sollecitato anche tutti i fedeli nella ricorrenza del patriarca S. Giuseppe (19 marzo 1930), e dopo aver ricordato la persecuzione religiosa in Russia, così conclude:

«E affinché tutti possano senza fatica ed incomodo continuare in questa santa crociata, stabiliamo che quelle preci che il nostro antecessore di felice memoria, Leone XIII, comandò che si recitassero dopo la messa dai sacerdoti e dai fedeli, siano dette a questa particolare intenzione, e cioè per la Russia. Di ciò i Vescovi e il clero secolare e regolare abbiano cura di rendere informati il loro popolo e quanti sono presenti al S. Sacrificio, né manchino di richiamare spesso quanto sopra alla loro memoria» (Civiltà Cattolica, 1930, vol. III).

Come si vede la tremenda presenza di Satana è stata tenuta presente con molta chiarezza dai Pontefici; e l'intenzione aggiunta da Pio XI toccava il centro delle false dottrine seminate nel nostro secolo e che tuttora avvelenano la vita non solo dei popoli, ma degli stessi teologi. Se poi le disposizioni di Pio XI non sono state osservate, è colpa di coloro a cui erano state affidate; certamente si integravano bene con gli avvenimenti carismatici che il Signore aveva dato all'umanità attraverso le apparizioni di Fatima, pur essendo indipendenti da esse: Fatima allora era ancora sconosciuta nel mondo.
Tratto da “Un Esorcista racconta”

La visione diabolica di Papa Leone XIII e la nascita della preghiera a San Michele Arcangelo

Molti di noi ricordano come, prima della riforma liturgica dovuta al concilio Vaticano II, il celebrante e i fedeli si mettevano in ginocchio alla fine di ogni messa, per recitare una preghiera alla Madonna ed una a S. Michele arcangelo. Riportiamo il testo di quest'ultima, perché è una preghiera bella, che può essere recitata da tutti con frutto:

«San Michele Arcangelo, difendici nella battaglia; contro le malvagità e le insidie del diavolo sii nostro aiuto. Ti preghiamo supplici: che il Signore lo comandi! E tu, principe delle milizie celesti, con la potenza che ti viene da Dio, ricaccia nell'inferno Satana e gli altri spinti maligni, che si aggirano per il mondo a perdizione delle anime».

Come è nata questa preghiera? Trascrivo quanto pubblicò la rivista Ephemerides Liturgicae, nel 1955, pagg. 58-59.

P. Domenico Pechenino scrive: «Non ricordo l'anno preciso. Un mattino il grande Pontefice Leone XIII aveva celebrato la S. Messa e stava assistendone un'altra, di ringraziamento, come al solito. Ad un tratto lo si vide drizzare energicamente il capo, poi fissare qualche cosa al di sopra del capo del celebrante. Guardava fisso, senza batter palpebra, ma con un senso di terrore. e di meraviglia, cambiando colore e lineamenti. Qualcosa di strano, di grande avveniva in lui.

Finalmente, come rivenendo in sé, dando un leggero ma energico tocco di mano, si alza. Lo si vede avviarsi verso il suo studio privato. I familiari lo seguono con premura e ansiosi. Gli dicono sommessamente: Santo Padre, non si sente bene? Ha bisogno di qualcosa? Risponde: Niente, niente. Dopo una mezz'ora fa chiamare il Segretario della Congregazione dei Riti e, porgendogli un foglio, gli ingiunge di farlo stampare e di farlo pervenire a tutti gli Ordinari del mondo. Che cosa conteneva? La preghiera che recitiamo al termine della Messa insieme al popolo, con la supplica a Maria e l'infocata invocazione al Principe delle milizie celesti, implorando Dio che ricacci Satana nell'inferno».

In quello scritto si ordinava anche di recitare tali preghiere in ginocchio. Quanto sopra, che era stato pubblicato anche nel giornale La settimana del clero, il 30 marzo 1947, non cita le fonti da cui è stata attinta la notizia. Risulta però il modo insolito con cui fu ordinato di recitare quella preghiera, che venne spedita agli Ordinari nel 1886. A conferma di quanto scrive P. Pechenino abbiamo l'autorevole testimonianza del card. Nasalli Rocca che, nella sua Lettera Pastorale per la quaresima, emanata a Bologna nel 1946, scrive:

« Leone XIII scrisse egli stesso quella preghiera. La frase (i demoni) che si aggirano nel mondo a perdizione delle anime ha una spiegazione storica, a noi più volte riferita dal suo segretario particolare, mons. Rinaldo Angeli. Leone XIII ebbe veramente la visione degli spiriti infernali che si addensavano sulla città eterna (Roma); e da quella esperienza venne la preghiera che volle far recitare in tutta la Chiesa. Tale preghiera egli la recitava con voce vibrata e potente: la udimmo tante volte nella basilica vaticana. Non solo, ma scrisse di sua mano uno speciale esorcismo contenuto nel Rituale Romano (edizione 1954, tit. XII, c. III, pag. 863 e segg.). Questi esorcismi egli raccomandava ai vescovi e ai sacerdoti di recitarli spesso nelle loro diocesi e parrocchie. Egli lo recitava spessissimo lungo il giorno».

È anche interessante tener conto di un altro fatto, che arricchisce ancor più il valore di quelle preghiere che si recitavano dopo ogni messa. Pio XI volle che, nel recitare queste preghiere, vi si ponesse una particolare intenzione per la Russia (allocuzione del 30 giugno 1930). In tale allocuzione, dopo aver ricordato le preghiere per la Russia a cui aveva sollecitato anche tutti i fedeli nella ricorrenza del patriarca S. Giuseppe (19 marzo 1930), e dopo aver ricordato la persecuzione religiosa in Russia, così conclude:

«E affinché tutti possano senza fatica ed incomodo continuare in questa santa crociata, stabiliamo che quelle preci che il nostro antecessore di felice memoria, Leone XIII, comandò che si recitassero dopo la messa dai sacerdoti e dai fedeli, siano dette a questa particolare intenzione, e cioè per la Russia. Di ciò i Vescovi e il clero secolare e regolare abbiano cura di rendere informati il loro popolo e quanti sono presenti al S. Sacrificio, né manchino di richiamare spesso quanto sopra alla loro memoria» (Civiltà Cattolica, 1930, vol. III).

Come si vede la tremenda presenza di Satana è stata tenuta presente con molta chiarezza dai Pontefici; e l'intenzione aggiunta da Pio XI toccava il centro delle false dottrine seminate nel nostro secolo e che tuttora avvelenano la vita non solo dei popoli, ma degli stessi teologi. Se poi le disposizioni di Pio XI non sono state osservate, è colpa di coloro a cui erano state affidate; certamente si integravano bene con gli avvenimenti carismatici che il Signore aveva dato all'umanità attraverso le apparizioni di Fatima, pur essendo indipendenti da esse: Fatima allora era ancora sconosciuta nel mondo.
Tratto da “Un Esorcista racconta”

di Padre Gabriele Amorth



lunedì 28 marzo 2016

Padre Leopoldo, amasti Dio (canto)

Padre Leopoldo, amasti Dio
sopra ogni cosa con fede viva,
ponesti in Lui la tua fiducia
e lo seguisti con fedeltà.

O San Leopoldo, vicino a Dio,
prega, prega per noi.

Nella celletta confessionale,
lieto accogliesti i peccatori
e del Signore manifestasti
la tenerezza e la bontà.
Rit.

Tutto te stesso a Dio donasti
perché la pace regni nel mondo
e nella Chiesa presto ritorni
un solo ovile, nell'unità.
Rit.

Umile servo della Madonna,
tu la chiamasti la dolce Madre
e tutti i giorni, con grande affetto,
a Lei portasti un fresco fior.
Rit.

O San Leopoldo, prega il Signore
che la sua luce splenda nel mondo
perché lo guidi nella sua via
e porti pace, serenità.

Frutti della preghiera

domenica 14 giugno 2015

SANT'ANTONIO DA PADOVA

BREVE TREDICINA A SANT' ANTONIO
Si tratta di una delle devozioni caratteristiche al Santo di Padova alla cui festa ci si prepara per ben tredici giorni (invece dei soliti nove giorni della novena). La devozione ha origine dalla convinzione popolare che il Santo conceda ogni giorno ai suoi devoti ben tredici grazie e anche dal fatto che la sua festa ricorre proprio il 13 del mese; così per suo merito il tredici è diventato un numero che porta fortuna.


1. O glorioso sant'Antonio, che hai avuto da Dio il potere di risuscitare i morti, risveglia l'anima mia dalla tiepidezza e ottienimi una vita fervorosa e santa.
Gloria al Padre...

2. O sapiente sant'Antonio, che con la tua dottrina sei stato luce per la santa Chiesa e per il mondo, illumina l'anima mia aprendola alla divina verità.
Gloria al Padre...

3. O pietoso Santo, sempre pronto a soccorrere i tuoi devoti, soccorri anche l'anima mia nelle attuali necessità.
Gloria al Padre...

4. O generoso Santo, che accogliendo la divina ispirazione, hai consacrato la tua vita al servizio di Dio, fa' che io ascolti docilità la voce del Signore.
Gloria al Padre...

5. O sant'Antonio, vero giglio di purità, non permettere che la mia anima resti macchiata dal peccato, e fa' che viva nell'innocenza della vita.
Gloria al Padre...

6. O caro Santo, per la cui intercessione tanti infermi ritrovano la salute, aiuta la mia anima a guarire dalla colpa e dalle inclinazioni cattive.
Gloria al Padre...

7. O S. Antonio, che ti sei prodigato per salvare i fratelli, guidami nel mare della vita e dammi il tuo aiuto perché possa giungere al porto della salvezza eterna.
Gloria al Padre...

8. O compassionevole S. Antonio, che durante la vita hai liberato tanti condannati, ottienimi la grazia di essere sciolto dai legami del peccato per non essere riprovato da Dio nell'eternità. Gloria al Padre...

9. O santo Taumaturgo, che hai avuto il dono di ricongiungere ai corpi le membra recise, non permettere che io mi separi mai dall'amore di Dio e dall'unità della Chiesa. Gloria al Padre..

10. O soccorritore dei poveri, che ascolti quanti ricorrono a te, accogli la mia supplica e presentala a Dio affinché egli mi doni il suo aiuto.
Gloria al Padre...

11. O carissimo Santo, che ascolti tutti quelli che ricorrono a te, accogli con bontà anche la mia preghiera, e presentala a Dio affinché io sia esaudito.
Gloria al Padre...

12. O sant' Antonio, che sei stato apostolo instancabile della parola di Dio, fa' che io possa dare testimonianza della mia fede con la parola e con l'esempio.
Gloria al Padre...

13. O amatissimo sant'Antonio, che a Padova hai la tua tomba benedetta, guarda alle mie necessità; parli a Dio per me la tua lingua miracolosa affinché io possa essere consolato ed esaudito.
Gloria al Padre...

Prega per noi, Sant'Antonio di Padova
E saremo fatti degni delle promesse di Cristo.

Preghiamo

Dio onnipotente ed eterno, che in sant'Antonio di Padova hai dato al tuo popolo un insigne predicatore del Vangelo e un patrono dei poveri e dei sofferenti, concedi a noi, per sua intercessione, di seguire i suoi insegnamenti di vita cristiana e di sperimentare, nella prova, il soccorso della tua misericordia. Per Cristo nostro Signore. Amen.



LITANIE A SANT' ANTONIO DA PADOVA

Signore, pietà Signore, pietà
Cristo, pietà Cristo pietà
Signore, pietà Signore pietà
Cristo, ascoltaci Cristo ascoltaci
Cristo, esaudiscici Cristo esaudiscici
Padre celeste, Dio abbi pietà di noi
Figlio redentore del mondo,Dio abbi pietà di noi
Spirito Santo, Dio abbi pietà di noi
Santa Trinità, unico Dio abbi pietà di noi

Santa Maria prega per noi
S. Madre di Dio prega per noi
Santa Vergine delle vergini prega per noi
Sant'Antonio: martire di desiderio prega per noi
Sant'Antonio: sublime per contemplazione prega per noi
Sant'Antonio: esempio di semplicità prega per noi
Sant'Antonio: esempio di castità prega per noi
Sant'Antonio: esempio di mitezza prega per noi
Sant'Antonio: ricco di prudenza prega per noi
Sant'Antonio: ricco di temperanza prega per noi
Sant'Antonio: ricco di fortezza prega per noi
Sant'Antonio: fervido nella carità prega per noi
Sant'Antonio: generoso nell'amore prega per noi
Sant'Antonio: amante della pace prega per noi
Sant'Antonio: nemico dei vizi prega per noi
Sant'Antonio: disprezzatore della vanità prega per noi
Sant'Antonio: modello di ogni virtù prega per noi
Sant'Antonio: gemma dei confessori prega per noi
Sant'Antonio: predicatore insigne del Vangelo prega per noi
Sant'Antonio: predicatore della grazia prega per noi
Sant'Antonio: apostolo di ogni virtù prega per noi
Sant'Antonio: dottore evangelico prega per noi
Sant'Antonio: dottore della verità prega per noi
Sant'Antonio: arca del testamento prega per noi
Sant'Antonio: vincitore del demonio prega per noi
Sant'Antonio: mirabile operatore di miracoli prega per noi
Sant'Antonio: protettore delle cose perdute prega per noi
Sant'Antonio: potente contro la lebbra prega per noi
Sant'Antonio: potente contro ogni infermità prega per noi
Sant'Antonio: potente contro la morte prega per noi
Sant'Antonio:  consolatore degli afflitti prega per noi
Sant'Antonio: emulo del Padre S. Francesco prega per noi
Sant'Antonio: immagine di Gesù Cristo prega per noi
Sant'Antonio: gloria del Portogallo prega per noi
Sant'Antonio: letizia dell'Italia prega per noi
Sant'Antonio: onore della Chiesa prega per noi
Agnello di Dio, che togli i peccati del mondo,
perdonaci, o Signore
Agnello di Dio, che togli i peccati del mondo,
esaudiscici, o Signore
Agnello dì Dio, che togli i peccati del mondo,
abbi pietà di noi



INVOCAZIONE A SANT' ANTONIO
(di san Bonaventura)

Ricordati, o caro sant'Antonio, che tu hai sempre aiutato e consolato chiunque è ricorso a te nelle sue necessità.

Animato da grande confidenza e dalla certezza di non pregare invano, anch'io ricorro a te, che sei così ricco di meriti davanti al Signore. Non rifiutare la mia preghiera, ma fa' che essa giunga, con la tua intercessione, al trono di Dio.

Vieni in mio soccorso nella presente angustia e necessità, e ottienimi la grazia che ardentemente imploro, se è per il bene dell'anima mia...

Benedici il mio lavoro e la mia famiglia: tieni lontane da essa le malattie e i pericoli dell'anima e dei corpo. Fa' che nell'ora del dolore e della prova io possa rimanere forte nella fede e nell'amore di Dio. Amen.



PREGHIERA A SANT' ANTONIO DA PADOVA

O gran Santo, chiamato comunemente il Santo di Padova ma degno di essere nominato il Santo del mondo, perchè in ogni terra si onora il vostro merito, e tanti altari s'alzano al vostro nome, quanti sono i cuori degli uomini, deh! non sdegnate di ricevere anche i piccoli tributi della mia divozione e d'accogliermi sotto il vostro patrocinio. Voi che di frequente stringeste nelle braccia il Celeste Bambino, e ve l'accostaste al seno, riconducetelo in questo mio cuore, donde più volte l'ho scacciato peccando; ma che non parta mai più dandomi perseveranza in servirlo, e gratitudine in riamarlo.



PREGHIERA A SANT' ANTONIO PER QUALUNQUE BISOGNO

Indegno per le colpe commesse di comparire davanti a Dio
Vengo ai tuoi piedi, amorosissimo Sant’Antonio,
per implorare la tua intercessione nella necessità in cui verso.
Siimi propizio del tuo possente patrocinio,
liberami da ogni male, specie dal peccato,
e impetrami la grazia di……………
Caro Santo, sono anch’io nel numero dei tribolati
che Dio ha commesso alle tue cure, e alla tua provvidente bontà.
Sono certo che anche io per mezzo tuo avrò quanto chiedo
e così vedrò calmati i miei dolori, confortate le mie angustie,
asciugate le mie lacrime, ritornato alla calma il mio povero cuore.
Consolatore dei tribolati
non negarmi il conforto della tua intercessione presso Dio.
Così sia!



PREGHIERE A SANT' ANTONIO PER LA FAMIGLIA

O caro sant'Antonio, a te ci rivolgiamo per chiedere la tua protezione
su tutta la nostra famiglia.

Tu, chiamato da Dio, lasciasti la tua casa per consacrare la vita al bene del prossimo, e a tante famiglie venisti in aiuto, anche con interventi prodigiosi, per riportare ovunque serenità e pace.

O nostro Patrono, intervieni in nostro favore: ottienici da Dio la salute del corpo e dello spirito, donaci un'autentica comunione che sappia aprirsi all'amore verso gli altri; fa' che la nostra famiglia sia, sull'esempio della santa Famiglia di Nazaret, una piccola chiesa domestica, e che ogni famiglia nel mondo diventi un santuario della vita e dell'amore. Amen.



Glorioso Sant’Antonio
Invitto propugnatore delle verità cattoliche e della fede di Gesù Cristo,
tesoriere e distributore di grazie e di portenti,
con tutta umiltà e fiducia
vengo ad implorare il tuo patrocinio in vantaggio della mia famiglia.
Io la metto oggi nelle tua mani, accanto a Gesù Bambino.
Tu assistila nelle sue temporali necessità;
Tu tieni lungi da essa il calice dei dolori e delle amarezze.
Che se non le potesse sempre e del tutto evitare,
almeno ottienile il merito della pazienza e della rassegnazione cristiana.
Soprattutto poi, salvala dall’errore e dal peccato!
Tu sai, o caro Santo, che i tempi che corrono
Sono avvelenati dall’indifferenza e dalla incredulità,
che gli scandali e le bestemmie insolentiscono per ogni dove;
deh! che non ne resti contaminata la mia famiglia;
ma vivendo sempre fedele alla legge di Gesù Cristo,
e ai dettami della Chiesa Cattolica,
meriti un giorno di ritrovarsi tutta riunita
a godere il premio dei giusti in Paradiso.
Così sia!



AFFIDAMENTO DEI BAMBINI A SANT' ANTONIO

O sant'Antonio, ci rivolgiamo a te per mettere sotto la tua protezione ciò che abbiamo di più caro e prezioso: i nostri figli.

A te, immerso nella preghiera, apparve Gesù Bambino, e, mentre lasciavi questo mondo confortato dalla visione dei Signore, i bambini diffondevano l'annuncio della tua morte beata: rivolgi il tuo sguardo a questi fanciulli che ti affidiamo perché tu li aiuti a crescere, come cresceva Gesù, in età, sapienza e grazia.

Fa' che essi conservino l'innocenza e la semplicità di cuore; concedi che abbiano sempre accanto l'affetto premuroso e la guida saggia dei genitori. Vigila su di loro perché, progredendo negli anni, arrivino alla completa maturità e, come cristiani, diano testimonianza di una fede esemplare.

O sant'Antonio nostro patrono, sii vicino a tutti i bambini e conforta anche noi con la tua continua protezione. Amen.



PREGHIERA DELLO STUDENTE
A SANT’ANTONIO DI PADOVA

O amabile S. Antonio,
che in premio della tua profonda umiltà
e angelica purezza
meritasti da Dio il dono della sapienza,
con cui approfondisti i più reconditi misteri
e li svelasti alle moltitudini
con la tua meravigliosa predicazione.
Volgi uno sguardo benigno su di me
e sopra i miei studi,
fa che io conosca il mio nulla
e mi conservi casto di mente e di corpo
per ottenere dal Signore la benedizione
necessaria
per il buon esito dei miei studi e dei miei esami,
a gloria Sua e a bene dell’anima mia.
Amen!



PER LA CONVERSIONE DI UN FIGLIO

O mio tenerissimo protettore Sant’Antonio,
che durante la tua vita mortale tanto zelo avesti per la salvezza delle anime,
ti muova a pietà l’angoscioso cuore di una madre (di un padre),
straziato alla vista dell’indifferenza religiosa del proprio figlio.
Tu sei il ritrovatore delle cose perdute, fa trovare al figlio mio
quel retto sentiero religioso che io gli insegnai,
e per il quale egli, prima che le ree massime del mondo
ammorbassero la sua esistenza, camminava con tanta mia consolazione.
Deh! caro Santo,  tu che tante volte dissipasti le tempestose nubi del cielo
e svelasti gli inganni del demonio, fa che torni il sereno in quell’anima.
Svela le insidie del maligno Perché conosca la sua miseria spirituale,
e, qual figlio prodigo rinsavito, ritorni fra le braccia del Padre Celeste,
per non dipartirsene mai più.
Questa la grazia che da Te aspetto! Tu me la devi ottenere!



PER LA CONVERSIONE DI UNA PERSONA CARA

Amabile Sant’Antonio,
che fosti pieno di santa carità per i poveri peccatori
e non risparmiasti fatiche, orazioni e penitenze per richiamarli a Dio,
vieni in mio soccorso,baiutami a convertire quella persona cara al mio cuore,
ma non cara a Dio per la sua vita disordinata.
Tu sai che essa non è del tutto cattiva.
Ha cuore, sente compassione dei miserabili e procura di aiutarli,
ama la propria famiglia e ne cerca tutto il bene.
Ma, infelice, mentre si interessa degli altri, trascura se stessa;
mentre si intenerisce alle altrui miserie temporali, non cura le sue spirituali.
E’ una povera cieca, e tocca a te, o tenerissimo Santo,
a impetrarle lume da Dio.
E’ una pecorella smarrita!
Deh! riconducila tu all’ovile del buon Pastore.
Deh! falle sentire tutta l’abiezione in cui è caduta, toccale il cuore,
così che domandi a Dio e ottenga perdono e pace.
O caro Santo, ti prego!
Non negarmi questa importantissima grazia!



PER UNA PERSONA IMFERMA

Mi prostro ai tuoi piedi, o mio protettore Sant’Antonio,
e ti presento un’umile ma fervida preghiera
per quella persona, pur tua devota, che giace oppressa da fiero malore
che ne minaccia la vita.
Tu che hai un cuore benefico, tu che sei il Taumaturgo di tutti i tempi,
deh! volgi uno sguardo di compassione a quell’infelice,
ascolta le sue lacrimevoli voci,
e con la tua potente intercessione sollevala dal suo male e guariscila.
Parla a Gesù, parla a Maria, per lei.
Dalla loro bontà, per tua intercessione, si aspetta
la perduta sanità del corpo, e altre grazie spirituali.
Se le otterrà, non se ne servirà a scopo di male,
ma se ne gioverà per attendere con maggiore proposito
alla santificazione dell’anima sua.



PREGHIERA A SANT' ANTONIO NELL'AFFLIZIONE

Amorosissimo Sant’Antonio, tenero protettore delle anime afflitte,
io mi prostro umilmente davanti alla tua immagine
con il cuore straziato.
Nella piena dei mali che mi opprimono
a chi posso rivolgermi per avere tranquillità e pace,
se non a te che sei lo speciale ritrovatore delle cose perdute?
E qual motivo di confidenza e di speranza
non devo avere in te che tutti invocano il Santo dei miracoli?
Nello splendore della gloria, ove Dio volle premiare le tue eroiche virtù,
non puoi dimenticare chi soffre.
Mentre sulla terra fosti tutto carità per il prossimo, e per accorrere in suo aiuto
rompesti spessissimo le leggi della natura e operasti i più insigni prodigi,
è possibile che ora, e solamente per me,tu abbia a negare la tua intercessione?
Il mondo abbandona i suoi amici nel tempo della sventura!
Per te, tenerissimo amico di Dio, è questo il tempo
in cui concedi più spesso i tuoi soccorsi.
Ebbene, caro Santo, tu vedi quali pene io soffra
e quali angustie mi opprimono.
Sii, te ne prego, il mio amoroso e potente protettore:
sollevami da tanti affanni, perché io non ne posso più!
Vedi che sono in procinto di soccombere sotto il peso di tante sventure che mi tormentano e di tanti nemici che mi assediano.
Intorno a me non veggo che tenebre, desolazione e tempeste:
un raggio di speranza lo trovo solo nel tuo valevole patrocinio.
Potresti lasciarmi deluso?
Se Dio, per i suoi imprescrutabili fini, non vuol togliermi da sì fiero travaglio,
ottienimi almeno la forza necessaria e la grazia di accettare tali pene con rassegnazione, di sopportarle con pazienza,di soffrirle in espiazione dei miei peccati,
per soddisfare la divina giustizia, e per meritare un giorno
la ricompensa e la gloria dei Santi
Così sia!



PREGHIERA PER LA SCELTA DELLO STATO

O sapientissimo Sant’Antonio,
tu sai quanto importi al bene temporale
ed eterno di un’anima,
la savia e prudente scelta dello stato.
Ecco io mi trovo dinanzi a questo interessantissimo affare,
e comprendo bene che, se mi mettessi per altra via
da quella segnatami dalla Provvidenza,
avrei a pentirmene in questo mondo e, forse, nell’altro.
Ho bisogno di lume e di grazia!
E che meglio di te potrà ottenermene, o mio tenerissimo Protettore?
No, io non voglio fare di mio capriccio;
ma mentre dipenderò da coloro che hanno da Dio il compito di dirigermi,
porgo umile e calda preghiera a te,perché illumini essi e me,
così che lo stato che abbraccerò,
sia quello a cui il Signore mi chiama!
Non l’interesse, l’amor proprio, lo spirito del mondo,
abbiano alcuna parte nella mia scelta;
ma fa che io cerchi in essa
soltanto la gloria di Dio
e il bene dell’anima mia.
Amen!



PREGHIERA A SANT' ANTONIO PER DOMANDARE LA PURITA'

O purissimo Sant’Antonio,
se tutti gli uomini portano il prezioso tesoro della purità
in fragilissimo vaso che corre ad ogni istante pericolo di rompersi,
o di essere rubato da scaltri nemici,
quanto non devo temere io, che da una parte conosco la mia debolezza e,
dall’altra, i pericoli a cui spesso, anche senza volerlo, mi trovo esposto!
Caro Santo, tu che fanciullo mettesti la tua verginità
sotto la tutela di Maria Immacolata,
 e fosti poi sì geloso custode di quest’angelica virtù.
da essere ognora assomigliato ad un candidissimo giglio, e stimato un vero angelo,
abbi pietà di me che sono in continue lotte col senso ribelle,
e impetrami che non abbia giammai a macchiare così bella virtù!
Tieni lontano da me tutti i cattivi pensieri, tutti i desideri sensuali,
tutte le affezioni sregolate.
Dammi la purità della mente e del cuore; santificami così nell’anima e nel corpo.
E se il tuo solo alito ottenne ad un’anima
che era moltissimo travagliata da impuri fantasmi e da fiere tentazioni,
la tranquillità e la calma di spirito, deh!, te ne prego,
ottieni anche a me una somigliante grazia;
non lasciarmi più a lungo esposto a fiera lotta, perché io sono debole.
Questa grazia la voglio da te, purissimo Santo,
e, per tua intercessione, da Maria Immacolata.
Fammela per carità, perche è troppo giusto il desiderio e
la ferma volontà mia di non offendere mai più il Signore,
e di venire un giorno a godere il premio promesso
ai puri di cuore.



PREGHIERA DOPO AVER OTTENUTO LA GRAZIA

Glorioso Taumaturgo, Padre dei poveri,
per il gran dono ottenuto di avere il Cuor Vostro attento alle miserie degli infelici,
Voi che, prodigiosamente, avete scoperto il cuore di un avaro immerso nell’oro,
Voi che offriste al Signore le nostre suppliche e ne impetraste l’esaudimento,
gradite in segno della nostra riconoscenza
l’obolo che deponiamo ai Vostri piedi in soccorso alla sventura.
Torni a vantaggio dei sofferenti, come a nostro vantaggio;
agli uni e agli altri soccorrete, con l’usata benevolenza,
aiutandoci nelle necessità temporali,
ma più ancora provvedete alle nostre necessità spirituali,
adesso e nell’ora della nostra morte.
Amen!



SI QUAERIS MIRACULA

Si quaeris miracula
mors, error, calamitas,
demon, lepra fugiunt
aegri surgunt sani.

Cedunt mare, vincula
membra, resque perditas,
petunt et accipiunt
juvenes et cani.

Pereunt pericula,
cessat et necessitas,
narrent hi qui sentiunt,
dicant Paduani.

Cedunt mare, vincula, ect.

Gloria Padri et Filio et Spiritui Sancto.

Cedunt mare, vincula ecc.

V. Ora pro nobis, beate Antoni,
R. Ut digni efficiamur promissionibus Christi.

Oremus:
Ecclesiam tuam, Deus, beati Antonii Confessoris tui commemoratio votiva laetificet, ut spiritualibus semper muniatur auxiliis et gaudiis perfrui mereatur aeternis. Per Christum Dominum nostrum. Amen

SE CERCHI I MIRACOLI
(traduzione del "Si quaeris")

Se cerchi i miracoli, ecco messi in fuga la morte, l'errore, la calamità e il demonio; ecco gli ammalati divenir sani.

Il mare si calma, le catene si spezzano; i giovani e i vecchi chiedono e ritrovano la sanità e le cose perdute.

S'allontanano i pericoli e scompaiono le necessità: lo attesti chi ha sperimentato la protezione del Santo di Padova.

Il mare si calma, le catene si spezzano; i giovani e i vecchi chiedono e ritrovano la sanità e le cose perdute.

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo.

Il mare si calma, le catene si spezzano; i giovani e i vecchi chiedono e ritrovano la sanità e le cose perdute.

Sant'Antonio, prega per noi.
E saremo fatti degni delle promesse di Cristo.

Preghiamo
O Dio, il ricordo di sant'Antonio, dottore evangelico della Chiesa, allieti la tua famiglia, affinché, forte del suo spirito, meriti di godere un giorno la felicità eterna del cielo. Per Cristo nostro Signore. Amen.

domenica 25 gennaio 2015

Misteri del Rosario - Il Santo Rosario in italiano

Si inizia facendosi il Segno della Croce e dicendo:

Nel Nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.


V- O Dio, vieni a salvarmi.
R- Signore, vieni presto in mio aiuto.
V- Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo.
R- Come era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen.


Si recita il Credo :

Credo in un solo Dio, Padre Onnipotente, creatore del cielo e della terra, di tutte le cose visibili e invisibili.
Credo in un solo Signore Gesù Cristo unigenito figlio di Dio nato dal Padre prima di tutti i secoli. Dio da Dio, Luce da Luce, Dio vero da Dio vero, generato, non creato, dalla stessa sostanza del Padre.
Per mezzo di Lui tutte le cose sono state create. Per noi uomini e per la nostra salvezza discese dal cielo e per opera dello Spirito Santo si è incarnato nel seno della Vergine Maria e si è fatto uomo.
Fu crocifisso per noi sotto Ponzio Pilato, morì e fu sepolto e il terzo giorno è resuscitato secondo le Scritture ed è salito al Cielo e siede alle destra del Padre e di nuovo verrà nella gloria per giudicare i vivi e i morti ed il suo Regno non avrà fine.
Credo nello Spirito Santo che è Signore e dà la vita e procede dal Padre e dal Figlio e con il Padre ed il Figlio è adorato e glorificato e ha parlato per mezzo dei profeti.
Credo la Chiesa una, santa, cattolica e apostolica.
Professo un solo battesimo per il perdono dei peccati e aspetto la resurrezione dei morti e la vita del mondo che verrà. Amen

corona del rosario.jpeg

Si recita un Padre Nostro (b).
Si recitano 3 Ave Maria (c): una per la Fede, una per la Speranza e una per la Carità, le tre virtù teologali.
Si recita un Gloria al Padre (d).


A questo punto si ripete per 5 volte la seguente seguenza :


 Enunciazione di uno dei 5 Misteri relativi al giorno in cui si recita all'inizio di ogni decina di preghiere;
 Padre Nostro;
 10 Ave Maria;
 Un Gloria al Padre;
 Preghiera di Fatima

Preghiera di Fatima: «Gesù mio, perdona le nostre colpe, preservaci dal fuoco dell'inferno, porta in cielo tutte le anime, specialmente le più bisognose della tua misericordia» (la Madonna a Fatima, 13 Luglio 1917).


Al termine delle cinque decine si prega il "Salve Regina". Si conclude con le "Litanie Lauretane" e volendo con alcune preghiere facoltative (riportate in basso).


Elenco dei misteri :


MISTERI GAUDIOSI (o della GIOIA) – Da recitare il Lunedì e il Sabato :


1‐ L’Annunciazione dell’Angelo a Maria Vergine : «Nel sesto mese, l'angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nazaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, chiamato Giuseppe. La vergine si chiamava Maria.» (Luca 1,26-38).


2‐ La Visita di Maria Vergine a Santa Elisabetta : «In quei giorni Maria si mise in viaggio verso la montagna e raggiunse in fretta una città di Giuda. Entrata nella casa di Zaccaria, salutò Elisabetta. Appena Elisabetta ebbe udito il saluto di Maria, il bambino le sussultò nel grembo. Elisabetta fu piena di Spirito Santo ed esclamò a gran voce: "Benedetta tu fra le donne, e benedetto il frutto del tuo grembo!» ( Luca 1, 39-42).


3‐ La Nascita di Gesù : «In quei giorni un decreto di Cesare Augusto ordinò che si facesse il censimento di tutta la terra. Questo primo censimento fu fatto quando era governatore della Siria Quirino. Andavano tutti a farsi registrare, ciascuno nella sua città. Anche Giuseppe, che era della casa e della famiglia di Davide, dalla città di Nazaret e dalla Galilea salì in Giudea alla città di Davide, chiamata Betlemme, per farsi registrare insieme con Maria sua sposa, che era incinta. Ora, mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto. Diede alla luce il suo figlio primogenito, lo avvolse in fasce e lo depose in una mangiatoia, perché non c'era posto per loro nell'albergo» (Luca 2,1-7).

4‐ La Presentazione di Gesù al Tempio : «Quando furono passati gli otto giorni prescritti per la circoncisione, gli fu messo nome Gesù, come era stato chiamato dall'angelo prima di essere concepito nel grembo della madre. Quando venne il tempo della loro purificazione secondo la Legge di Mosè, portarono il bambino a Gerusalemme per offrirlo al Signore, come è scritto nella Legge del Signore:Ogni maschio primogenito sarà sacro al Signore; e per offrire in sacrificio una coppia di tortore o di giovani colombi, come prescrive la Legge del Signore» (Luca 2, 21-24).


5‐ La Perdita e il Ritrovamento di Gesù nel Tempio : «I suoi genitori si recavano tutti gli anni a Gerusalemme per la festa di Pasqua. Quando egli ebbe dodici anni, vi salirono di nuovo secondo l'usanza; ma trascorsi i giorni della festa, mentre riprendevano la via del ritorno, il fanciullo Gesù rimase a Gerusalemme, senza che i genitori se ne accorgessero... Dopo tre giorni lo trovarono nel tempio, seduto in mezzo ai dottori, mentre li ascoltava e li interrogava. E tutti quelli che l'udivano erano pieni di stupore per la sua intelligenza e le sue risposte» (Luca 2, 41-47).



MISTERI LUMINOSI (o della LUCE) – Da recitare il Giovedì :


1‐ Il Battesimo di Gesù nel Giordano : «Appena battezzato, Gesù uscì dall'acqua: ed ecco, si aprirono i cieli ed egli vide lo Spirito di Dio scendere come una colomba e venire su di lui. Ed ecco una voce dal cielo che disse: "Questi è il Figlio mio prediletto, nel quale mi sono compiaciuto"» (Matteo3,16-17).


 2‐ Il primo miracolo di Gesù alle nozze di Cana : «Tre giorni dopo, ci fu uno sposalizio a Cana di Galilea e c'era la madre di Gesù. Fu invitato alle nozze anche Gesù con i suoi discepoli. Nel frattempo, venuto a mancare il vino, la madre di Gesù gli disse: "Non hanno più vino". E Gesù rispose: "Che ho da fare con te, o donna? Non è ancora giunta la mia ora". La madre dice ai servi: "Fate quello che vi dirà"» (Giovanni 2, 1-5).


3‐ L’Annuncio del Regno di Dio : «Il tempo è compiuto e il regno di Dio è vicino; convertitevi e credete al Vangelo »(Marco 1, 15).


4‐ La Trasfigurazione di Gesù sul monte Tabor : «Sei giorni dopo, Gesù prese con sé Pietro, Giacomo e Giovanni suo fratello e li condusse in disparte, su un alto monte. E fu trasfigurato davanti a loro; il suo volto brillò come il sole e le sue vesti divennero candide come la luce» (Matteo 17, 1-2).


5‐ L’Istituzione dell’Eucarestia : «Ora, mentre essi mangiavano, Gesù prese il pane e, pronunziata la benedizione, lo spezzò e lo diede ai discepoli dicendo: "Prendete e mangiate, questo è il mio corpo"» (Matteo 26, 26).



MISTERI DOLOROSI (o del DOLORE) – Da recitare il Martedì e Venerdì :


1‐ L’Agonia di Gesù nell’Orto Degli Olivi : «Allora Gesù andò con loro in un podere, chiamato Getsemani, e disse ai discepoli: "Sedetevi qui, mentre io vado là a pregare". E, presi con sé Pietro e i due figli di Zebedeo, cominciò a provare tristezza e angoscia. Disse loro: "La mia anima è triste fino alla morte; restate qui e vegliate con me". E, avanzatosi un poco, si prostrò con la faccia a terra e pregava dicendo: "Padre mio, se è possibile, passi da me questo calice! Però non come voglio io, ma come vuoi tu!"» (Matteo 26, 36-39).


2‐ La Flagellazione di Gesù alla Colonna : «Allora Pilato fece prendere Gesù e lo fece flagellare. E i soldati, intrecciata una corona di spine, gliela posero sul capo e gli misero addosso un mantello di porpora; quindi gli venivano davanti e gli dicevano: "Salve, re dei Giudei!". E gli davano schiaffi » (Giovanni 19,1-3).

3‐ La Coronazione di Spine : «Allora i soldati del governatore condussero Gesù nel pretorio e gli radunarono attorno tutta la corte. Spogliatolo, gli misero addosso un manto scarlatto e, intrecciata una corona di spine, gliela posero sul capo, con una canna nella destra; poi mentre gli si inginocchiavano davanti, lo schernivano: "Salve, re dei Giudei!"» (Mt 27, 27-29).

4‐ Il Viaggio al Calvario di Gesù carico della Croce : «Allora costrinsero un tale che passava, un certo Simone di Cirene che veniva dalla campagna, padre di Alessandro e Rufo, a portare la croce. Condussero dunque Gesù al luogo del Golgota, che significa luogo del cranio » (Marco 15, 21-22).

5‐ La Crocifissione e Morte di Gesù : «Quando giunsero al luogo detto Cranio, là crocifissero lui e i due malfattori, uno a destra e l'altro a sinistra. Gesù diceva: "Padre, perdonali, perché non sanno quello che fanno"... Era verso mezzogiorno, quando il sole si eclissò e si fece buio su tutta la terra fino alle tre del pomeriggio. Il velo del tempio si squarciò nel mezzo. Gesù, gridando a gran voce, disse: "Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito". Detto questo spirò» (Luca 23, 33-46).



MISTERI GLORIOSI (o della GLORIA) – Da recitare il Mercoledì e la Domenica :


1‐ La Risurrezione di Gesù : «Il primo giorno dopo il sabato, di buon mattino, si recarono alla tomba, portando con sé gli aromi che avevano preparato. Trovarono la pietra rotolata via dal sepolcro; ma, entrate, non trovarono il corpo del Signore Gesù. Mentre erano ancora incerte, ecco due uomini apparire vicino a loro in vesti sfolgoranti. Essendosi le donne impaurite e avendo chinato il volto a terra, essi dissero loro: "Perché cercate tra i morti colui che è vivo? Non è qui, è risuscitato"» (Luca 24, 1-6).

2‐ L’Ascensione di Gesù al Cielo : «Il Signore Gesù, dopo aver parlato con loro, fu assunto in cielo e sedette alla destra di Dio» (Marco 16, 19).

3‐ La Discesa dello Spirito Santo su Maria e gli Apostoli : «Mentre il giorno di Pentecoste stava per finire, si trovavano tutti insieme nello stesso luogo. Venne all'improvviso dal cielo un rombo, come di vento che si abbatte gagliardo, e riempì tutta la casa dove si trovavano. Apparvero loro cinque lingue come di fuoco che si dividevano e si posarono su ciascuno di loro; ed essi furono tutti pieni di Spirito Santo e cominciarono a parlare in altre lingue come lo Spirito dava loro il potere di esprimersi» (Atti 2, 1-4).

4‐ L’Assunzione di Maria Vergine al Cielo : «Tutte le generazioni mi chiameranno beata. Grandi cose ha fatto in me l'Onnipotente» (Luca 1, 48-49).

5‐ L’Incoronazione di Maria Vergine Regina del Cielo e della Terra : «Nel cielo apparve poi un segno grandioso: una donna vestita di sole, con la luna sotto i suoi piedi e sul suo capo una corona di dodici stelle» (Apostoli 12, 1).


Dopo aver terminato le 5 decine di preghiere si recitano un Salve Regina e le Litanie e volendo, anche una preghiera facoltativa (ne abbiamo riportato alcune in basso)


SALVE REGINA :

Salve, Regina, Madre di Misericordia, vita, dolcezza e speranza nostra, salve. A Te ricorriamo, noi esuli figli di Eva;a Te sospiriamo, gementi e piangenti in questa valle di lacrime.Orsù dunque, avvocata nostra, rivolgi a noi quegli occhi Tuoi misericordiosi, e mostraci, dopo questo esilio, Gesù, il frutto benedetto del Tuo Seno.O Clemente, o Pia, o dolce Vergine Maria.




LITANIE LAURETANE:


Signore, pietà » Signore, pietà.
Cristo, pietà » Cristo, pietà.
Signore, pietà » Signore, pietà.
Cristo, ascoltaci » Cristo, ascoltaci.
Cristo, esaudiscici » Cristo, esaudiscici.
Padre del cielo, che sei Dio » abbi pietà di noi.
Figlio, Redentore del mondo, che sei Dio » abbi pietà di noi.
Spirito Santo, che sei Dio » abbi pietà di noi.
Santa Trinità, unico Dio » abbi pietà di noi.
Santa Maria » prega per noi.
Santa Madre di Dio » prega per noi.
Santa Vergine delle vergini » prega per noi.
Madre di Cristo » prega per noi.
Madre della Chiesa » prega per noi.
Madre della divina grazia » prega per noi.
Madre purissima » prega per noi.
Madre castissima » prega per noi.
Madre sempre vergine » prega per noi.
Madre immacolata » prega per noi.
Madre amabile » prega per noi.
Madre ammirabile » prega per noi.
Madre del buon consiglio » prega per noi.
Madre del Creatore » prega per noi.
Madre del Salvatore » prega per noi.
Vergine prudentissima » prega per noi.
Vergine degna di onore » prega per noi.
Vergine degna di lode » prega per noi.
Vergine potente » prega per noi.
Vergine clemente » prega per noi.
Vergine fedele » prega per noi.
Specchio di perfezione » prega per noi.
Sede della sapienza » prega per noi.
Causa della nostra letizia » prega per noi.
Tempio dello Spirito Santo » prega per noi.
Tabernacolo dell'eterna gloria » prega per noi.
Dimora tutta consacrata a Dio » prega per noi.
Rosa mistica » prega per noi.
Torre di Davide » prega per noi.
Torre d'avorio » prega per noi.
Casa d'oro » prega per noi.
Arca dell'alleanza » prega per noi.
Porta del cielo, prega per noi.
Stella del mattino » prega per noi.
Salute degli infermi » prega per noi.
Rifugio dei peccatori » prega per noi.
Consolatrice degli afflitti » prega per noi.
Aiuto dei cristiani » prega per noi.
Regina degli Angeli » prega per noi.
Regina dei Patriarchi » prega per noi.
Regina dei Profeti » prega per noi.
Regina degli Apostoli » prega per noi.
Regina dei Martiri » prega per noi.
Regina dei Confessori della fede » prega per noi.
Regina delle Vergini » prega per noi.
Regina di tutti i Santi » prega per noi.
Regina concepita senza peccato originale » prega per noi.
Regina assunta in cielo » prega per noi.
Regina del Santissimo Rosario » prega per noi.
Regina della famiglia » prega per noi.
Regina della pace » prega per noi.

Agnello di Dio, che togli i peccati del mondo » Perdonaci, Signore.
Agnello di Dio, che togli i peccati del mondo » Ascoltaci, Signore.
Agnello di Dio, che togli i peccati del mondo » Abbi pietà di noi.
Prega per noi, santa Madre di Dio » Perché siamo fatti degni delle promesse di Cristo.



Preghiera finale:

Preghiamo. O Signore Dio, concedi a noi tuoi figli, di godere sempre la salute dell’anima e del corpo, e, per l’intercessione della beata sempre Vergine Maria, di essere liberati dalle angustie della vita presente e di godere un giorno la gioia eterna. Per Cristo nostro Signore. Amen.


Preghiere che si possono dire al termine del Rosario:


Preghiera a San Giuseppe :

A te, o beato Giuseppe, stretti dalla tribolazione ricorriamo, e fiduciosi invochiamo il tuo patrocinio dopo quello della tua santissima Sposa. Per quel sacro vincolo di carità che ti strinse all'immacolata Vergine Madre di Dio, e per l'amore paterno che portasti al fanciullo Gesù, riguarda, te ne preghiamo, con occhio benigno la cara eredità che Gesù Cristo acquistò col suo sangue, e con il tuo potere ed aiuto sovvieni ai nostri bisogni. Proteggi, o provvido custode della divina Famiglia, l'eletta prole di Gesù Cristo; allontana da noi, o padre amantissimo, la peste di errori e di vizi che ammorba il mondo; assistici propizio dal cielo in questa lotta col potere delle tenebre, o nostro fortissimo protettore; e come un tempo salvasti dalla morte la minacciata vita del bambino Gesù, così ora difendi la santa Chiesa di Dio dalle ostili insidie e da ogni avversità, e stendi su ciascuno di noi il tuo patrocinio, affinché col tuo esempio e con il tuo soccorso possiamo virtuosamente vivere, piamente morire e conseguire l'eterna beatitudine in cielo. Amen.



Preghiera a San Michele :

San Michele Arcangelo, difendici nella battaglia; sii nostro aiuto contro la malvagità e le insidie del diavolo. Che Dio eserciti su di lui il suo dominio, preghiamo supplichevoli: e tu, o Principe della milizia celeste, col divino potere ricaccia nell'inferno Satana e gli altri spiriti maligni che si aggirano per il mondo per perdere le anime. Amen.



Sub tuum praesidium :

Sotto la tua protezione cerchiamo rifugio, santa Madre di Dio; non disprezzare le suppliche di noi che siamo nella prova, ma liberaci da ogni pericolo, o Vergine gloriosa e benedetta.



Preghiera al Cuore Immacolato di Maria :

O Cuore Immacolato di Maria, colmo di bontà, mostra il Tuo amore verso di noi. La fiamma del Tuo Cuore, o Maria, scenda su tutti gli uomini. Noi Ti amiamo immensamente. Imprimi nei nostri cuori il vero amore così che abbiamo un continuo desiderio di Te. O Maria, mite e umile di cuore, ricordati di noi quando pecchiamo. Tu sai che tutti gli uomini peccano. Donaci, per mezzo del Tuo Immacolato e Materno Cuore, di guarire da ogni malattia spirituale. Fa' che sempre possiamo guardare la bontà del Tuo Cuore Materno e che ci convertiamo per mezzo della fiamma del Tuo Cuore.



Riepilogando, il Rosario si recita seguendo i seguenti passi:


Si fa il Segno della Croce e si recita il Credo.
Si recita un Padre Nostro.
Si recitano 3 Ave Maria per la fede, la speranza, la carità.
Si recita un Gloria al Padre.
Si enuncia il primo mistero (per esempio si dice: «Nel primo mistero gaudioso si contempla l'Annunciazione») e si recita un Padre Nostro.
Si recitano 10 Ave Maria meditando il mistero.
Si recita un Gloria al Padre e la Preghiera di Fatima (facoltativa).
Si enuncia il secondo mistero e si recita un Padre Nostro.
Si recitano 10 Ave Maria meditando il mistero.
Si recita un Gloria al Padre e la Preghiera di Fatima.
Si enuncia il terzo mistero e si recita un Padre Nostro.
Si recitano 10 Ave Maria meditando il mistero.
Si recita un Gloria al Padre e la Preghiera di Fatima.
Si enuncia il quarto mistero e si recita un Padre Nostro.
Si recitano 10 Ave Maria meditando il mistero.
Si recita un Gloria al Padre e la Preghiera di Fatima.
Si enuncia il quinto mistero e si recita un Padre Nostro.
Si recitano 10 Ave Maria meditando il mistero.
Si recita un Gloria al Padre e la Preghiera di Fatima.
Si recita la Salve Regina
Si recitano le Litanie Lauretane.
Si fa il Segno della Croce.
Facoltativamente si recita la Preghiera finale o una delle preghiere specificate in precedenza.



Le 15 promesse di Maria Santissima ai devoti del Santo Rosario :


La Santissima Vergine in questi ultimi tempi ha dato una nuova efficacia alla recita del Santo Rosario, tanto che non c'è nessun problema nella vita di ciascuno di noi - temporale o spirituale, non importa quanto difficile - che non possa essere risolto col Rosario.



A Suor Lucia dos Santos la Santissima Vergine ha promesso che:


1. A tutti coloro che reciteranno il mio Rosario prometto la mia specialissima protezione.
2. Chi persevererà nella recita del mio Rosario, riceverà grazie potentissime.
3. Il Rosario sarà un'arma potentissima contro l'inferno, distruggerà i vizi, dissiperà il peccato e abbatterà le eresie.
4. Il Rosario farà rifiorire le virtù, le buone opere e otterrà alle anime le più abbondanti misericordie di Dio.
5. Chi confiderà in me, col Rosario, non sarà oppresso dalle avversità.
6. Chiunque reciterà devotamente il S. Rosario, con la meditazione dei Misteri, si convertirà se peccatore, crescerà in grazia se giusto e sarà fatto degno della vita eterna.
7. I devoti del mio Rosario nell'ora della morte, non moriranno senza Sacramenti.
8. Coloro che recitano il mio Rosario troveranno, durante la loro vita e nell'ora della morte, la luce di Dio e la pienezza delle sue grazie e parteciperanno ai meriti dei beati in Paradiso.
9. Io libero ogni giorno dal Purgatorio le anime devote del mio Rosario.
10. I veri figli del mio Rosario godranno di una grande gioia in cielo.
11. Ciò che chiederai col Rosario, l'otterrai.
12. Coloro che propagano il mio Rosario saranno da me soccorsi in ogni loro necessità
13. Io ho ottenuto da mio Figlio che tutti i devoti del Rosario abbiano per fratelli nella vita e nell'ora della morte i Santi del Cielo.
14. Coloro che reciteranno il mio Rosario fedelmente sono tutti figli miei amatissimi, fratelli e sorelle di Gesù.
15. La devozione del Santo Rosario è un grande segno di predestinazione.



Benedizioni del Rosario :

1. I peccatori saranno perdonati.
2. Le anime assetate saranno ristorate.
3. Coloro che sono incatenati avranno le loro catene spezzate.
4. Coloro che piangono troveranno felicità.
5. Coloro che sono tentati troveranno pace.
6. Il povero troverà aiuto.
7. I Religiosi saranno corretti.
8. Coloro che sono ignoranti saranno istruiti.
9. L'ardente imparerà a superare l'orgoglio.
10. I defunti (le anime sante del purgatorio) avranno sollievo alle loro pene dai suffragi.

 regina-del-ss-rosario-di-pompei


Indulgenze per la recita del Rosario
Si concede l’indulgenza plenaria al fedele che: recita devotamente il Rosario mariano in chiesa od oratorio, oppure in famiglia, in una comunità religiosa, in una associazione di fedeli e in modo generale quando più fedeli si riuniscono per un fine onesto; si unisce devotamente alla recita di questa preghiera mentre viene fatta dal Sommo Pontefice, e trasmessa per mezzo della televisione o della radio. Nelle altre circostanze invece l’indulgenza è parziale.
Per l’indulgenza plenaria annessa alla recita del Rosario mariano si stabiliscono queste norme: è sufficiente la recita della sola terza parte; ma le cinque decadi devono recitarsi senza interruzione; alla preghiera vocale si deve aggiungere la pia meditazione dei misteri; nella recita pubblica i misteri devono essere enunziati secondo l’approvata consuetudine vigente nel luogo; invece in quella privata è sufficiente che il fedele aggiunga alla preghiera vocale la meditazione dei misteri.

Dal Manuale delle Indulgenze n° 17 pagg. 67-68

Fonte:http://lucedidio.over-blog.it/ 

giovedì 30 ottobre 2014

Commento Biblico alla preghiera del “Padre Nostro”.

OSIAMO DIRE: “PADRE”
Numerosi erano i popoli antichi che usavano chiamare Dio con il nome di
“Padre”. Qualche esempio: Zeus era denominato “padre degli dei e degli uomini”.
Nel secondo millennio a.c. troviamo un’invocazione sumerica al Dio
Sin: “O Padre, misericordioso e clemente, che hai nelle tue mani la vita del
mondo intero, o Padre generatore degli dei e degli uomini...”.
NELL'ANTICO TESTAMENTO
Ma occorre fare attenzione; non tutti coloro che chiamano Dio col nome
di Padre si rivolgono allo stesso Dio; anche Assur, il dio sanguinario di
Ninive, era chiamato Padre. Quindi non basta fermarsi al titolo, ma occorre
guardare la realtà che esso indica. Si rimane meravigliati costatando che
nell'Antico Testamento, l’appellativo Padre, riferito a Dio, sia usato pochissime
volte (15 in tutto). Israele, infatti, ha imparato a chiamare JHWH “Padre”
molto tardi. Quale il motivo? Occorre pensare che nelle mitologie pagane
la paternità di Dio era intesa in senso fisico - materiale. E questa era una
visione incompatibile con l’altissima concezione spirituale, che Israele aveva
di Dio. L’uso del termine “padre” poteva suggerire ad Israele concezioni
pagane ripudiate sin dall'inizio (Gs 24,23). Infatti, quando Israele inizierà a
chiamare Dio “Padre”, per la ricchissima simbologia che l’attributo contiene,
non lo farà come nei popoli pagani con le loro mitologie che lo designano
come progenitore “padre del mondo”. La scrittura userà la simbolica del padre
in un primo tempo per sottolineare il dovere dell’obbedienza del figlio -
Israele al proprio padre (“Voi siete figli di JHWH, vostro Dio” Dt 14,1), oppure
per fondare una prospettiva universalistica delle fede ebraica (“Non abbiamo
noi tutti un unico padre? Non ci ha creati un solo Dio? Ml 2,10). E’ interessante
notare che la grande e tardiva religione monoteistica mussulmana,
tra i novantanove nomi dati a Dio, non contiene quello di “padre”. Troppo
forte è per loro la concezione di una trascendenza assoluta di Dio per potergli
applicare una simbolica, che troppo fa riferimento all’esperienza umana.
AL TEMPO DI GESU’
I rabbini al tempo di Gesù insegnavano: “Come il nostro padre è misericordioso
nei cieli, così anche voi dovete essere misericordiosi sulla terra”.
Nelle Diciotto Benedizioni, preghiera che certamente Gesù recitava quotidianamente
leggiamo:
“O Padre nostro, facci tornare alla tua legge” (V ben.)
“O Padre nostro perdonaci perché abbiamo peccato” (VI ben.)
2
Nella preghiera dello Shemà troviamo:
“O Padre nostro, tu hai pietà di noi...
Padre nostro, padre di misericordia, il misericordioso, abbi pietà di noi”.
Così nel Qaddish:
“Che le preghiere e le suppliche d’Israel,e siano accolte dal loro Padre
che è nei cieli. Amen!”
Gli Esseni pregavano:
“Mio padre non mi conosce e, in confronto a te, mia madre mi ha abbandonato.
Eppure tu sei padre di tutti i tuoi fedeli e ti compiaci di essi come
una madre amorosa nel suo piccolo, e come un padre premuroso tu stringi al
petto tutte le tue creature”.
Raccontavano i rabbini commentando Es 14,19 (“L’angelo del Signore che
andava innanzi al campo di Israele si mosse e andò dietro a loro”):
“Un uomo camminava per la via insieme al suo bambino. Il bambino lo
precedeva, ma ad un certo punto giunsero i briganti a rapire il fanciullo. Il
padre allora lo tolse davanti a sé e se lo pose dietro. Ma un lupo apparve in
quella direzione ed egli tolse il fanciullo di dietro e di nuovo se lo pose dinanzi.
E vennero poi i briganti dinanzi e lupi di dietro, sì che egli dovette sollevare
il bambino e portarselo in braccio. Il bambino cominciò a soffrire per
l’ardore del sole. Il padre lo coprì con la sua veste. Il bambino ebbe fame: il
padre lo nutrì; ebbe sete e il padre gli diede da bere. Così fece Dio con Israele
quando fu liberato dall’Egitto” (Mech 30a).
Ancora una parabola:
“Il figlio di un re aveva preso una cattiva strada. Il re gli inviò il suo
precettore con questo messaggio: “Ritorna figlio mio!”. Ma il figlio gli fece rispondere:
“Con che faccia posso tornare? Mi vergogno a comparirti dinanzi”.
Il padre allora gli mandò a dire: “Può un figlio vergognarsi di tornare da suo
padre? E se tu torni, non torni da tuo padre?” (Dt R. 2,24).
Ma chiamare Dio “Padre” non significa ancora chiamarlo “Abbà”: parola
con cui i bambini si rivolgevano al loro papà. Dicevano i rabbini: “Quando
un bambino inizia ad assaporare il frumento, impara a dire Abbà e Immà”. Un
termine troppo affettuoso e confidenziale per essere applicato alla maestà
infinita di Dio. San Pietro Crisologo nei suoi Sermoni scrive: “La consapevolezza
che abbiamo della nostra condizione di schiavi ci farebbe sprofondare
sotto terra, il nostro essere di terra si scioglierebbe in polvere se l’autorità
dello stesso nostro Padre e lo Spirito del Figlio suo non ci spingessero a proferire
questo grido: “Abbà, Padre!”. Quando la debolezza di un mortale oserebbe
chiamare Dio suo Padre se non soltanto allorché l’intimo dell’uomo è
animato dalla potenza dall’alto?” (Ser. 71).
3
Eppure Gesù lo usa abitualmente: tutte le sue preghiere iniziano con
quest’invocazione. Il che sta ad indicare un tipo di rapporto con Dio fatto
d’assoluta confidenza e fiducia, un rapporto profondamente filiale. In Gesù
possiamo ardire (Nella liturgia questo è espresso con le formule introduttive:
“osiamo dire”, “Rendici degni di”...) rivolgerci a Dio chiamandolo a nostra volta
Abbà. Paolo dirà: “Voi non avete ricevuto uno spirito da schiavi per ricadere
nella paura, ma avete ricevuto uno spirito da figli adottivi per mezzo del
quale gridiamo: Abbà! Padre!” (Rm 8,15). E’ questa la parresia del cristiano:
la semplicità schietta, la fiducia filiale, la gioiosa sicurezza, l’umile audacia,
la certezza di essere amati (cfr CCC 2777).
TRE OSSERVAZIONI
1. Se per gli israeliti Dio è anzitutto l’Altissimo, il Giudice e il Legislatore,
in Gesù ritroviamo l’immagine di un Padre Buono che ha cura dei
suoi figli. A lui ci si rivolge con la semplicità del bambino (Mt 5,15). Egli ha
cura d’ogni sua creatura (Mt 6,25-31). Conta i capelli del nostro capo, e conosce
ogni nostra necessità (Lc 12,6). Di lui non si deve e non si può avere
paura.
2. Il rapporto che Gesù ha con il proprio Padre appare peculiare
a lui solo. Gesù non prega mai con i discepoli dicendo “Padre nostro”. Vi è
sempre in lui una chiara distinzione (“Padre mio e Padre vostro” Gv 20,27). E’
possibile essere figli di Dio solo in lui, accogliendo il dono del suo Spirito:
“Nessuno conosce il Figlio se non il Padre, e nessuno conosce il Padre se non
il Figlio e colui al quale il Figlio lo voglia rivelare” (Mt 11,27).
3. Il Padre nostro può essere recitato da tutti? La paternità di cui
parla Gesù è riservata a coloro che hanno ricevuto il suo Spirito. E’ una figliolanza
che deriva dal dono gratuito della vita stessa di Dio. Per cui a buon
diritto esso può essere pregato in verità e consapevolezza solo da coloro che
nella fede hanno accolto Gesù, la sua Parola e il dono del suo Spirito.
IL PATER OGGI
Psicologi e sociologi affermano che la nostra società ha rifiutato la presenza
e il ruolo del padre. Questa figura è stata sentita come presenza bloccante
e frenante della spontaneità della vita. Si è presentato come un avversario-
padrone da combattere poiché rappresenta tutti i condizionamenti e le
alienazioni. Si è rivendicato, in una società improntata su un’ideologia radicale,
il diritto di ognuno di costruire se stesso senza nessun “padre”. Ciascuno
è autonomo, indipendente, creatore di se stesso.
L’uomo si è ritrovato solo, sperduto. Incapace di darsi risposte. Ma questo
invece di spingerlo al ritorno alla casa del padre lo ha spesso spinto in un
parossistico tentativo di spegnere la sua angoscia in direzione del raggiungimento
di piccoli orizzonti individuali, piccole altre case che però non riscaldano
mai a sufficienza il cuore. Il padre diventa una realtà insignificante, un
ornamento di cui si può fare benissimo a meno. La religione del Padre è
stata rifiutata o quel che è peggio, lascia ora, completamente indifferenti.
Lo scrittore E. Hemingway scriveva in uno dei suoi 49 Racconti una parodia
del Padre Nostro:
4
“O nulla nostro che sei nulla, / sia nulla il tuo nome / nulla il regno tuo /
e sia nulla la tua volontà / così in nulla come in nulla/. Dacci oggi il nostro
nulla quotidiano / Ave, nulla, pieno di nulla, / il nulla sia con te”.
Sono parole estremamente drammatiche, ma quanto mai rappresentative
di un’epoca. Lo spauracchio di Dio, o il “buon Dio”al massimo è utile per le
donne e i bambini. Il giovane, l’adulto non ha bisogno di un Padre, può rischiare
in proprio la vita. Tuttalpiù è meglio far riferimento a uno spirito universale,
ad un cosmo divinizzato, ecc... in cui non mi sento minacciato nella
mia libertà.
Qui s’impone un’importante riflessione. Che Padre è quello rivelatoci
da Gesù? Possiede le caratteristiche frustranti che vengono rifiutate e perseguitate
dalla nostra cultura? Non è che forse si è rifiutata un’immagine caricaturale
che di Dio, era stata data e che forse la stessa Chiesa, in tanti
modi coscienti o incoscienti, ha avvallato allontanandosi dalla rivelazione biblica?
Quanto le esperienze negative che tanti hanno fatto nell’ambito delle
relazioni familiari hanno e stanno influenzando nel loro rapporto con Dio Padre,
per cui egli diviene il giudice, il castigatore, colui che pretende sempre,
il controllore....?
A questo proposito lo stesso Catechismo della Chiesa Cattolica fa un
commento illuminante:
Prima di fare nostro questo slancio iniziale della Preghiera del Signore,
non è superfluo purificare umilmente il nostro cuore da certe false immagini
di “questo mondo”. L’umiltà ci fa conoscere che “nessuno conosce il Padre se
non il Figlio e colui al quale il Figlio lo voglia rivelare” cioè “ai piccoli” (Mt
11,25-27).
La purificazione del cuore concerne le immagini paterne e materne, quali
si sono configurate nella nostra storia personale e culturale, e che influiscono
sulla nostra relazione con Dio. Dio nostro Padre, trascende le categorie
del mondo creato. Trasporre su di lui, o contro di lui, le nostre idee in questo
campo equivarrebbe a fabbricare idoli da adorare o da abbattere. Pregare il
Padre è entrare nel suo mistero, quale egli è, e quale il Figlio ce lo ha rivelato”
(2779)
Gesù ci rivela al contrario un Padre che è garante e fonte di liberazione;
pensiamo solo alla rilettura che Gesù fa della Legge! E’ un Padre che ci
proietta ad un futuro da costruire con lui nella solidarietà con i nostri fratelli;
pensiamo alla parabola del Padre misericordioso.
Non è certo l’Abbà di Gesù un padre-padrone geloso dell’autonomia dei
figli.
Questa visione negativa di Dio, s’incuneò nell’esperienza umana al momento
della tentazione di Adamo ed Eva quando il serpente insinuò il sospetto
di un Dio geloso delle sue prerogative divine.
5
Giovanni Paolo II scrive nella sua enciclica Dominus et Vivificantem 38:
Lo spirito delle tenebre (Ef 6,12) è capace di mostrare Dio come nemico della
propria creatura e prima di tutto come nemico dell’uomo, come fonte di
pericolo e di minaccia per l’uomo. In questo modo viene innestato da Satana
nella psicologia dell’uomo il germe dell’opposizione nei riguardi di colui che
“sin dall’inizio” deve essere considerato come nemico dell’uomo e non come
Padre. L’uomo viene sfidato a diventare l’avversario di Dio.
Terminiamo con un episodio tratto dalla vita di Teresa di Lisieux, una
piccola del Regno, che ha sperimentato nella sua vita un abbandono totale e
fiducioso nelle mani del Padre.
Un giorno, racconta Celina sorella di Teresa, entrando nella cella della
nostra cara sorella rimasi sorpresa dalla sua espressione di grande raccoglimento.
Cuciva con slancio e tuttavia sembrava perduta in una profonda contemplazione.
“A che pensi?” le chiesi. “Medito il Pater noster” mi rispose “ è
così dolce chiamare Dio Padre Nostro!”. E le spuntarono le lacrime agli occhi.
Teresa amò Dio come un bambino vuole bene al babbo con incredibili manifestazioni
di tenerezza. Durante la sua malattia accadde che, parlando di lui,
prese una parola per un’altra e lo chiamò papà. Noi ridemmo ma lei riprese
tutta commossa: “Oh sì, è proprio mio papà, e quanto mi è dolce dargli questo
nome (Consigli e ricordi)
PADRE NOSTRO CHE STAI NEI CIELI
L’aggettivo “nostro” nel Pater è riferito ovviamente a Dio (“di noi”) e non
sta, certo ad indicare, possesso. Siamo noi il suo popolo ed egli è il nostro
Dio. Si tratta di un’appartenenza reciproca che ci è stata offerta gratuitamente
nell’alleanza: “Io sarò il suo Dio ed egli sarà mio figlio” (Ap 21,7).
Ancora: nostro indica la comunità, la Chiesa , la famiglia di Dio nella
quale siamo stati generati alla fede mediante il nostro battesimo.
E quando preghiamo l’Orazione del Signore, anche nel silenzio e solitudine
della nostra stanza, sempre noi ci dobbiamo sentire inseriti nella grande
preghiera della Chiesa: in questo senso non esiste per me cristiano una preghiera
mia. Così il Padre nostro ci fa uscire dal nostro individualismo. E per
essere pregato in verità “le nostre divisioni e i nostri antagonismi devono essere
superati”(ccc 2792). E’ la preghiera che deve abbattere ogni frontiera e
ostacolo che si frappone agli altri. E nella Preghiera del Signore ci presentiamo
portando tutti coloro per i quali il Figlio ha offerto se stesso: l’amore di
Dio è senza frontiere, anche la nostra preghiera deve esserlo (CCC 2792).
Pregando così il Padre Nostro ci collochiamo sicuramente nell’ambito della
preghiera di Gesù, la sua grande preghiera sacerdotale, nella quale lui
stesso chiese che tutti siano una cosa sola.
6
Il Pater, lo possiamo affermare, è la preghiera che ci fa passare dal Tu
al Noi.
Costatiamo, infatti, che nella prima parte al centro vi è un Tu:
- il tuo nome
- il tuo regno
- la tua volontà.
Nella seconda parte predomina il noi:
- da a noi il nostro pane quotidiano
- rimetti a noi i nostri debiti
- non indurre noi in tentazione
- libera noi dal male.
Dal Tu del Padre passiamo ad noi scoprendo in tal modo l’altissima nostra
dignità. Siamo figli, siamo un unico corpo per il battesimo e l’eucaristia,
siamo un’unica famiglia, siamo fratelli e sorelle in Cristo con un legame più
forte che quello del sangue (Mt 23,8). In famiglia pregare insieme il Pater
significa riconoscere gli uni di fronte agli altri, in una comune professione di
fede, la comune paternità di Dio da cui procede ogni altra paternità. Questo
riconoscimento comune è garanzia di libertà, di dignità e responsabilità vicendevole.
In una comunità cristiana (religiosa) significa riconoscere che si è famiglia
che trova il suo punto di riferimento non in se stessa, ma nel Padre da
cui trae la propria origine e la sua ragione d’essere.
Ci si riconosce così figli di un unico padre e fratelli non tanto per un legame
fisico di sangue, ma per una “consanguineità” di fede ancor più profonda.
“Chi fa la volontà del Padre, questi è fratello, sorella e madre”.
Comunità che si percepisce Corpo di Cristo in cammino verso
l’esperienza della comunione.
CHE SEI NEI CIELI
Non indica evidentemente un luogo ma un modo d’essere.
Era questa un’espressione comunissima al tempo in cui Matteo scrisse
il suo vangelo. Ad esempio un rabbino contemporaneo degli apostoli dice:
“Le pietre dell’altare fanno nascere la pace fra Israele e il Padre suo che è
nei cieli”. Quale il significato di quest’espressione? Gli antichi erano meravigliati
dalla profondità del cielo a loro inaccessibile che rievocava il mistero,
la trascendenza, l’infinito. Nella loro cosmologia il cielo appariva loro come
una realtà solida, costituito da acque trattenute da un immenso, velo costellato
di stelle. Nel cielo erano i depositi dell’acqua, della grandine e della neve
(cf Gb 37,9; 38,22). Tutta la costruzione del cielo poggiava su solidissime
colonne (“Io tengo salde le sue colonne”). Al di sopra di tutto il trono di Dio,
la sua dimora, la sua corte celeste, il suo palazzo (cf Sal 2,2s; 104,2; Gb
1,6-12).
7
Dio comunicava con la terra tramite gli angeli; essi scendevano tramite
scale (cf Gn 28,12); in seguito per influsso delle raffigurazioni persiane essi
si serviranno d’ali. L’espressione “che sei nei cieli” sta ad indicare dunque la
totale trascendenza di Dio, ma non la sua lontananza! Evitando anche la
banalizzazione e la proiezione di false immagini di Dio. Ma collocata subito
all’inizio dopo la parola Padre essa vuole anzitutto eliminare ogni possibile
confusione tra i “padri terreni” e il “Padre” da cui proviene ogni paternità.
Certo l’espressione che “sei nei cieli” unita a “Padre”, può generare in noi un
certo disagio: un vero padre non è mai lontano, staccato, inaccessibile. Tuttavia
nella fede cristiana siamo chiamati a conciliare questi due aspetti di
Dio; la sua paternità non esclude la sua trascendenza e viceversa. E’ un mistero
d’amore che ci avvolge e che nello stesso tempo ci trascende infinitamente.
Il peccato ci ha allontanato “dai cieli”, sono essi la “nostra patria”.
Viviamo come esiliati: Sospiriamo in questo nostro stato, desiderosi di rivestirci
del nostro corpo celeste (2Cor 5,2). La nostra conversione potrebbe essere
letta come un ritorno al cielo. E’ un cielo ormai aperto: “si spalancarono
i cieli” durante il battesimo di Gesù, e da allora non sono più richiusi
all’uomo. In lui cielo e terra sono ormai eternamente riconciliati. Paolo dirà:
Il Padre ci ha fatti sedere (ovvero possiamo rimanervi, sono ormai nostra dimora)
nei cieli in Cristo (Ef 3,6). La Lettera a Diogneto riporta la stessa riflessione:
I cristiani sono nella carne, ma non vivono secondo la carne. Passano
la loro vita sulla terra, ma sono cittadini del cielo (5,8).
LA PREGHIERA CRISTIANA
Guardando tre gesti con cui accompagniamo la nostra preghiera cogliamo
alcuni elementi della nostra fede, ovvero della nostra relazione con Dio. Anzitutto
vediamo che i cristiani pregano il Pater stando in piedi. I mussulmani
invece pregano stesi a terra rivelando la loro sottomissione a Dio. Pregando
così, essi sottolineano la sua assoluta trascendenza e lontananza. Noi
preghiamo il Padre nostro stando in piedi. E’ la posizione di Colui che è risorto,
è il nostro identificarci con Cristo. Nel battesimo siamo, infatti, passati
da morte a vita. Gesù ci ha fatto dono del suo stesso Spirito. Cristo risorto
così vive in noi (cf Gal 2,20). Non ci sentiamo poi schiacciati dalla trascendenza
di Dio, siamo costituiti nella libertà e nella figliolanza nei suoi confronti.
Preghiamo volgendo lo sguardo in alto, verso il cielo. Luogo della trascendenza
di Dio. Vogliamo vedere le cose con gli occhi di Cristo sempre rivolti
al Padre (cf Canone Romano): infatti, è in Lui che sta la verità di noi
stessi, della realtà che ci circonda e della storia che attraversiamo.
Così diciamo che egli è Padre che è nei cieli, vicino ma nello stesso
tempo avvolto nel suo mistero.
Scrive sant’Ambrogio:
“ O uomo tu non osavi levare il tuo volto verso il cielo, rivolgevi i tuoi
occhi verso terra, e, ad un tratto, hai ricevuto la grazia di Cristo: ti sono stati
rimessi tutti i tuoi peccati. Da servo malvagio sei diventato un figlio buo8
no... Leva, dunque, gli occhi tuoi al Padre... che ti ha redento per mezzo del
Figlio e di: Padre nostro!... Ma non rivendicare per te un rapporto particolare.
Del solo Cristo è Padre in modo speciale, per noi tutti è Padre in comune,
perché ha generato lui solo, noi invece, ci ha creati. Dì anche tu per grazia:
Padre nostro, per meritare di essere suo figlio” (De Sacram. 5,19).
Si prega con le braccia allargate. Ed è questo il gesto spontaneo con
cui il bambino corre incontro al papà o alla mamma. E’ pure il gesto indicante
una disponibilità incondizionata, come quella di Gesù sulla croce: “Tu non
hai voluto né sacrificio, né offerta, un corpo invece mi hai preparato... Allora
ho detto: Ecco io vengo per fare o Dio la tua volontà”(Ebr 10,5-7)
E’ gesto d’invocazione e d’intercessione non solo per noi ma per il
mondo intero. Non chiediamo con questo gesto che la volontà del Padre si
pieghi alla nostra: al contrario è segno di apertura, disponibilità alla sua volontà;
è la consegna di noi stessi.
SIA SANTIFICATO IL TUO NOME
Più che trattarsi di domande le prime tre richieste del Padre Nostro esprimono
degli auspici, dei desideri, delle attese:
- sia santificato il tuo nome
- venga il tuo regno
- sia fatta la tua volontà
A questo proposito il Catechismo della Chiesa Cattolica commenta così:
E’ proprio dell’amore pensare innanzi tutto a colui che si ama. In ognuna di
queste tre petizioni noi non “ci” nominiamo ma siamo presi dal “desiderio ardente”
dall”ansia” stessa del Figlio diletto per la gloria del Padre suo (2803).
Il primo di questi desideri è dunque che il santo Nome di Dio sia santificato.
Si tratta per noi di una espressione strana per noi (è sempre stata per lo
più intesa come il rispettare il nome di Dio non bestemmiandolo), ma comunissima
nel giudaismo.
Troviamo ad esempio nella preghiera quotidiana dello Qaddish:
Sia glorificato e santificato
il tuo grande Nome
nel mondo che egli ha creato
secondo la sua volontà
E nella terza delle Diciotto Benedizioni leggiamo:
Tu sei santo e il tuo nome è santo.
Noi santificheremo il tuo nome nel mondo,
come è santificato nell’alto dei cieli.
9
NELL’ANTICO TESTAMENTO
Per la cultura semitica il nome non era una semplice designazione
convenzionale, esso era intimamente legato alla persona, si identifica con
essa. Dare un nome nuovo significava ad esempio affidare a quella persona
una nuova missione, un nuovo modo di essere, implicava un profondo cambiamento
e un potere su di lui (cfr il romanzo di Gary Jennings, L’Azteco, in
cui il protagonista Mixtli lo scrivano dovrà cambiare nel suo cammino diversi
nomi a seconda con i potenti con cui si troverà a che fare). Ricevere un nome
da qualcuno significava riconoscere di essere dipendenti da Lui (cf Gn 17,5;
1,3-10; 2,20: Non ti chiamerai più Abram ma Abraham perché padre di molti
popoli io ti costituirò). Di conseguenza conoscere il nome significava possedere
il segreto intimo della persona, avere un potere su di lui, da qui il
suo valore magico. Israele conosceva il nome santo di Dio che gli era stato
rivelato (cf Es 3,14-15; 6,2-3), ma doveva impegnarsi a non ingiuriarlo mai
né impiegare per maledizioni (cf Lv 24,11-15), né per giuramenti o altro (cf
Lv 19,12; Es 20,7). Nel post esilio il rispetto del Nome giunse a tal punto che
solo il Sommo Sacerdote lo poteva pronunciare e una sola volta all’anno, nel
Santo dei Santi nel giorno dell’espiazione (Yom Kippur). La qual cosa fece sì
che si perdesse l’ esatta pronuncia del sacro Tetragramma JHWH. Incontrandolo
nella lettura della Scrittura doveva essere sempre sostituito da un titolo
similare (es Adonai) aggiungendo la formula “Benedetto sia il suo Santo Nome”.
Ad un primo livello dunque capiamo che santificare il nome di Dio significa
rispettarlo, onorarlo, mai profanarlo, non usarlo in modo magico al
fine cioè di voler piegare Dio al proprio servizio (cf Lv 18,21; 20,3). Il verbo
“santificare” equivale a separare, distinguere. Dio è il “Tre volte Santo” (cf Is
6,1-5), ovvero Colui che è totalmente “Altro” dall’uomo, distinto e separato
da lui. Santificare il nome di Dio ad un secondo livello significa dunque riconoscere
che egli è Unico, ineguagliabile, ineffabile nel suo mistero. Ed era
in questo senso che il giudaismo interpretava il termine ehad-Uno nello Shemà
Israel. Israele santificava il nome di Dio professando e magnificando la
sua azione nella storia, narrando le opere da lui compiute, manifestando
lo stupore per il suo agire e rivelarsi.
Ed è questo un terzo livello:
“Anche lo straniero, che non appartiene ad Israele tuo popolo, se
viene da un paese lontano a causa del tuo nome perché si sarà sentito
parlare del tuo grande nome, della tua mano potente e del tuo braccio
teso, se egli viene a pregare in questo tempio, tu ascoltalo dal cielo,
luogo della tua dimora, e soddisfa tutte le richieste dello straniero, perché
tutti i popoli della terra conoscano il tuo nome, ti temano come Israele
tuo popolo e sappiano che al tuo nome è stato dedicato questo
tempio che io ho costruito” (1Re 8,41-43).
Quindi il nome di Dio è glorificato-santificato quando si annunziano le
sue opere. Israele è chiamato ad essere un inno vivente alla santità-unicità
di Dio, popolo nel quale JHWH manifesta la sua gloria:
“Vedendo ciò che ho fatto in mezzo a loro,
10
santificheranno il mio nome,
santificheranno il Santo di Giacobbe,
tremeranno di fronte al Dio di Israele” (Is 29,23).
E’ tutta la storia di Israele che santifica il nome del Signore, e Israele
ben conosce questa sua missione. Compito dei padri sarà di narrare ai figlio
le grandi opere di JHWH iniziandoli alla santificazione del nome:
“Grande è il Signore e degno di ogni lode,
la sua grandezza non si può misurare.
Una generazione narra all’altra le sue opere,
annunzia le sue meraviglie.
Diffondono il ricordo della sua bontà immensa” (Sl 145,3-7).
Ma vi è ancora un quarto livello. Occorre partire dalla considerazione che
anche la santificazione del nome fatta nella liturgia splendida del Tempio e
nei riti non è sufficiente, e i profeti lo ricorderanno insistentemente; è indispensabile
che tutto questo sia accompagnato da una vita “santa” ovvero
conforme ai dettami della Torah:
“Siate santi, perché io il Signore, Dio vostro, sono santo” (Lv 22,31)
“Osservate i miei comandi, non profanate il mio nome, perché io mi
manifesti santo in mezzo agli israeliti. Io sono il Signore che vi santifico”.
L’ingiustizia, il sopruso, l’idolatria sono profanazioni del nome santissimo
di Dio:
“Hanno venduto il giusto per denaro e il povero per un paio di sandali;
calpestano come polvere della terra la testa dei poveri... e così
hanno profanato il mio santo nome” (Am 2,6-7).
Arriviamo ad un testo fondamentale per entrare in una ancor più profonda
comprensione dell’espressione “santificare il nome di Dio”. Si tratta di Ez
36,20-38:
“Giunsero fra le nazioni dove erano spinti e disonorarono il mio nome
santo, perché di loro si diceva: Costoro sono il popolo del Signore e
tuttavia sono stati scacciati dal suo paese. Ma io ho avuto riguardo del
mio nome santo, che gli Israeliti avevano disonorato fra le genti presso
le quali sono andati. Annunzia alla casa d'Israele: Così dice il Signore
Dio: Io agisco non per riguardo a voi, gente d'Israele, ma per amore del
mio nome santo, che voi avete disonorato fra le genti presso le quali
siete andati. Santificherò il mio nome grande, disonorato fra le genti,
profanato da voi in mezzo a loro. Allora le genti sapranno che io sono il
Signore - parola del Signore Dio - quando mostrerò la mia santità in voi
davanti ai loro occhi”.
Il profeta sta scrivendo al popolo esiliato, ridotto in schiavitù. Tale situazione
è letta come conseguenza dell’infedeltà alla Legge. I pagani, un
tempo meravigliati per il successo di Israele, ora lo deridono e con esso un
11
Dio che si è dimostrato non più dalla loro parte. Ma ecco che JHWH non sopporta
che il suo Nome a motivo di Israele sia disonorato. Egli dunque prenderà
sicuramente posizione al fine di difendere il suo nome. In che modo? Ricostruendo
il suo popolo, riportandolo nella terra promessa, soprattutto dando
un cuore nuovo ad Israele affinché non si allontani più da lui, santificando
così il suo Nome santo davanti a tutti i popoli. Nel parlare di ciò che Dio
compie, la spiritualità giudaica usava la forma passiva (passivo teologico onde
evitare il Nome di Dio): “sarete giudicati”, “vi sarà dato...” equivale a “Dio
vi giudicherà”, “Dio vi darà”...“Sia santificato il tuo nome” lo traduciamo con
“O Dio santifica il tuo nome”. Gesù dirà ad esempio: “Padre glorifica il tuo
nome” (Gv 12,28).
Non siamo noi anzitutto a glorificare Dio, non ne ha bisogno!
Il suo nome è glorificato nella sua opera di salvezza gratuita nei confronti
dell’uomo: il cieco, il paralitico, il peccatore che sperimentano la salvezza
se ne tornano “lodando e glorificando Dio”. Nel Pater noi chiediamo di
poter sperimentare al più presto la sua opera di salvezza in noi, nella
Chiesa, nel mondo intero. Una preghiera già esaudita dalla fedeltà di Dio
anche se non ancora realizzata in modo definitivo, ma di cui possiamo già sin
d’ora “assaggiare” gli anticipi. E di cui a volte, in momenti difficili, ci augureremmo
di vedere già realizzata pienamente. Speranza e desiderio ardente
presente già nell’antico giudaismo: “Glorificato e santificato sia il suo grande
nome nel mondo... E ciò avvenga ai nostri giorni, nel tempo di vita della casa
di Israele, in fretta e in tempo prossimo”. A questo punto sorge una domanda:
se è Dio che deve santificare il suo santo nome a che serve la nostra
preghiera?
La nostra supplica non cambia il cuore di Dio che rimane sempre fedele
al suo patto, ma il nostro. Siamo noi che dobbiamo renderci disponibili ad accogliere
la sua opera di salvezza. Che il suo nome sia santificato perciò nella
nostra vita.
IL NOME: MISTERO DELLA PERSONA
In mezzo ad una massa di volti sconosciuti dà gioia il sentirsi chiamare
improvvisamente per nome da una voce amica. Il mio nome risuona come un
riconoscimento di me stesso come persona, esso è quella realtà che mi distingue
dagli altri e che mi permette di entrare in relazione con l’altro. Senza
un nome io non esisto. Quando incontriamo un bambino gli chiediamo, infatti,
per prima cosa: Come ti chiami? Il nome è dunque non soltanto quella realtà
che mi definisce ma altresì quella realtà che mi pone in relazione con
qualcun altro: quando sono chiamato io esisto, io sono interpellato. Anche
Dio ha rivelato al suo popolo il suo nome: JHWH (cf Es 3,14). Non è dunque
un’astrazione, un principio anonimo d’esistenza. Ma mentre rivelava il suo
nome vi si nascondeva. JHWH significa, infatti: “Io sarò”. E’ come se avesse
detto: Da ciò che farò capirete chi sono. La rivelazione del suo nome lungi
dal compiere la rivelazione diventa un invito pressante alla ricerca, perché
Dio non si lascia afferrare: JHWH è Dio ineffabile, indicibili, indescrivibile.
Gesù, che è l’esegesi del Padre (cf Gv 1), ci ha manifestato un altro nome di
12
Dio: il suo essere Padre, il suo essere amore. Con la sua incarnazione, passione
e morte ci ha detto chi è Dio.
“E’ in Gesù che il Nome del Dio Santo ci viene rivelato e donato, nella
carne, come Salvatore: rivelato da ciò che egli è, dalla sua parola, dal suo
sacrificio” (CCC 2812).
Il nuovo nome è dunque Amore (“Dio è Amore”).
“Per santificare il Nome noi dobbiamo unicamente rifugiarci nella croce
di Cristo. Nella sua sofferenza e morte” (O. Clèment).
INVOCARE IL NOME DEL SIGNORE
Dio ci conosce nome per nome. Di fronte a lui non siamo una massa.
Un nome con il quale Dio c’interpella, intesse un dialogo, una relazione
sponsale, paterna, amicale. Quando chiama qualcuno lo fa sempre con il suo
nome. Invocare il nome santo di Dio è rispondere a questa chiamata, e questa
invocazione può assumere tantissime sfaccettature:
- un chiamare in causa Dio di fronte al dramma della sofferenza
umana: “Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?” (Mc 15,34).
- un atto d’abbandono e resa nelle sue mani: “Padre nelle tue
mani affido il mio spirito” (Lc 23,46)
- un grido d’aiuto: “Padre passi da me se possibile questo calice”.
Invocare il nome, non è pretesa di piegare Dio: è lui il Signore,
l’onnipotente, il creatore che chiama le stelle per nome (Is 40,26).
SANTIFICARE IL NOME
E’ Gesù colui che più d’ogni altro ha santificato il Nome di Dio.
Nell’Eucaristia memoriale vivo della sua morte e risurrezione, preghiera
somma della Chiesa, noi santifichiamo il Nome di Dio. Nella liturgia della parola
narriamo le sue meraviglie per noi santificando il suo Nome. La memoria
di Dio nella vita ci porta a compiere opere tali da santificare il suo nome. I
nostri gesti di amore, di dono, di sacrificio sono occasione di lode al Padre da
parte degli uomini (cf Mt 5,16), la nostra vita di fronte agli altri assume il
compito di specchio di Dio:
“I serafini, lodando Dio, dicono: Santo, Santo, Santo; appunto le parole
“sia santificato il tuo nome” significano che il suo nome sia glorificato. E’
come se dicessimo a Dio: concedici di vivere in modo così puro e perfetto
che tutti, vedendo noi, ti glorifichino. La perfezione del cristiano sta proprio
in questo, nell’essere così irreprensibile in tutte le sue azioni, che chiunque
lo vede, per esse rende lode a Dio” (s. Giovanni Cris., Om. In Matteo, 19)
13
In fin dei conti non possiamo santificare il Nome se non lasciandolo entrare
nella nostra vita con la sua azione santificante. “Il nome santifica ed è
santificato in un medesimo processo” (B. Standaert).
Diceva Nieztche: “Mostrami che tu sei redento e io crederò al tuo Redentore”.
L’INIZIAZIONE CRISTIANA
Il battesimo: è l’evento di salvezza posto all’inizio della nostra vita in
cui il nostro nome è messo in relazione al nome del Padre, del Figlio e dello
Spirito. La Trinità ristabilisce in noi la sua dimora di gloria-santità. Nella confermazione
Dio ci chiama ancora per nome per affidarci un compito, una missione
dentro la comunità cristiana. La nostra vocazione come missionetestimonianza
della santità di Dio. Nell’Eucaristia, solenne invocazione del
Nome, la Trinità rinnova l’alleanza con noi. Ci si riconosce Uno dinanzi
all’altro. Essa è memoriale delle grandi opere compiute da Dio in cui egli è
santificato. La catechesi e la predicazione assumeranno ancora la tonalità
del racconto come ambito in cui Dio rivela il suo nome e in cui viene santificato.
NEL NOME DI GESU’
Ogni preghiera liturgica è rivolta al Padre nel nome di Gesù nello Spirito
Santo. Avviene così una duplice rivelazione:
- la via che Dio ha percorso per arrivare a noi
- la via che dobbiamo percorrere per andare a lui.
E’ Cristo la via per giungere al Padre (cf Gv 14,6 Mostraci la via...). La
nostra preghiera è dunque valida, efficace, se fatta nel suo nome:
Gv 14,13-16; 15,16; 16,23-26
Ed è lo Spirito di Gesù a suscitare in noi la preghiera: il grido di Abbà (cf
Rm 8,15-27). La nostra preghiera raramente si rivolge al Padre (forse sintomo
dell’abbandono della tradizione biblica e liturgica). Ci sembra non conveniente
“scomodare” il Padre, non si ha familiarità con lui. Anche Cristo spesso
è rispedito in cielo, lontano da noi... non ci resta che Maria!
Ma la tradizione biblica ci mostra un Padre tenero e “materno”, di cui
Gesù è il volto umano. Nel suo Spirito ci rivolgiamo al Padre in tutta fiducia
(Ebr 4,14). Se esasperiamo il ruolo dei santi rischiamo di adombrare questo
volto paterno di Dio, ricadendo in una sorta di mitologia diversificata secondo
tante “competenze”.
NELL’EDUCAZIONE
14
- Il nome di Dio va sempre abbinato a realtà positive. Non va
usato come deterrente o come ricatto. - Ci si abitui a rivolgersi
al Padre nella lode e nel rendimento di grazie per i suoi
doni.
- Alla luce del suo Nome siano letti i grandi fatti della vita
- Si purifichi continuamente la conoscenza di Dio. Vi è troppa ignoranza
in questo campo d essa genera spesso solo puerilità, magismo,
paure.
VENGA IL TUO REGNO
Il Battista, impernia la sua predicazione sulla conversione in vista
dell’avvento del Regno:
“Il Regno dei cieli è vicino”: Mt 3,2
Gesù riprende questo tema, anzi annuncerà che ormai il regno è giunto:
“Il tempo è compiuto, il Regno dei cieli è vicino”: Mt 1,15
“Il regno di Dio è in mezzo a voi”: Lc 17,21.
Leggendo i vangeli ci accorgiamo di come il Regno di Dio è il centro della
sua predicazione di Gesù di Nazaret (122 volte di cui 90 in bocca a Gesù).
Così anche i discepoli sono mandati a predicare il Regno: Mt 10,7 - At
28,31. Ma che cos’è il Regno dei Cieli, o per usare un’altra espressione il
“regno di Dio”? I testi non lo dicono. E’ evidente che per gli interlocutori non
occorresse spiegarlo talmente era chiaro!
NELL’ANTICO TESTAMENTO
Nelle teogonie dei popoli antichi il mondo nasceva da una lotta tra Dio
e il Caos. La regalità di dio veniva dunque stabilita al momento della creazione.
Essa veniva ciclicamente celebrata affinché potesse perpetuarsi. Il
mondo, infatti, era costantemente minacciato dal Caos (ecco allora le celebrazioni
rituali del giorno e della notte, dell’inverno e primavera, della morte
e della vita...). Un ruolo fondamentale era dato dalla figura del re: toccava a
lui, in quanto rappresentante – figlio - luogotenente di dio, assicurare
l’ordine da cui scaturiva prosperità, pace, giustizia per i poveri e gli oppressi
(cf Is 1,23; Sl 72,7.16). Ad esempio quando il re babilonese Assurdanipal
(669-630 ac) assurge al trono, esso viene celebrato con queste parole:
“Governo prospero
anni di equità
Piogge abbondanti,
fiumi in piena...
15
i vecchi saltano
i fanciulli cantano.
Le fanciulle esultano di gioia,
le donne concepiscono...
Quelli che da anni giacevano ammalati rivivono,
gli affamati sono saziati,
i magri diventano grassi,
gli ignudi sono coperti di abiti”.
Israele coltiva la speranza del regno di Dio, ma a differenza d’altri popoli
non lo proietta come un ritorno ciclico al passato, non è un ritorno alla mitica
età dell’oro, esso invece appartiene al futuro dell’alleanza, alle promesse
stesse di Dio fatte a Abramo, Isacco e Giacobbe. Questa convinzione
di fede nasce anche dall’esperienza derivante dalla delusione a cui Israele
soggiace passando da un re all’altro. La monarchia è screditata inesorabilmente.
Nasce l’attesa che re e pastore d’Israele sia JHWH stesso (cf Gr
22,1-4; Ez 34). Alla fin fine ci si rende conto che il regno verrà solo se JHWH
stesso “pascolerà” il suo popolo. Nonostante tutte le prove e persecuzioni Israele
non mancherà mai di questa speranza (tuttora). Ne fanno testo tante
preghiere salmiche in cui si celebra il trionfo di JHWH e l’instaurarsi del suo
Regno:
“Il Signore è re, tremino i popoli...
Re potente che ami la giustizia” (Sl 99,1.4)
“Acclamate come vostro re il Signore...
Egli viene a giudicare la terra,
giudicherà il mondo con giustizia
e i popoli con rettitudine” (Sl 98,6.9).
Equivalente sarà l’immagine della venuta finale del Signore, del giorno
di JHWH, in cui egli farà definitivamente giustizia e porterà salvezza (cf
Is,35,4; Gl 2,1; Gl 3,1-5; Sof 1,14). Altra immagine equivalente sarà la riunificazione
di tutti i popoli sotto l’unica signoria di Dio, ed essa avverrà sul
monte santo di Sion (Alla fine dei giorni il monte del tempio del Signore sarà
eretto sulla cima dei monti, ad esso affluiranno tutte le genti... Is 66,19-21;
Mic 4,1-7).i
NEL NUOVO TESTAMENTO
Nel II sec. A.C. si attesta una forte attesa del regno di Dio testimoniata
dalla fioritura della letteratura apocalittica, tutta permeata dalla speranza
della sua vicinanza. Un avvento, ci dicono, che non sarà privo di drammaticità.
Daniele 7 descrive la progressiva distruzione ed annientamento dei
grandi imperi terreni. Non avverrà il passaggio dunque senza dolore: calamità,
guerra, morti e pestilenze. Come se il mondo ripiombasse nel caos primigenio
in attesa di una nuova creazione. Sono i dolori del parto, preludono
alla nascita di una nuova vita.ii Gesù annuncia il regno, ovvero intende affermare
che è giunta l’ora del suo avvento; le speranze stanno per essere realizzate.
Ma di che Regno parla di Gesù? Come lo intende? Non s’identifica
con l’interpretazione politica e nazionalistica, ma d’altro lato non da adito
ad una interpretazione puramente spirituale ed interiore che fa riferi16
mento solo alla coscienza del singolo. La sua parola pur non facendo politica
risulta sovversiva nei confronti di tutte le strutture di peccato, mentre egli
rifiuta di schierarsi dalla parte di chi lo vorrebbe attirare su di un campo politico
(cf Gv 6,14s).
Gesù pone dei gesti concreti, visibili, dei segni direbbe Giovanni, che
annunciano un ordine nuovo: Lc 7,22 in rif. a Is 61,1-2. Tra tutte le immagini
usate da Gesù per parlare del Regno, una gli è particolarmente cara: è la
gioia del banchetto al quale tutti sono invitati iniziando proprio dagli ultimi,
malati e peccatori (cf Lc 14,21). Gesù userà anche le immagini del grano e la
zizzania (Mt 13,24), del granello di senape ( Mt 13,31), del lievito (mt
13,33), del tesoro nascosto e la perla preziosa (Mt 13,44), della rete ricolma
di pesci (mt 13,47). Gesù talvolta afferma la presenza in atto del regno, altre
volte lo annuncia prossimo. E’ importante questa sottolineatura che suggerisce
il già e il non ancora del regno come inteso da Gesù nell’invocazione
del Pater. Con l’incarnazione, infatti, il Regno è già entrato in questo mondo,
ma come un “granello di senape” (cf Mt 13,31s). E’ piccolo, insignificante,
nascosto, ma possiede già in sé tutte le sue potenzialità future, è destinato
a svilupparsi incredibilmente fino al suo compimento alla fine dei tempi.
Questo Regno in germe deve ora ancora lottare contro le forze di morte
presenti nel mondo, che saranno definitivamente sconfitte alla fine quando la
zizzania sarà raccolta e bruciata. Quando il regno sarà completato? Dice Paolo:
quando Cristo “consegnerà il Regno a Dio Padre, dopo aver ridotto a nulla
ogni potenza nemica... e aver posto tutti i nemici sotto i suoi piedi. L’ultimo
nemico ad essere annientato sarà la morte... e Dio sarà tutto in tutti” (1Cor
15,24-28). Dunque il regno è presente già sin d’ora, ma la sua piena manifestazione
è nel futuro. La Chiesa non è il Regno di Dio già attuato, essa è
comunità di credenti chiamata a porre i segni del Regno lungo la storia, vocazione
ad essere sacramento del regno in questo mondo (cf Mc 16,15-18).
VENGA IL TUO REGNO
Il discepolo di Gesù è invitato dalla preghiera del Pater ad invocare
l’avvento del Regno. Ed è questa una preghiera che ha sempre accompagnato
la comunità cristiana che accanto all’invocazione del Pater, pregava
dicendo: Marana thà. “E’ il grido dello Spirito e della Sposa: Vieni Signore
Gesù” (CCC 2817). Venga il tuo Regno! Queste invocazioni sottolineano il
fatto che la venuta del regno è gratuita, è puro dono, indipendente dalla volontà
dell’uomo. Esso si può ricevere, ereditare (cf Mc 10,17), accogliere
(Mc 10,15); attendere (Lc 2,25). Da parte nostra ci sarà dunque solo
un’attesa passiva? Si tratta di stare a braccia conserte come in stazione attendendo
il treno? Pregando le parole “Venga il tuo Regno” siamo portati a
chiedere di entrare nella volontà di Dio, nell’ottica del suo Regno, imparando
a scorgere din d’ora, nella nostra storia, i suoi germi di presenza. La
preghiera, se è autentica, costringe ad aprire il nostro cuore all’accoglienza
di questi germi del regno e a porre a nostra volta dei segni concreti della
sua presenza. Se il regno è pace, giustizia, amore, verità e vita questo significa
che cercherò sin d’ora di incastonare in questa storia così sbilenca,
contraddittoria, segnata dal male e dalla morte gesti nuovi di giustizia, di
verità, di vita, di amore. Sono questi doni che ci rimandano all’azione presente
dello Spirito nella Chiesa e nel mondo. Non per nulla antiche traduzioni di17
cevano in luogo di “venga il tuo regno” le parole “Il tuo santo spirito venga
su di noi e ci purifichi”. Lo Spirito è sempre più immediato inizio del regno
che viene nella storia. (Massimo il Confessore -IV sec. - leggeva la sequenza
Padre-Nome-regno come un movimento trinitario). Si domanda una presenza
maggiore della ricchezza di Cristo tra gli uomini, nella loro vita, nelle loro
strutture, nel mondo in cui essi abitano (U.Vanni
UN RE CROCIFISSO
La struttura delle fiabe rappresenta una drammatizzazione della vita,
con le sue prove, le sue lotte, i suoi conflitti. Il fine è sempre lieto: “Vissero
tutti felici e contenti”. I cattivi sono inesorabilmente castigati. Il bene trionfa
sempre: è solo questione di tempo e di pazienza. I ruoli sono sempre ben
definiti: i cattivi sono proprio cattivi, e i buoni unicamente buoni. Per i bambini
le fiabe sono importanti: svolgono il ruolo di iniziazione al mistero della
vita e della morte. Ma gli anni passano, i bambini non sono più tali, la fiaba
della vita si sfalda a volte lentamente ma inesorabilmente. Ci si rende conto
che non esistono bacchette magiche o talismani che risolvono i problemi. La
vita si presenta carica di contraddittorietà: i ruoli sono sempre meno definiti,
il bene spesso sembra non trionfare mai, tutto sembra avvolto da un velo
che preannuncia un’inesorabile morte senza speranza. La regalità di Cristo
sulla croce si staglia sulla storia in tutta questa contraddittorietà e assurdità.
Non vi è un lieto fine nella sua vita terrena: l’innocente è stato ucciso, in
quel giorno “fu sparso sangue innocente” (Dan). Sono i “buoni”, gli osservanti
della Torah che hanno ucciso Gesù. E la sua morte non è quella dell’eroe:
nella sua umanità Gesù sente tutto il dramma, lo squarciò nella sua carne,
del passo, della pasqua, che si appresta ad affrontare (“e il suo sudore cominciò
a cadere a terra come gocce di sangue”). Nel Vangelo di Giovanni troviamo
una sezione dedicata al regno, ed essa è destinata alla Chiesa affinché
non cada in nessun equivoco riguardo ad esso. Siamo, infatti, proprio
nel racconto della Passione. Dinanzi a Pilato, Gesù non nasconde la sua
regalità: “Io sono re”, ma afferma nel medesimo tempo l’essenziale diversità
della sua regalità da quelle di questo mondo “Il mio regno non è di questo
mondo” (cf Gv 18,36). Egli sarà un re coronato di spine e rivestito del
mantello regale di porpora. Inchiodato sulla croce come su un trono, e
presentato al mondo intero (le tre lingue) come il “re dei giudei” (19,20). Ed
è qui che il vangelo proclama al mondo la regalità del Signore Gesù che dona
la vita liberamente e per amore: “li amò sino alla fine” (13,1). Dove sta la
gloria, la “santificazione del Nome di Dio nella passione e morte del Figlio?
Gesù muore per il Regno che ha annunciato e che non vede. Come Abramo
che morì con la promessa di Dio di una terra e di una numerosa discendenza:
ma muore possedendo solo una tomba, e un figlio.
E’ sicuramente un re che si muove su di una linea opposto ai re di questo
mondo (cf la lavanda dei piedi: Gv 13,18-36). Egli ha posto i germi del
regno nella storia, ha posto anzitutto se stesso. Come Risorto egli continua
la sua presenza in mezzo a noi e attraverso noi. I segni del regno dunque ci
sono, ma sta a noi il saperli riconoscere. Spetta ancora a noi collaborare affinché
essi siano posti lungo i solchi della storia, nella certa speranza che al
di là di ogni pretesa immediata di riuscita e realizzazione. Certo questi segni
rimarranno poveri, deboli, spesso perseguitati. Ma qui risulta fondamentale
18
la fede nella fedeltà del Padre che non verrà meno alla promessa di cieli e
terra nuova. Così la Chiesa e il cristiano imparano ad attendere fiduciosi la
venuta del regno del Padre. Non lo vogliamo però identificare subito e solo
con il “paradiso”, perché allora si domanderebbe come san Paolo di essere
subito sciolti dai legacci di questo mondo. Anche se “in effetti si tratta principalmente
della venuta finale del regno di Dio come il ritorno di Cristo” (CCC
2818). Il regno è già qui, è dentro la storia. Ed è questa la “lieta notizia”: è
giunto a voi il regno di Dio (Lc 11,20). E’ necessario avere occhi di fede e di
sapienza per riconoscerlo in mezzo alla zizzania; occorre disponibilità per aprire
il cuore alla sua venuta già sin d’ora pregustandone il suo sapore. Sapienza
per imparare ad accoglierne con fiducia i ritmi, i tempi, le modalità
così spesso diversi dai nostri (cf Mt 13,47-50 il grano e la zizzania). Nessuno
lo possiede o lo possederà in pienezza. Nessuno può dire “eccolo qui o eccolo
là”. Esso è un tesoro nascosto (cf Mt 13,44), rivelato ai piccoli (“Ti benedico
o Padre....”). Per ora il regno è lievito, è sale, è luce (cf Mt 13,33; 5,13-
14). L’umile e fiduciosa attesa del dono ci aiuta ad evitare ogni forma di fanatismo
che porterebbe ad identificare in modo ottuso e meschino noi stessi,
i nostri progetti e realizzazioni con il Regno stesso di Dio, rischio che la
Chiesa in certe epoca ha più di una volta vissuto. “Che il regno non sia di
questo mondo ci libera così dalle utopie totalitarie (da cui la cristianità non
si è sempre preservata). Ma che esso affiori già nella pace, nella bellezza,
nella tenerezza della liturgia e della contemplazione, ci libera dalle delusioni
e dalle amarezze che ci rendono cinici e crudeli” (O. Clement, Anacronache).
SIA FATTA LA TUA VOLONTA’
DUE INTERPRETAZIONI
Vi è una prima interpretazione immediata e problematica di questa richiesta.
Essa richiama il concetto di rassegnazione, di passività di fronte a
ciò che nella vita vi è di sofferenza inevitabile. Non siamo lontani dallo stoicismo
dei filosofi antichi. Epitteto diceva: “Uniformarsi agli eventi che non
dipendono dalla nostra volontà è saggezza”. Quale lettura dare della frase di
Gesù detta nell’orto del Getsemani: Padre non la mia ma la tua volontà sia
fatta (Mt 26,42)? O di At 21,14, dove i cristiani di Cesarea si rassegnano al
fatto che Paolo salga a Gerusalemme: Sia fatta la volontà del Signore? Se
non bastasse la letteratura apocalittica parla dei libri che si trovano nei cieli
in cui tutto ciò che accade è già scritto (Il Cielo farà succedere gli avvenimenti
secondo quanto è stabilito lassù (1Macc). Vi è anche una seconda interpretazione:
fare la volontà di Dio consiste nell’obbedire ai suoi comandamenti.
Si tratta della nostra sottomissione ad essi. Fare la volontà di Dio
in fin dei conti comporta anzitutto un atteggiamento morale. Ma evidentemente
queste due interpretazioni appaiono se non erronee certamente
molto limitate. Prendiamo anzitutto in esame l’etimologia della parola “volontà”
- in greco Thelema. Essa è traduzione di due termini ebraici: hapetz -
ratzah. Vi è una sorpresa: entrambi le radici non significano “comandare -
imporre - ordinare”, ma “compiacersi - provare gioia - desiderare ardentemente”.
Ad esempio: “insegnami Signore a fare la tua volontà” andrebbe tra19
dotto: “insegnami Signore a compiere ciò di cui tu ti compiaci”, “ciò che ti da
gioia”, “ciò che desideri ardentemente da me”. La differenza semantica dunque
è notevole. L’aspetto morale passa decisamente in secondo piano (Il re
Ciro farà la mia volontà (Is 44,28), non nel senso che obbedirà alla legge ma
nel senso che compirà ciò che il Signore desidera). Inoltre non appare il concetto
di sottomissione passiva a qualcosa di ineluttabile già deciso per me.
Al primo posto è messo il progetto di Dio, il disegno di salvezza che lui ha
per il suo popolo, perché è questo il primo desiderio di JHWH.
QUALE NUOVO (?) SIGNIFICATO?
Se ora applichiamo questa lettura all’espressione che ritroviamo nel Pater
- sia fatta la tua volontà:
- essa assume una precisa colorazione forse diversa da come
l’abbiamo intesa finora.
Anzitutto ci domandiamo:
- in che cosa consiste il progetto di benevolenza di Dio, il suo
compiacimento, il suo desiderio ardente?
- come egli intende realizzarlo?
Alla prima domanda si può rispondere con 1Tm 2,4: Dio nostro Salvatore
vuole che tutti gli uomini si salvino e che giungano alla conoscenza della verità.
Alla seconda citiamo la Lumen gentium 9:
“Piacque a Dio (è sua volontà) di santificare e salvare gli uomini non individualmente
e senza alcun legame tra loro, ma volle costituire di loro un
popolo... Si scelse quindi il popolo israelita”.
Volontà di Dio è la salvezza di tutti, indistintamente (La volontà di Dio
non è un valore giuridico, è un influsso di vita che dona l’esistenza e la rinnova
quando essa si smarrisce). Lo strumento attraverso il quale farla giungere
è la scelta di un popolo: Israele è “servo”, è “luce delle nazioni” (Is
42,6; 49,6). Certo è una scelta che appare assurda al mondo (cf Is 53,2-
3.10). Israele è piccolo, povero, perseguitato. La volontà di Dio di conseguenza
sembra così estrosa agli occhi umani: I miei pensieri non sono i vostri
pensieri, le vostre vie non sono le mie vie - oracolo del Signore - quanto
il cielo sovrasta la terra, tanto le mie vie sovrastano le vostre vie (Is 55, 8-
9). (Cfr 1Cor 1,27.28)
GESU’ PIENO ADEMPIMENTO DELLA VOLONTA’ DEL PADRE
Gesù in tutta la sua esistenza si inserisce in questa “volontà” del Padre:
Mio cibo è fare la volontà del Padre. Gesù è ben cosciente che la sua missione
è compiere la volontà del Padre:
“Sono disceso dal cielo non per fare la mia volontà, ma la volontà di Colui
che mi ha mandato. E questa è la volontà di colui che mi ha mandato,
20
che io non perda nulla di quanto egli mi ha dato, ma lo risusciti nell’ultimo
giorno” (Gv 6,38-39).
“Mio cibo è fare la volontà di Colui che mi ha mandato e compiere la sua
opera” (Gv 4,34).
”Non cerco la mia volontà, ma la volontà di Colui che mi ha mandato”
(Gv 5,30)
Tutta la sua esistenza ha come punto cardine questo desiderio: l’ultima
parola di Gesù è riassuntiva di tutta la sua esperienza di relazione alla volontà
del Padre: E dopo aver ricevuto l’aceto, Gesù disse: Tutto è compiuto!
E chinato il capo rese lo spirito (Gv 19,30). Il Catechismo commenta:
“E’ in Cristo e mediante la sua volontà umana che la Volontà del Padre è
stata compiuta perfettamente e una volta per tutte. Gesù entrando nel mondo,
ha detto: “Ecco io vengo... per fare, o Dio la tua volontà” (Ebr 10,7; Sal
40,7). Solo Gesù può affermare: “Io faccio sempre le cose che gli sono gradite”
(Gv 8,29). Nella preghiera della sua agonia, egli consente totalmente alla
Volontà del Padre: “Non sia fatta la mia, ma la tua volontà!” (Lc 22,42). Ecco
perché Gesù “ha dato se stesso per i nostri peccati ... secondo la volontà di
Dio” (Gal 1,4). “E’ appunto per quella Volontà che noi siamo stati santificati,
per mezzo dell’offerta del Corpo di gesù Cristo” (Eb 10,10).
LA VOLONTA’ DEL PADRE NEL CRISTIANO
Piena conformità alla volontà del Padre che è salvezza dell’uomo peccatore:
“Affinché la libertà dell’uomo peccatore non soccomba alle tenebre, Dio
si incarna e scende nella morte, nell’inferno, perché ci sia finalmente un luogo
in cui l’uomo possa unirsi alla volontà divina. Questo luogo è Cristo. In
Cristo la volontà umana si è dolorosamente e gioiosamente unita a quella
del Padre” (O. Clèment).
Fare la volontà del Padre è unire la nostra volontà a quella di Cristo: Noi
chiediamo al Padre nostro di unire la nostra volontà a quella del Figlio suo,
per compiere la sua volontà, il suo disegno di salvezza per la vita del mondo.
Noi siamo radicalmente incapaci di ciò, ma, uniti a Gesù e con la potenza del
suo Santo Spirito possiamo consegnare a lui la nostra volontà e decidere di
scegliere ciò che sempre ha scelto il Figlio suo: fare ciò che piace al Padre
(CCC 2825). Il cristiano sa che questa richiesta sarà sicuramente esaudita
nonostante tutto. Gli errori umani, il peccato, non impediranno la sua realizzazione.
La preghiera in questo senso non cambia Dio, ma colui che prega. Quando
preghiamo chiedendo che si compia la volontà del Padre noi ci disponiamo
a renderci aperti con tutte le forze affinché il suo disegno si realizzi per ogni
uomo. Tale preghiera trasforma il nostro cuore. In colui che prega la volontà
del Padre può aprirsi un varco, e solo la preghiera può implorare che sulla
terra discenda la Gerusalemme del cielo.
21
COME IN CIELO COSI’ IN TERRA
Era convinzione degli antichi che il progetto di Dio fosse già pienamente
realizzato in cielo. E’ lì che si trova, nella dimora di Dio, la celeste Gerusalemme
sottratta ad Adamo ed Eva dopo la colpa. Una città contemplata, desiderata...
Nel Pater si chiede che essa sia portata sulla terra. Ma un dubbio
sorge. A quale delle tre aspirazioni del Pater si riferisce l’espressione
“come in cielo così in terra”? Generalmente si pensa solo alla terza. Ma la
tradizione ha sempre trasmesso l’interpretazione che essa si riferisca a tutte
e tre (es. Il Catechismo Tridentino la raccomanda). La prima parte della Preghiera
del Signore andrebbe dunque letta così:
“Padre nostro che sei nei cieli,
sia santificato il tuo nome come in cielo così in terra
venga in tuo regno come in cielo così in terra
sia fatta la tua volontà come in cielo così in terra”.
OSSERVANZA DEI COMANDAMENTI
Abbiamo visto che non si può ridurre la volontà di Dio a un insieme di
precetti morali. Ma è che l’adesione al progetto di benevolenza divina comporti
una vita completamente nuova anche su questo fronte. Ma questa necessità
nasce dalla legge-grazia dello Spirito che è stata posta in noi nel
battesimo. Domandiamo al Padre la forza e la grazia dell’obbedienza (fà che
amiamo ciò che comandi! Dalla liturgia) al comandamento nuovo. Il suo comandamento,
che compendia tutti gli altri e ci manifesta la sua Volontà, è
che ci amiamo gli uni gli altri, come egli ci ha amato (CCC 2822). Un percorso
arduo, difficile, in cui vediamo il nostro desiderio spesso scontrarsi con
una fragilità che non riusciamo a vincere, questo vorrà dire che siamo lontani
dalla volontà di Dio? Se non riesci a “osservare i comandamenti” non considerarti
mai perso, non ti inacidire in modo moralistico o volontaristico. Più a
fondo, più in basso della tua vergogna o della tua caduta c’è Cristo. Volgiti a
lui, lascia che ti ami, che ti comunichi la sua forza. E’ inutile che ti accanisci
in superficie: è il cuore che deve capovolgersi. Non devi cercare nemmeno
annazitutto di amare Dio, ti basta capire che Dio ti ama (O. Clèment).
RASSEGNAZIONE
Certo la contraddittorietà di un regno e di una volontà divina che potrebbe
mettere tutto e subito a posto ogni cosa rimane. C’è difficile capire,
soprattutto di fronte a certi drammi, l’”impotenza” di Dio. La preghiera ci aiuta
a leggere la storia con gli occhi di Dio, ad avere la sua pazienza di fronte
alla zizzania che cresce col grano, di accettare i tempi e i modi così diversi
dai nostri che tante volte riteniamo i soli e i migliori. Questa preghiera e
questa attesa acuiscono in noi la fame e sete di giustizia caratteristiche di
ogni vero discepolo.
La volontà di Dio non è più un mistero:
22
“Questa è la volontà di colui che mi ha mandato, che io non perda nulla
di quanto egli mi ha dato, ma lo risusciti nell’ultimo giorno” (Gv 6,39).
In Cristo contempliamo già la realizzazione della volontà di Dio su di noi
e sulla storia. Certo resta l’incertezza dei tempi, riguardo alla modalità e alle
circostanze. In Cristo, mediante i sacramenti dell’iniziazione, il Padre compie
in noi la sua volontà. E in questa volontà ciascuno di noi entra da soggetto,
da protagonista; vi sono chiamate in causa la nostra libertà, intelligenza,
creatività. Nella volontà di Dio non vi è nulla di preconfezionato. Il Padre ci
ha fatto dono d’esistenze aperte, da costruire con lui. La preghiera ci dispone
nel medesimo atteggiamento del giovane Samuele:
“Parla Signore che il tuo servo ti ascolta”, di Maria di Nazaret: “Eccomi
sono la serva del Signore, si faccia di me secondo la tua parola”.
Non si tratta di rassegnazione ma di collaborazione.
Scrive Teilhard de C. (Ambiente divino):
“Il trovare e il compiere la volontà di dio non è un fatto immediato né
consiste in un atteggiamento passivo... Non raggiungerò la volontà di Dio in
ogni istante se non all’estremo limite delle mie forze, nel punto in cui la mia
attività tesa verso il meglio - essere si trova continuamente controbilanciata
dalle forze avverse che cercano di fermarmi o di farmi cadere. Se non faccio
tutto il possibile per avanzare o per resistere non mi trovo al punto giusto,
non subisco Dio quanto potrei e quanto egli desidera. Se invece il mio sforzo
è coraggioso, perseverante, io raggiungo Dio attraverso il male, al di là del
male; io mi stringo a lui”.
Ancora una volta prendiamo atto di come la preghiera del cristiano sia
diversa da quella del pagano: questi tenta di ottenere con la preghiera che la
divinità si pieghi al suo volere, in fin dei conti se ne vuole accaparrare la potenza.
Il cristiano invece, come Gesù, chiede di conoscere ed attuare il volere
del Padre. Gli chiediamo luce per conoscerla, forza per adempierla. E una preghiera
di tal genere potrà liberarla dal profondo del cuore colui che crede
aver Dio disposto tutte le cose di questo mondo per il nostro bene: gioie e
dolori. Chi prega così deve credere che la Provvidenza divina ha più sollecitudini
per la salvezza e il bene di coloro che ad essa si affidano, di quel che
non siamo solleciti noi per noi stessi (Agostino, Confessioni, 9.20).
CONCLUDENDO LA PRIMA PARTE
La prima parte del Pater si sofferma su dio. Così fa Gesù nel riassumere
la Thoràh:
“Amerai Dio e amerai il tuo prossimo. “Pregare che il nome sia santificato,
il regno venga, o la volontà sia fatta è cosa che non può essere realizzata
senza che già si partecipi effettivamente, con il cuore e con l’anima, a
questo regno di giustizia e di amore, alla volontà di pace. Senza conversione
e impegno per il prossimo neanche una delle richieste può essere pronunziata
correttamente” (B. Stendaert)
23
DACCI OGGI IL NOSTRO PANE
Nella prima parte del Pater avevamo tre desideri, tre auspici da rivolgere
al Padre che è nei cieli. Nella seconda parte sono contenute invece tre domande
che riguardano direttamente noi: gli chiediamo il pane, il perdono
dei nostri peccati, la vittoria sulle tentazioni. Questa struttura ripete quella
di tante preghiere ebraiche. Ad esempio nelle Diciotto Benedizioni le prime
tre erano benedizioni rivolte a Dio, nelle dodici successive erano presentati a
Dio i bisogni materiali e spirituali; infine le ultime tre erano caratterizzate
dal ringraziamento. La ragione di questo schema lo possiamo dedurre da un
commento rabbinico:
“Le prime tre invocazioni fanno pensare a un servo che chiede favori al
suo padrone; le ultime a un servo che ha ricevuto un favore dal suo padrone
e ora prende nuovamente commiato”.
Ma per il cristiano non si tratta di ricercare una sorta di captatio benevolentiae
da parte della divinità. Per lui Dio è un Padre di fronte al quale non ci
si prostra come schiavi, ma verso il quale egli nutre una fiducia e spontaneità
filiale. Se prima ci s’interessa della santificazione del suo nome, della venuta
del suo regno e dell’adempimento della sua volontà è perché solo dopo
aver contemplato il suo progetto si è in grado di vedere con occhi nuovi i
nostri problemi d’ogni giorno, la nostra vita con tutte le sue necessità e
contraddizioni. Veniamo ora alla prima richiesta. Ci domandiamo anzitutto la
ragione del perché la prima domanda è in riferimento al pane. Il fatto stesso
che si domandi il pane può apparire umiliante ed ingiusto all’uomo. Non è,
infatti, un dovere e un onore per l’uomo guadagnarsi il suo pane senza stendere
la mano? Non è con il suo lavoro che egli porta a casa il pane per i
suoi? Perché chiederlo a Dio? Non è un ridursi a fare i mendicanti? Dio stesso
non ha imposto forse ad Adamo di guadagnarsi il pane col sudore della sua
fronte? Ma allora come interpretare la domanda? Potremmo anzitutto partire
prendendo atto dell’ingiustizia esistente che porta con sé la fame nel mondo.
Un quarto dell’umanità ne soffre drammaticamente... e sono i deboli che ne
pagano le conseguenze amaramente e drammaticamente. Poniamo sulle loro
labbra la preghiera del Padre nostro! Essa acquista subito uno spessore concreto
che forse per noi, abituati all’abbondanza, non ha. Ad essi manca il pane
quotidiano!
Riporto un testo significativo di un anonimo brasiliano che racconta il
dramma di coloro che non hanno di che vivere, neppure il necessario:
“Molto presto, come ogni mattina
bambini disputano con i cani
attorno ad una latta di spazzatura.
E dividono con i cani
il pane ammuffito della spazzatura.
In un mondo cane, senza cuore,
ecco la forma che Dio ha trovato
24
per esaudire la preghiera
dei piccoli affamati:
Dacci oggi il nostro pane quotidiano!
In quel giorno,
in quella settimana,
il pane della nostra tavola
non era lo stesso.
Era pane amaro,
pieno delle bestemmie dei poveri
che per Dio sono suppliche.
E’ tornato ad essere dolce e buono,
quando fu condiviso
con quegli affamati.
Bambini e cani”.
E’ una dura realtà di fronte alla quale le parole del Magnificat suonano
come una beffa: Ha ricolmato di beni gli affamati e i ricchi ha rimandato a
mani vuote. Dio che ha cura degli uccelli del cielo e veste i gigli del campo
come può lasciare morire di fame migliaia di bambini? La fede di molti viene
messa a dura prova da queste domande. Attenzione! Non possiamo permetterci
di ignorarle, spostandoci subito e comodamente, commentando la preghiera
del Signore, su di un piano puramente spirituale!
IL PANE NOSTRO DACCI OGNI GIORNO
E’ un dovere del padre di famiglia procurare il pane ai figli; e in questa
richiesta possiamo scoprirvi l’invito a guardare a Dio nel suo volto di Padre
provvidente. Ritorniamo alla preghiera delle Diciotto Benedizioni. In essa non
manca la richiesta di benedire il lavoro dei campi e i frutti della terra:
“Per noi, per il bene, Signore nostro Dio benedici quest’annata e tutti i
suoi raccolti. Ricolmaci dei tuoi beni, benedici quest’annata e rendila simile
alle migliori annate del passato. Benedetto sei tu, Signore, che benedici i
raccolti.”
In italiano diciamo: Dacci oggi il nostro pane quotidiano. Ma nel testo
greco la disposizione delle parole è diversa, dice: il pane nostro, quello
d’ogni giorno, dà a noi oggi. L’accento non è quindi sul dacci ma sul pane.
Potremmo dilungarci sulla simbologia profonda ed estesa che il pane ha assunto
nella nostra cultura occidentale. Nel pane posto in mezzo alla tavola
intorno a cui è radunata tutta la famiglia è riassunta la vita di tutti: la fatica,
la gioia, la condivisione. Al tempo di Gesù, ma non solo, il pane era cosa sacra.
Non poteva essere buttato nell’immondizia, non lo si tagliava con il coltello
(usanza mantenuta nella cultura monastica) ma lo si spezzava perché
solo le mani dell’uomo erano degne di toccarlo. Il pane è sacro perché contiene
il lavoro dell’uomo e la benedizione di Dio. Capiamo allora che, in fin
dei conti, con la parola pane si vuole rappresentare tutto ciò che è necessario
alla vita. Esso rappresenta, riassume, tutti i doni di Dio e la collaborazione
dell’uomo:
25
“Servirete il Signore ed egli benedirà il tuo pane e la tua acqu”a (Es
23,25).
E’ significativo che chi prega non dica “Dammi il mio pane quotidiano”,
ma il nostro pane. Anche in questo caso la sua preghiera deve essere costantemente
impregnata dal comandamento nuovo del Signore.
NOSTRO O DI DIO?
Ma come possiamo dire “nostro” se il pane lo chiediamo a Dio?
Abbiamo un riferimento illuminante nel libro del Levitico:
“Se seguirete le mie leggi... mangerete il “vostro” pane a sazietà e abiterete
tranquilli nel vostro paese” (26,5).
Della manna non si dice mai che è “nostra”:
“Tu Signore non hai rifiutato la “tua” manna”(Ne 9,20).
Il pane è invece contemporaneamente dono di Dio e frutto del sudore
della fatica e del sacrificio dell’uomo, per questo parla del “vostro” pane e
gli uomini possono giustamente dire “nostro”. Qual è allora il pane “nostro”
benedetto da Dio? Quello prodotto “insieme” ai fratelli, quello ottenuto
dalla terra che Dio ha destinato a tutti e non solo a qualcuno, quello che
non contiene le lacrime del povero sfruttato. Non può pregare in modo sincero
ed autentico chi pensa unicamente al proprio pane, chi accumula cioè
beni per sé, per soddisfare i propri capricci, dimenticandosi del povero che
manca di “pane”. Non può chiedere a Dio il “nostro” pane chi non lavora per
pigrizia, chi vive alle spalle degli altri. Scriveva con parole di fuoco Basilio di
Cesarea vescovo del IV sec.:
“Se ciascuno si tenesse solo ciò che gli serve per le normali necessità e
lasciasse il superfluo agli indigenti, ricchezza e povertà scomparirebbero...
All’affamato spetta il pane che si spreca nella tua casa. Allo scalzo spettano
le scarpe che ammuffiscono sotto il tuo letto. Al nudo spettano le vesti che
sono nel tuo baule. Al misero spetta il denaro che si svaluta nelle tue casseforti”
(Non lasciare che il tuo denaro dorma, 6).
QUELLO DI OGNI GIORNO
Vi è nella richiesta al Padre del pane una notevole difficoltà interpretativa
che ha fatto e fa discutere schiere di esegeti e teologi. Troviamo, infatti,
un aggettivo molto strano: epioùsion che traduciamo con quotidiano. Ora,
questo aggettivo non si ritrova non solo in nessun altro testo della sacra
scrittura ma anche in quelli profani (tranne una sola volta in un resoconto di
rifornimenti di viveri ad un distaccamento militare). Non è facile perciò stabilirne
l’esatto significato. Esso può essere inteso come “necessario alla vita”,
oppure come “il pane per questo giorno”, oppure “il pane per il giorno che
viene”. I biblisti tendono a privilegiare l’ultima interpretazione: Dacci il pane
per il giorno che viene. Ma stabilito questo che cosa esattamente significa?
Generalmente si fa ricorso al parallelo biblico della manna nel deserto. La
26
comunità degli israeliti mormorava per la mancanza di cibo. Allora il Signore
disse a Mosé: “Io sto per far piovere per voi pane dal cielo; il popolo uscirà a
raccoglierne ogni giorno la razione d’ogni giorno, perché io lo metta alla prova
per vedere se cammina secondo la mia legge o no” (Es 16,4). In cosa
consisteva la prova? Probabilmente nel fatto che al mattino il popolo usciva
a raccogliere il cibo necessario “per il giorno che veniva”, non lo si poteva accaparrare
in vista degli altri giorni, pena la putrefazione del prodotto conseguenza
della sfiducia in Dio. Quindi il giorno che viene è l’oggi. Se immaginiamo
il Pater recitato al mattino significa: Dacci oggi il nostro pane per
questa giornata. Evidentemente chi prega con queste parole intende rifiutare
la logica mondana dell’accumulo dei beni per sé, soprattutto quando i fratelli
soffrono per la fame. Con questa richiesta chiediamo che il cuore viene
liberato dalla bramosia del possesso e dall’angoscia per il domani. (Cfr. Mt
6,19-21; Lc 12,20ss). Rabbi Eliezer di Modiim, contemporaneo di Gesù, insegnava:
“Chi ha da mangiare per oggi, e dice: Che cosa mangerò domani? È
un uomo di poca fede.” Non si tratta perciò di una fuga dal lavoro, di un pretesto
di disimpegno e pigrizia, né di fatalismo. E’ anzitutto un richiamo forte
a ciò che è essenziale alla vita: aiutami padre a liberarmi dalla schiavitù
dei beni e dammi la forza di condividerli con i poveri. Il discepolo è chiamato
a sentirsi libero, ad accontentarsi del necessario, ad aprire gli occhi sulle necessità
dei fratelli. (Andando non portate con voi né bisaccia, né due tuniche,
né denaro, né bastone...). Per capire bene questa domanda non bisogna
dimenticare che il Pater viene insegnato da Gesù nel contesto, paradossale
per il mondo, delle Beatitudini. Chi accetta di seguire Cristo entra a far parte
di una comunità che si propone al mondo come società alternativa a quelle
rette dalle leggi della competizione, della ricerca egoistica del proprio interesse,
dell’accumulo dei beni. Può pregare così chi ha rinunciato a riporre
tutta la sua fiducia nel denaro, nel potere, nei beni di questo mondo e ha
scelto la povertà perché sa che Cristo l’ha scelta come via privilegiata per
aprirsi ai valori del regno. Solo chi fa propria la logica del servizio e del dono
di sé diviene “figlio del regno che viene” e può pronunciare in modo autentico
la preghiera del Signore. Il discepolo non deve mai chiedere il superfluo. Nel
libro dei Proverbi leggiamo:
“Signore, io ti domando due cose,
non negarmele prima che io muoia:
non darmi né povertà né ricchezza;
ma fammi avere il cibo necessario,
perché, una volta sazio, io non ti rinneghi
e dica: Che m’interessa del Signore!
Oppure, ridotto all’indigenza, non rubi
profanando così il nome del mio Dio” (30,7-9).
Si tratta cioè di saper gioire del necessario che la provvidenza non fa
mancare.
ALCUNE RIFLESSIONI CONCLUSIVE
Un’altra considerazione che è possibile fare è il fatto che il domandare il
cibo rimanda al nostro essere creature, legate alla terra; in un certo senso
rivela la nostra verità di esseri limitati, incompiuti, dipendenti, mortali. Fa
27
scomparire in noi la pretesa di una spiritualità disincarnata, che non vuole fare
i conti con la storia e con la realtà concreta in cui siamo immersi. Scrive
san Gregorio Nisseno nel suo commento al Padre nostro (Sulla preghiera del
Signore, IV): “Dacci oggi il nostro pane quotidiano: questa frase esprime un
altro insegnamento morale: ti aiuta a comprendere attraverso le parole che
pronunci che la vita umana è effimera: a ciascuno appartiene soltanto il presente,
la speranza del futuro rimane avvolta nel mistero, non sappiamo infatti
che cosa porterà il domani. Perché ci affanniamo per le preoccupazioni del
futuro?”
Ci rendiamo coscienti di questo quando poniamo l’azione di grazie prima
dei pasti. Quel cibo che sta davanti a noi è “nostro” ma è prima ancora “grazia”.
Testimonia che anche oggi Dio ha provveduto. Perché la vita non diventerà
mai un nostro diritto, un nostro “possesso” esclusivo. La richiesta rivela
così la mia verità di un essere dipendente da Dio che è Padre, che ha cura
dei suoi figli nella sua provvidenza che è amorevole. Stendo le mani alle sue
mani di padre per ricevere da lui il necessario per la vita (cf il gesto stupendo
ma spesso tanto trasandato della comunione sulla mano). Il cristiano impara
a fare d’ogni cosa eucaristia. Vi è, infatti, un modo eucaristico nell’uso delle
cose e dei beni, in lui è presente la memoria che da Dio riceviamo ogni
bene. Ancora: la richiesta del Pater mi insegna a mai disgiungere la preghiera
dal lavoro. Chi lavora e non prega non è nella verità: si illude di essere
lui protagonista della propria vita.
Chi prega e non lavora non è nella verità: non mette in atto quelle capacità
di cui Dio ha dotato l’uomo perché collabori con lui.
Terremo sempre presente la sapiente massima attribuita a Ignazio di
Loyola: “Dobbiamo pregare come se tutto dipendesse da Dio e agire come se
tutto dipendesse da noi”.
UN PANE DI VITA ETERNA
Il pane è sempre realtà da condividere, da spezzare.
Non per nulla è il segno-sacramento scelto da Gesù per l’Eucaristia,
memoriale vivo della sua vita donata e spezzata sulla croce. Cristo si moltiplica
quando viene spezzato. Tutti se ne nutrono e non si esaurisce mai. E’ il
Padre che prepara una mensa per tutti e per tutti spezza il pane che è il dono
del Figlio dato “per noi”. Scrive s. Pietro Crisologo in un suo sermone:
“Il Padre del cielo c’esorta a chiedere come bambini del cielo il Pane del
cielo Cristo. Egli stesso è il pane che, seminato nella vergine, lievitato nella
carne, impastato nella passione, cotto nel forno del sepolcro, conservato
nella Chiesa, portato sugli altari, somministra ogni giorno ai fedeli un alimento
celeste” (Sermoni, 71).
La Provvidenza del Padre qui è al massimo livello: quel pane porta con
sé vita eterna. Ed è questa l’apice della riflessione sulla richiesta del pane
fatta al Padre. Diviene domanda di un pane che non perisce, di un pane per
28
una vita nuova, perché “non di solo pane vive l’uomo, ma d’ogni parola che
esce dalla bocca di Dio”.
Il Catechismo della Chiesa cattolica fa propria quest’accentuazione:
“Presa alla lettera - la parola epiousios - sovrasostanziale - indica direttamente
il Pane di Vita, il Corpo di Cristo “farmaco d’immortalità” senza la quale
non abbiamo in noi la vita. Infine legato al precedente è evidente il senso
celeste “Questo giorno” è quello del Signore, quello del banchetto del regno,
anticipato nell’Eucaristia che è già pregustazione del regno che viene”
(2837).
Cristo parola del Padre è questo pane. Non per nulla nella prima comunità
l’eucaristia era denominata lo spezzare insieme il pane. (Cf Gv 6,34; Mt
4,4; Mc 8,14).
Eucaristia e carità sono indivisibili: “La richiesta del pane, se vogliamo
avanzarla senza incoscienza o ipocrisia, c’impone un’altra esigenza: quella
della condivisione. La comunione eucaristica è condivisione, il “sacramento
del fratello” è inseparabile da quello dell’altare, diceva san Giovanni Crisostomo”
(O. Clèment)
PERDONA I NOSTRI DEBITI
“Ho infranto senza saperlo, la legge del mio dio, ho compiuto, senza saperlo,
ciò che la mia dea detesta. I miei peccati sono numerosi, grandi sono
le mie mancanze, ma io non conosco gli sbagli che ho commesso... I miei
peccati sono sette volte sette... Perdona le mie mancanze e che io canti le
tue lodi”.
Si tratta di un’invocazione di un uomo di 4000 anni fa, rivolta alle sue
divinità. Quest’uomo prova una viva coscienza di un errore, uno “sbaglio” non
voluto, non conosciuto, di cui sente di portare le conseguenze; ed è da questo
senso di colpa che nasce l’invocazione del perdono. Si tratta di un piccolo
esempio al quale potrebbero essere aggiunti tanti altri in cui ritroviamo una
coscienza di peccato presente in tutti i popoli antichi. Coscienza di “peccato”
però con una comune caratteristica: essa è intesa come trasgressione materiale
di una proibizione posta dagli dei (i tabù). La loro infrazione comporta
colpa, condanna, morte. Se all’inizio il popolo di Israele risentiva di questa
concezione culturale (cfr. es. Nm 15,22-29; 2Sam 6,6ss) ben presto venne
superata alla luce di una concezione diversa, più profonda, relazionale del
peccato: esso non è più infrazione di un “tabù” ma rottura di un rapporto
con Dio. Per Israele la concezione di peccato diviene inseparabile dalla dottrina
dell’Alleanza. Perché nell’uomo esiste questo “senso della colpa”? Probabilmente
perché da sempre l’uomo ha sperimentato una gran debolezza e
fragilità, la propensione a fare il male. Non bisogna meravigliarsi di incontrare,
in questo senso, espressioni pessimistiche nella Scrittura:
“Ogni pensiero concepito dal loro cuore non era altro che male... perché
il cuore dell’uomo è incline al male fin dalla giovinezza” (Gn 6,5; 8,21);
29
“Tutti gli uomini sono peccatori e sono privi della gloria di Dio” (Rm
3,23);
“Tutti manchiamo in molte cose” (Gc 3,2);
“Se diciamo di essere senza peccatori inganniamo noi stessi” (1Gv 1,8).
In tutte le lingue il concetto di peccato è molto ricco d’idiomatismi; solo
la lingua ebraica n’annovera almeno una ventina; ad esempio: trasgredire
una regola, inciampare, deviare, fare un passo falso, fallire il bersaglio,
commettere ingiustizia, ribellarsi, fare un torto, comportarsi da folle... Ma il
termine più usato è comunque hattàh che significa offesa, torto. Preso atto
di questo peccato insito nell’uomo rimane il problema del come eliminarlo,
ecco allora il comune bisogno di remissione delle colpe. Nei popoli antichi
essa avveniva tramite riti espiatori destinati a ristabilire il giusto equilibrio
infranto con la divinità. In questo senso vi era (e rimane ancora in noi in certa
misura) una concezione del peccato inteso come macchia da lavare,
ovvero come impurità. Questo concetto porta ad intendere la remissione
come offerta di riti purificatori. Da qui ad esempio, il ricorso alla simbologia
dell’acqua purificatrice (Lv 14,5), del fuoco (Nm 31,22), del sangue (Lv 16,14-
19), dell’animale su cui si scaricavano le colpe del popolo (Lv 14,7.53). Questa
purificazione-remissione portava addirittura all’esclusione del colpevole
dalla comunità, o addirittura in casi estremi alla sua eliminazione fisica (Dt
13,6). Questo è molto rilevante: nella rivelazione il peccato non è presentato
solo come un errore dell’uomo, una sua scelta sbagliata, ma invece
come un’”offesa” arrecata a JHWH, una rottura dell’alleanza, della sua
amicizia.
Dal punto di vista umano certamente il peccato appare solo come un
danno che il peccatore infligge a se stesso e tuttalpiù agli altri: in questo
caso Dio non viene ad essere interessato dalla mia colpa.
Il “saggio” Eliu dice a Giobbe:
“Se pecchi, che male fai a Dio? Se moltiplichi i tuoi delitti che danno gli
arrechi?” (Gb 35,6).
Ora secondo la Scrittura, il peccato non è mai una realtà che viene a
coinvolgere solo l’uomo. Esso è sempre un torto fatto a Dio, è visto alla
stessa stregua dell’adulterio con cui l’amata tradisce l’amore dello sposo (cfr.
la vicenda del profeta Osea).La conseguenza è che la remissione dei peccati
richiede un triplice atto:
- il riconoscimento della colpa come rottura dell’alleanza (cf Sal 38)
- la richiesta di perdono a Dio(Sal 51)
- il “ritorno” nell’alleanza con Dio (Lam 5,1).
Ma la domanda è: l’uomo è in grado di compiere questa trafila? Anche
qui La sacra Scrittura si manifesta un po’ pessimista: Chi cade si rialza, chi
perde la strada torna indietro. Perché allora questo popolo è così testardo
nella sua ribellione, persiste nella malafede e rifiuta di convertirsi? (Gr 8,4-
30
5). Ecco allora Israele implorare a Dio che sia lui stesso a prendersi a cuore
quell’iniziativa di salvezza che l’uomo da solo non riesce a sviluppare:
Fammi tornare ed io potrò ritornare, perché tu sei il Signore mio Dio (Gr
31,8).
PERDONA I NOSTRI DEBITI
Abbiamo accennato al fatto della varietà di vocaboli con cui è designato
il peccato nella sacra scrittura. A questi esistenti, negli ultimi secoli prima
della nascita di Cristo, se n’aggiunse un altro: il peccato come debito nei
confronti di Dio. Come la maggior parte degli altri termini esso non appartiene
alla sfera religiosa ma è desunto dal linguaggio profano e precisamente
da quello che regola i rapporti economici. L’idea di Dio che sottostà a questo
vocabolo è quella, forse un po’ irritante, di un Dio sovrano che deve essere
servito con timore e precisione. E’ un legislatore e un giudice dinanzi al quale
l’uomo deve cercare di vivere in uno stretto rapporto di giustizia. Ma dobbiamo
sinceramente riconoscere che questo nella realtà è impossibile. L’uomo
sperimenta di essere perennemente e terribilmente in arretrato con i pagamenti!
Scribi e farisei si ritenevano piamente a posto in quanto conoscitori di
tutte le sottigliezze della legge: addirittura qualcuno arrivava a sentirsi in
credito di fronte a Dio come il fariseo della parabola (cfr. Lc 11,42). Ovvio
che il giudizio finale in quest’ottica non sarà altro che una resa dei conti
come simboleggia l’arcangelo Michele con la bilancia in mano. Per il giudaismo
solo nel caso che i due piatti fossero stati perfettamente pari si sarebbe
potuto attendersi un atto di misericordia da parte di Dio che avrebbe fatto
prevalere il piatto delle opere buone. Dicevano i rabbini:
“L’uomo si consideri per metà giusto e per metà debitore. Se osserva un
comandamento è bene per lui perché ha fatto piegare la bilancia dalla parte
del merito”.
Forse con meraviglia scopriamo che l’immagine del debito è presente nei
vangeli, mentre è pressoché assente negli altri scritti del nuovo testamento:
“Un creditore aveva due debitori, l’uno gli doveva cinquecento denari,
l’altro cinquanta...” (Lc 7,41ss);
“Ad un re si presentò un debitore che gli doveva diecimila talenti...” (Mt
18,23ss);
“Un uomo mandò i suoi servi a ritirare i frutti della sua vigna...” (Mc
12,1-9);
“Un uomo ricco aveva un amministratore, questi fu accusato di
sperperare i suoi beni...” (Lc 16,1-8);
“Un uomo partendo per un lungo viaggio consegnò i suoi beni ai suoi
servi...” (Mt 25,14-30).
Ma il termine debito applicato al peccato compare solo nella preghiera
del Padre Nostro nella versione di Matteo. Luca scrivendo a non ebrei userà
31
invece il termine più chiaro di “peccati”, riprendendo tuttavia il termine debitori
nella seconda parte:
“Rimetti a noi i nostri peccati, anche noi infatti li rimettiamo ad ogni
nostro debitore”.
Perché l’uso di quest’immagine proprio nella preghiera del Signore, rivolta...
al Padre, verso il quale ci ritroveremmo debitori? Debitori perché? Non
certo di qualcosa perché tutto è suo dono, e un dono non rende debitori. La
richiesta del Padre nostro sarebbe incomprensibile se non si tenesse presente
la concezione biblica del peccato che non è solo un errore umano ma ancor
più è rottura del rapporto con Dio, della sua alleanza con noi. Ricordiamoci
che in una visione biblica il peccato non può mai essere definito in modo appropriato
come “colpa”, come “trasgressione alla legge”, ma solo come “debito”,
“inadempienza” della nostra risposta al patto d’amore. I nostri tradimenti
assumono realmente il valore di debito: si tratta di un debito
d’amore verso il Padre.
RITI CULTUALI POSSONO CANCELLARE QUESTO DEBITO?
I profeti ammoniscono circa l’impossibilità di questo ricorso ai riti di raggiungere
lo scopo: è necessario che cambi il cuore! E si tratta di cosa ancor
più difficile! Ecco allora il profeta Ezechiele annunciare per i tempi messianici
il dono dello Spirito che “purificherà il popolo da tutte le sue iniquità” e darà
“un cuore nuovo” (36,25-36), Gesù, il Messia di Nazareth, viene così presentato
come colui che “libererà il popolo dai suoi peccati” (Mt 1,21), e “porterà
al popolo la salvezza nella remissione dei suoi peccati” (Lc 1,77). Egli è colui
che è venuto a cercare e salvare ciò che era perduto (Lc 19,10). Il suo atteggiamento
verso i peccatori suscita scandalo e scalpore, accuse e persecuzione.
Giunge a pronunciare parole di perdono in modo completamente gratuito:
Ti sono perdonati i tuoi peccati (Mc 2,5). I suoi gesti pongono fine ad una religione
d’angoscia che impone all’uomo la conquista di una sua impossibile
giustizia. La remissione dei peccati è ora concessa dal Padre come puro
dono della sua benevolenza. Per Gesù l’unico atteggiamento che rende
“giusti” è quello del pubblicano in fondo al tempio che prega: O Dio, abbi
pietà di me peccatore (Lc 18,13). Il perdono è un dono gratuito della misericordia
del Padre e non è condizionato dalle prestazioni che l’uomo crede di
accaparrassi dinanzi a lui. Gesù insegna nella parabola del Padre misericordioso
che il peccato non è una macchia da lavare, è una rottura del rapporto
di amore col Padre. Nella situazione di peccato il figlio vive lontano dal Padre
e dalla dignità di se stesso. La remissione del peccato non inizia con gli atti
di pentimento dell’uomo, ma con il perdono incondizionato di Dio “che corre
incontro con le braccia aperte”. Egli ama l’uomo sempre, sia che sia buono
sia che sia cattivo (cf Mt 5,45). Ed è proprio l’esperienza di quest’amore che
trasforma il peccatore, il suo cuore, e gli dà la consapevolezza della sua situazione,
gli infonde il pentimento e il desiderio di conversione. Allora la richiesta
del Padre nostro non vuole ottenere un perdono che c’è già. Il suo effetto
è di creare in noi le condizioni necessarie affinché il dono di misericordia
del Padre possa trovare in noi la giusta disposizione. E perché questo
si concretizzi è indispensabile che in noi rinasca una vera consapevolezza
della realtà e della gravità del peccato. “Perdonaci i nostri debiti” è chiedere
32
a Dio di aiutarci a riempire tutta la distanza che ci separa da lui , di cui abbiamo
preso coscienza e di cui i nostri peccati passati non sono che un segno.
Ci viene rivelata la realtà consolante di un Padre che non abbandona il
figlio fuggito: egli continuamente ricolma i vuoti e le fratture. Rimette i “debiti”.
Se vuole che il figlio gli chieda perdona è perché prenda coscienza della
posta in gioco.
KERIGMA DEL PERDONO
Ci presentiamo al Padre come “debitori”. E’ atteggiamento di verità e
umiltà. Ciascuno di noi lo è.
Origene scrive:
“Nessun uomo passa un’ora del giorno o della notte senza contrarre un
debito”.
Il peccato è in me e sento che solo l’amore che promana dal Padre per il
Figlio nello Spirito mi può guarire da questo germe di morte. Il Kerigma apostolico
è il lieto annuncio di questo perdono che Dio ha offerto al mondo per
mezzo della croce del Figlio. Ma in che senso Dio perdona? Ci possono essere
diverse visioni del perdono offertoci. Fa finta di non vederle, o... si “dimentica”.
La rivelazione non dice questo. Dio prende sul serio il peccato, in tutta
la sua gravita e drammaticità. Esso è autodistruzione dell’uomo e allontanamento
da Dio: conduce alla morte. La salvezza, la grazia offertaci, ha perciò
un prezzo altissimo: la vita preziosa del Figlio. Dio perdona nel senso che
converte il peccatore, gli cambia il cuore. Lo rinnova dal di dentro con la grazia
dello Spirito. Non gli offre solo una “copertura giuridica”, è una “ricreazione”
dell’uomo stesso ad immagine di Cristo (cf la veste bianca del figlio prodigo
Lc 15,20; il perdono all’adultera: Gv 8,11). Siamo stati riconciliati con il
Padre per mezzo della morte del Figlio suo (Rm 5,10). Nel Figlio “abbiamo la
redenzione, la remissione dei peccati” (Col 1,14; Ef 1,7). Quest’esperienza
dell’essere perdonati è fondamentale: “Non posso muovere un solo passo,
non solo per strada ma nella vita, senza ricordarmi del perdono e della misericordia
di Dio, della sua volontà che io esista: altrimenti il disgusto di me
stesso e la sensazione della mia inesistenza mi disintegrerebbero nel nulla
o, per essere più esatti, nell’inferno” (O. Clèment). Siamo debitori perché in
fin dei conti dovremmo prendere coscienza che noi riceviamo costantemente
noi stessi dalle mani di Dio Padre.
PERDONARE I DEBITORI
Che significa “perdonare i debitori?” Non si tratta soltanto di perdonare
le offese che ci sono state arrecate, ma anche che rinunciamo a qualunque
rivalsa nei confronti di chi ci ha rifiutato ciò che ci spettava di diritto, ovvero
che siamo disposti a rimetterci. Discorso assurdo per l”uomo carnale”, direbbe
s. Paolo, che non intende le cose spirituali, la logica del Regno e della
Croce. Non dimentichiamo il contesto in cui nel vangelo di Matteo Gesù insegna
il Padre nostro: il discorso programmatico e rivoluzionario delle Beatitudini.
Solo a coloro che lo accolgono senza rimanerne scandalizzati è dato di
comprendere che l’amore non tiene conto del male ricevuto, tutto scusa, in
33
tutto fa credito (1Cor 13,5). Un atteggiamento certamente difficile e costoso
se già sant’Agostino lamentava che durante la liturgia alcuni si battevano
rumorosamente il petto nella prima parte dell’invocazione per poi... tacere
nella seconda! Il Catechismo della Chiesa Cattolica afferma: “Questo flusso
di misericordia non può giungere al nostro cuore finché noi non abbiamo perdonato
a chi ci ha offeso... Nel rifiuto di perdonare ai nostri fratelli e alle nostre
sorelle, il nostro cuore si chiude e la sua durezza lo rende impermeabile
all’amore misericordioso del Padre; nella confessione del nostro peccato, il
nostro cuore è aperto alla sua grazia”. Il nostro cuore vacilla di fronte a questa
esigenza che appare a volte realmente insormontabile. Aggiunge a questo
proposito il catechismo: “E’ impossibile osservare il comandamento del
Signore, se si tratta di imitare il modello divino dall’esterno. Si tratta invece
di una partecipazione vitale, che scaturisce “dalla profondità del cuore”, alla
Santità, alla Misericordia, all’Amore del nostro Dio. Soltanto lo Spirito, che è
la nostra Vita, può fare “nostri” i medesimi sentimenti che furono in cristo
Gesù. Allora diventa possibile l’unità del perdono, perdonarci “a vicenda “come”
Dio ha perdonato” a noi “in Cristo” (Ef 4,32)”. Gesù insiste sul dovere
del discepolo a ricercare continuamente settanta volte sette, la riconciliazione
con il fratello. Se i rabbini dicevano che nessun motivo era valido
per interrompere la preghiera, Gesù dirà invece che il ricordo di una riconciliazione
da ricercare deve interrompere perfino l’offerta più sacra all’altare.
Perdonare i debiti significa saper incontrare con occhi nuovi il fratello “debitore”
vedendo in lui non un nemico ma un fratello da aiutare, a cui rinnovare la
nostra fiducia. E’ uno sguardo nuovo rivolto non al passato dell’offesa arrecataci,
ma al futuro di una pace da costruire. Il perdono non è mai un dato di
fatto acquisito una volta per tutte e a forza di volontà. Si tratta di un cammino
da percorrere insieme al crocifisso. “Non è in nostro potere non sentire
più e dimenticare l’offesa; ma il cuore che si offre allo Spirito Santo tramuta
la ferita in compassione e purifica la memoria trasformando l’offesa in intercessione”
(CCC 2843). Un’altra sottolineatura. Non chiediamo a Dio rimetti i
miei debiti ma i nostri debiti. La richiesta è da parte non del singolo ma della
comunità. Comunità dei discepoli del crocifisso che si dona reciprocamente la
pace e la riconciliazione che essa riceve da Dio e che s’impegna a diffondere
nel mondo. Ci accorgiamo di quanto spessore e verità dovrebbe essere costituito
lo scambio della pace fatto durante la liturgia!
NON C’INDURRE IN TENTAZIONE
Una conclusione questa della preghiera del Signore che apparve subito
alquanto strana se paragonata a tutte le preghiere giudaiche. Esse non terminano
mai, per così dire, al negativo, ma sempre con una benedizione o una
richiesta di pace. Nel Padre Nostro, quasi si discendesse una china sempre
più profonda, al termine ritroviamo il richiamo alla tentazione e al maligno!
Un disagio dimostrato già in alcuni manoscritti del N.T. e apostolici. La
Didaché, un documento importantissimo databile alla stessa epoca degli ultimi
scritti canonici, testimonia l’aggiunta di alcune comunità di una solenne
esaltazione della regalità di Dio: Poiché tuo è il Regno, tua la potenza e la
gloria nei secoli (8,3).
UN DIO CHE CI TENTA?
34
Come se non bastasse questo la stessa richiesta di “non indurci in tentazione”
risulta poco chiara. Immediatamente viene da domandarsi: come
mai Dio metterebbe alla prova l’uomo? Diamo uno sguardo ai testi biblici e
notiamo un fatto sconcertante: vi è detto che sono i giusti ad essere provati,
mai gli empi. La tentazione è un “privilegio”, un appannaggio solo dei
“giusti” e dei pii, di cui Giobbe è il primo rappresentante.
“Figlio, preparati alla tentazione. Accetta quanto ti capita, sii paziente
nelle vicende dolorose, perché Dio prova gli uomini ben accetti nel crogiuolo
del dolore” (Sir 2,1.4-5);
“Ringraziamo il Signore Dio nostro che ci mette alla prova, come ha già
fatto con Abramo, quali prove ha fatto passare ad Isacco e quanto è avvenuto
a Giacobbe” (Gdt 9,25-26).
Dio può tentare con la prova sofferta ma anche col benessere:
“Quando ti sarai saziato, quando avrai visto il tuo bestiame grosso e
minuto moltiplicarsi, accrescersi il tuo argento ed il tuo oro e abbondare ogni
cosa, il tuo cuore non s’inorgoglisca in modo da dimenticare il Signore tuo
Dio” (Dt 8,12-14).
A questo punto ci domandiamo: se allora le tentazioni sono utili alla
crescita della fede dei giusti e dei “pii”, perché domandare a Dio di “non indurci
in tentazione”? A questo punto occorre farci una domanda: qual è la
tentazione e il male dal quale chiediamo di essere liberati? Sono forse le
contrarietà, le difficoltà della vita, le malattie, le disgrazie, la vecchiaia? E
ancora: Perché chiedere di essere liberati dal male se lui lo può fare in un attimo?
Dio è presentato talvolta nelle vesti del “tentatore”. Un esempio
classico è il confronto con 2Sam 24,1 nel quale si dice che è Dio ad incitare
Davide al censimento. In 1Cr 21,1 s’interpreterà lo stesso gesto come proveniente
dallo spirito cattivo avversario di Dio. Con questo si vuole affermare
una verità di fondo: che nulla sfugge al progetto di Dio e che anche le azioni
malvagie sono da lui utilizzate al fine di compiere i suoi disegni (es Iil
Signore indurì il cuore del faraone” Es 4,21, ovvero “Dio permise che il cuore
del faraone si indurisse”). Sono molti i testi in cui Dio è presentato come colui
che “mette alla prova” (cf Gn 22,1-19; Es 15,25; 16,4; Dt 8,2; Gd 2,22...).
In questi testi si dice che Dio “mette alla prova”, ma non per provocare
al male. Si vuole affermare che Dio vuol far crescere nella fedeltà il suo
popolo e i suoi eletti attraverso tutti gli avvenimenti in cui si trovavano coinvolti.
Pur trattandosi di fatti provocati da fattori umani, la Scrittura li presenta
come “tentazioni” di Dio in quanto situazioni che imponevano scelte decisive
e sofferte in suo favore o contro di Lui.
E’ DIO O IL DIAVOLO?
Nel VI sec. Israele viene a contatto con le culture e religioni persiane. Si
fa strada la concezione che il male esistente nel mondo sia causato
dall’avversario di Dio: Satana. Una figura che aiuterà a purificare notevol35
mente il linguaggio teologico della Bibbia. Si comprende che situazioni di
male, di peccato non possono essere imputate a Dio ma al suo avversario: è
questi che diviene allora il “tentatore” per eccellenza (cf Sp 2,24; Gb 1-2;...).
Rimane sì una tentazione che costantemente viene attribuita a Dio: quella
derivante dalla sofferenza, dalle disgrazie, dalle contrarietà della vita:
“Figlio, se cominci a servire il Signore, preparati alla prova” (Sir 2,1);
“Dopo essere stati castigati un poco saranno largamente premiati, poiché
Dio li ha provati come oro nel crogiuolo e li ha trovati degni di sé” (Sap
3,5).
Per questo si giungerà addirittura a chiedere la prova come occasione di
crescita di fede:
“Saggiami, Signore, e mettimi alla prova, esamina col fuoco le mie reni”
(Sal 26,2).
Una preghiera rischiosa e da farsi con molto discernimento. Esiste un
racconto ebraico molto esplicativo al riguardo di rabbi Jehuda: “Un giorno Davide
si lamentò con Dio dicendo: “Signore del mondo, perché si dice: Dio di
Abramo, Dio d’Isacco e Dio di Giacobbe e non Dio di Davide?”. Il Signore rispose:
“Perché essi sono stati messi alla prova e tu no”. Allora Davide gli
disse: “Signore, metti alla prova anche me, tentami, come dice il salmo”. Dio
acconsentì alla preghiera, gli fece incontrare Bersabea moglie di Uria e...”.
Nel Nuovo Testamento l’immagine di un Dio che “tenta” l’uomo è completamente
abbandonata:
“Nessuno, quando è tentato, dica: Sono tentato da Dio! Perché Dio non
tenta nessuno al male. Ciascuno piuttosto è tentato dalla propria concupiscenza
che lo attrae e lo seduce” (Gc 1,13-14).
Così la tentazione è attribuita alle seduzioni dello spirito del male (cf
1Pt 5,5-9; 1Cor 7,5; Lc 8,13). Certo rimane sempre la convinzione che la
prova svolge un ruolo importante nel cammino di purificazione della fede:
“Considerate motivo di perfetta letizia il fatto di essere sottoposti a ogni
sorta di prove, sapendo che la prova della vostra fede produce la costanza...
Beato l’uomo che sopporta la prova, perché, dopo averla superata, riceverà
la corona della vita” ( Gc 1,2-3.12);
“Esultate pur essendo afflitti da svariate prove... Non stupitevi della
persecuzione che si è accesa in mezzo a voi per provarvi, quasi che vi succedesse
qualcosa di strano. Nella misura in cui partecipate alle sofferenze di
Cristo, rallegratevi” (1Pt 1,6; 4,12-13).
Teniamo però presente che anche in questo caso le “tentazioni” non sono
attribuite a Dio. E’ la fede in lui che aiuta ad affrontarle e superarle.
COS’E’ LA TENTAZIONE?
36
Il termine “tentazione” nell’accezione comune richiama immediatamente
una provocazione al male, al peccato. Da qui la difficoltà a capire come Dio
possa “indurre” al male. Ma un’analisi dei testi biblici fa risaltare chiaramente
che esistono diversi tipi di tentazione. C’è quella che ha come scopo quello
di farci cadere, e Dio non ne può essere l’autore. Vi è una seconda tentazione
il più delle volte tesa dall’uomo a Dio che si presenta come una volontà
negativa di verifica: “Se... allora....”. Dio non si sottomette mai ad essa. C’è
un’altra tentazione che non presenta caratteristiche di occasione di male e
scelta del bene. E’ quella che si offre all’uomo come un’opportunità di crescita,
di purificazione, di miglioramento. Questa tentazione contiene sì implicitamente
il rischio della caduta nel male o nell’errore ma è pure passaggio
obbligato per una crescita. Questa tentazione, nel Nuovo Testamento, non è
presentata come proveniente da Dio. Dio ne insegna invece la via d’uscita,
dona la forza per affrontarla e superarla (cf 1Cor 10,13). La medesima situazione
che da parte di Satana è sfruttata come “tentazione”, cioè insidia per
trascinarci all’infedeltà, rappresenta una “purificazione” da parte di Dio per
consolidare la stessa nostra fedeltà. Facciamo poi attenzione che la lingua
ebraica non distingue tra volontà causativa e volontà permissiva. Quando la
Scrittura dice che Dio “tenta”, ciò equivale a “permette la tentazione”. E
quindi anche l’espressione del Pater traducendola va intesa correttamente
così: Non permettere che siamo indotti in tentazione. Nel Pater non chiediamo
solo di non cadere, ma addirittura di “neppure entrare” nella tentazione
di abbandonare la sequela di Gesù. “Una richiesta questa che implora lo Spirito
di discernimento e di fortezza” (CCC 2846). Un’antica preghiera ebraica
contemporanea a Gesù diceva:
“Non indurmi al potere del peccato, né alla forza della colpa, né alla violenza
della tentazione, né al disprezzo. Fa’ in modo che io sia guidato
dall’istinto buono e che l’istinto cattivo non mi domini” (Ber.b. 60b).
LA GRANDE TENTAZIONE
Ancora una volta vediamo come il Padre Nostro ci riaggancia alla preghiera
di Gesù nel Gethsemani. Significativamente l’ambito in cui il Pater
viene a collocarsi in modo perfetto, ci dicono gli esegeti, sembra essere proprio
il racconto della dolorosa passione del Signore. Se Gesù ci fa chiedere di
“non essere indotti in tentazione” questo è perché lui stesso ha provato la
violenza della tentazione: Sa compatire le nostre infermità perché è stato
tentato in tutto come noi (Ebr 4,15). Nel Padre nostro non chiediamo al Padre
che prepari per noi un cammino diverso, più comodo e meno rischioso di
quello del Figlio suo Gesù. Imploriamo da lui invece di non essere lasciati a
soccombere tristemente e mortalmente alla tentazione. Quale tentazione in
modo particolare? Non certo dalla nostre piccole colpe o difetti quotidiani anzitutto!
La grande tentazione è quella delle defezione, dell’abbandono della
sequela di Cristo, della sua sapienza al fine di abbracciare quella del mondo.
Non scorderemo che ogni cristiano sarà inevitabilmente tentato dalle tentazioni
che furono già di Gesù nel deserto e nell’orto degli Ulivi. E’ questa la
“prova”, la “tentazione” per antonomasia. Tutte le altre tentazioni in fin dei
conti sono relative a questa: quella di tracciare un nostro cammino, lontano
37
da quello corrispondente alla volontà del Padre. In fin dei conti è un voler uscire
dalla sequela crucis.
Scrive O. Clèment:
“La grande tentazione sarebbe piuttosto di sentirsi guariti dalla malattia
di Dio, guariti dall’interrogativo, alleggeriti del mistero, senza angoscia né
stupore”.
La nostra scelta di Cristo non è fatta una volta per tutte, deve essere
rinnovata e attualizzata in ogni momento e circostanza della vita. Il tempo
dell’attesa del ritorno del Signore nella gloria è doloroso tempo di prova per
la comunità dei discepoli.
“Allora vi consegneranno ai supplizi e vi uccideranno, e sarete odiati da
tutti i popoli a causa del mio nome. Molti ne resteranno scandalizzati, ed essi
si tradiranno e odieranno a vicenda” (Mt 24,9-10);
“Questo anzitutto dovete sapere, che verranno negli ultimi giorni schernitori
beffardi, i quali si comporteranno secondo le proprie passioni e diranno:
Dov’è la promessa della sua venuta? Dal giorno in cui i nostri padri chiusero
gli occhi tutto rimane come al principio della creazione” (2Pt 3,3-4);
“Gesù disse loro: Tutti rimarrete scandalizzati, poiché sta scritto: Percuoterò
il pastore e le pecore del gregge saranno disperse” (Mc 14,27):
L’esistenza della comunità cristiana è e sarà continuamente minacciata
dal male fuori e dentro di lei; guai se il Padre non intervenisse col dono dello
Spirito di fortezza.
“Rivestitevi dell’armatura di Dio, per poter resistere alle insidie del diavolo”
(Ef 6,11);
“Il Signore sa strappare dalla prova gli uomini pii” (2Pt 2,9) (nb qui si
parla di una prova non tanto di prova particolari);
“Dio è fedele e non permetterà che siate tentati al di sopra delle vostre
forze, ma insieme alla tentazione vi darà anche il modo di uscirne bene, con
la possibilità di sostenerla” (1Cor 10,13).
Gli eletti sono i discepoli che sono stati “provati” dalla tentazione, sono
passati “attraverso la grande tribolazione”, e che “hanno perseverato sino alla
fine” (Mc 13,13).
Così la tentazione è paragonata al vaglio:
“Simone, Simone, ecco che Satana ha ottenuto di vagliavi come il grano”
(Lc 22,31).
Vediamo che questa richiesta della preghiera del Signore si aggancia direttamente
al desiderio dell’attuarsi definitivo del Regno:
38
“La nostra domanda s’inserisce interamente nell’aspirazione di desiderio
per la venuta del regno, che fa di essa una preghiera piena di fiducia nella
vittoria” (H. Schurmann).
L’ARMA DEL CRISTIANO
Quale l’arma affidata da Gesù al discepolo contro l’insidia di questa tentazione?
E’ la preghiera:
“Vegliate e pregate per non entrare in tentazione (Mc 14,38).
Si chiede di neppure entrare e non solo di non cadere nella tentazione!
La preghiera incessante manifesta la nostra fiducia nella fedeltà incrollabile
del Padre che non lascia il proprio figlio soccombere alla prova (“Ti basta la
mia grazia” si sente dire Paolo 2Cor 12,7-9). La tentazione diviene pericolo
quando si tralascia la preghiera. La prova sarà “troppo forte” soltanto se, venendo
meno la preghiera, non otteniamo quell’aiuto che Dio ha predisposto
ottenessimo tramite essa.
“La tentazione c’è: il cristiano deve sapere che c’è e pregare di non cadere
in una situazione fatale per la sua vocazione di figlio di Dio. Il discepolo
di Gesù, il povero sempre minacciato da colui che è “forte”, deve domandare
a Dio ogni giorno, dome, domanda il pane, la forza per non essere travolto
nella prova, la forza per restare fedele alla sua vocazione di figlio di Dio; la
domanda per sé e per gli altri, che possono essere tentati come lui” (M. Ledrus).
Afferma il Catechismo:
“Il combattimento e la vittoria sono possibili solo nella preghiera. E’ per
mezzo della sua preghiera che Gesù è vittorioso sul tentatore fin dall’inizio e
nell’ultimo combattimento della sua agonia. Ed è al suo combattimento e alla
sua agonia che Cristo ci unisce in questa domanda al Padre nostro. La vigilanza
del cuore, in unione alla sua, è richiamata insistentemente. La vigilanza
è “custodia del cuore” e Gesù chiede al Padre di custodirci nel suo Nome.
Lo Spirito Santo opera per suscitare in noi, senza posa, questa vigilanza”
(n. 2849).
La nostra vigilanza è in vista della “lotta contro un nemico insidioso,
non “contro carne e sangue, ma contro i principati e le potestà, contro le insidie
del diavolo” (Ef 6,11-12), il quale non mira ad altro che a renderci disattenti,
a tenerci addormentati per farci perdere la speranza e farci cadere nei
gorghi di morte. Chi può lusingarsi di non esserne avviluppato” (M. Ledrus)
MA LIBERACI DAL MALE
“Dio vide tutto ciò che aveva fatto: ed era molto buono” (Gn 1,31).
39
Nonostante quest’affermazione posta nella prima pagina della Scrittura
Gesù ci fa invocare, per l’affrettarsi del Regno, al Padre la liberazione dal
male: “
Liberaci dal male!”
E’ nell’esperienza comune dell’uomo d’ogni tempo una suddivisione della
realtà in cose buone e cattive. To’b – agathos è tutto ciò che è buono e bello,
ciò che sentiamo piacevole. Al contrario ra’ – poneròs – kakòs è ciò che
è portatore di sofferenza, dolore, e soprattutto morte.
UNA DIVERSITA’ DI RISPOSTE ALLO STESSO PROBLEMA
Di fronte al problema del male che ogni giorno, attraverso l’esperienza
personale e i mas-smedia, l’uomo si trova ad affrontare egli avverte un certo
imbarazzo: se da un lato n’è affascinato per la prospettiva dell’indipendenza,
dell’autonomia, del potere dall’altro se ne sente la minaccia e il sapore di
morte. Di fronte a tale ambivalenza è diverso il modo di posizionarsi di fronte
al problema del male. Una prima possibilità è che l’uomo mettendo a tacere
la propria coscienza, richiamo nostalgico della propria dignità e della
casa del padre, faccia volutamente la scelta del male come percorso di realizzazione
di sé. Un cammino che noi crediamo condurre al nulla, alla disperazione
e “dannazione”. Da un altro lato l’uomo può sentirsi schiacciato, impotente
di fronte ad un male esterno ed interno che lo coinvolge e spesso
travolge; da qui una passiva rassegnazione, un incrociare le braccia misconoscendo
le proprie responsabilità. Da un altro lato l’uomo può aggredire
colui o coloro che ritiene responsabili del male: può essere l’altro che mi
sta di fronte, oppure un gruppo, un popolo; e questa è una strada che ha risposto
al male con altro male. Oppure vi può essere un altro responsabile:
Dio. Il male è un difetto della sua creazione. Nel IV sec. A.c. Epicuro affermava:
“O Dio vuole sopprimere il male e non può e allora è impotente… Oppure
non vuole e non può, e allora è un “niente”… Oppure può sopprimere il male
e non vuole, e allora è malvagio… O infine, può e vuole, e allora dove è questo
Dio e da dove viene il male?”
UNA LETTURA DIVERSA
La risposta della Rivelazione biblica è diversa; essa ci parla di un ”mistero
dell’iniquità” e in quanto tale ci rimanda ad una spiegazione che va al
di là dei nostri ragionamenti e deduzioni. La Scrittura ci presenta la realtà
tragica dell’uomo: creato nella libertà per il bene e in un mondo buono egli
ha scelto una strada diversa: fin dall’origine ha scelto il male. Ha cercato il
bene nelle creature al di fuori della volontà di Dio, ha preteso di ergersi a dio
lui stesso, nel diritto e capacità di decidere autonomamente del bene e del
male. E’ questa in fin dei conti l’essenza del peccato. La conseguenza, subito
sperimentata già dai progenitori, è stata un frutto di sofferenza e di
morte (cfr. Gn 3,16-19). Una conseguenza scaturita dal fatto che liberamente
staccatosi dalla fonte della vita l’uomo si è ritrovato immediatamente solo
e diviso. Questa scelta ha fatto sì che il male potesse entrare, come in una
40
breccia ormai insanabile, nel mondo e qui proliferare. L’umanità diviene talmente
cattiva da “far pentire” Dio d’averla creata (Gn 6,5). L’uomo non ha più
saputo arginare il male. L’uomo sperimenta duramente che ormai “il mondo
intero è in potere del maligno” (1Gv 5,19). Per ogni singolo uomo, per tutta
l’umanità, si spalanca la voragine dell’esperienza della lacerazione, di una
schiavitù dalla quale non ci si riesce ad affrancare…
Il poeta Ovidio, contemporaneo di s. Paolo, scriveva:
“Vedo il bene e lo approvo, ma seguo poi le cose peggiori” (Metamorfosi,
7), e ancora il filosofo Seneca che in una sua lettera dice: “Perché mai, caro
Lucillo, mentre tendiamo a una meta siamo tirati in una direzione opposta e
spinti là donde vorremmo fuggire? Qual è mai la forza che è in continuo contrasto
col nostro animo e non ci lascia voler niente con fermezza?… Nessuno
da solo è abbastanza forte per liberarsene: è necessario che qualcuno gli dia
una mano, che qualcuno lo tragga fuori” (Ep. 52).
UNA DRAMMATICA SITUAZIONE
“C’è in me il desiderio del bene, ma non la capacità di attuarlo” (Rm
7,18).
E’ una frase lapidaria tratta dall’epistolario di Paolo; essa non riguarda
solo l’esperienza dell’apostolo ma quella di tutti noi. Si tratta di una situazione
di cui prendiamo coscienza innumerevoli volte lungo l’arco, non dico
della vita, ma di una sola giornata. Questa lacerazione insanabile, questa
drammatica impotenza invoca liberazione e guarigione: Chi mi libererà? Paolo
arriva perciò ad affermare che ormai nell’uomo vi è una legge contraria a
quella dello Spirito. L’apostolo la definisce la “legge della carne”. Si tratta di
un dinamismo sfrenato d’amor proprio, di desideri, di concupiscenze. A questo
l’uomo è attratto e asservito. Si giunge ad una concezione profonda della
realtà del peccato. Esso non consiste solo in qualche violazione o trasgressione
della Legge, è qualcosa di ben più grave. E’ realtà che incatena come
una ragnatela tutti e tutto (anche il creato):
“Non c’è un giusto, neanche uno!” (Rm 3,10); “Non c’è sulla terra un
giusto che faccia solo il bene e non pecchi” (Qo 7,20).
La Legge non fa altro che portare l’uomo a prendere consapevolezza di
questa malizia e lontananza da Dio e dell’impossibilità da se stessi di liberarsi
da tale tragica situazione. In un certo senso essa acutizza l’angoscia di
un’umanità incapace di “scegliere e di fare” il bene: Nelle mie membra vedo
un’altra legge, che muove guerra alla legge della mia mente e mi rende
schiavo della legge del peccato che è nelle mie membra (Rm 7,23).
UN GRIDO CHE INVOCA LIBERAZIONE
Ecco allora il grido di Paolo:
“Oh me infelice! Chi mi libererà da questo corpo di morte?” (Rm 7,24).
41
Infatti:
“la resistenza della natura è cosa sconcertante. Sappiamo tutti che la
peccaminosità, cioè la ricerca selvaggia, animale della propria soddisfazione
e affermazione, è per eccellenza ciò che ci rende infelici. La peccaminosità è
quindi alla coscienza dell’uomo una cosa intollerabile, un entrare in un inferno;
per questo essa provoca la ricerca sfrontata di anestetici psichici, di divertimenti
e compensazioni. “ (A. Ledrus)
Questa liberazione invocata ha trovato finalmente risposta nella misericordia
di Dio:
“Siano rese grazie a Dio mediante Gesù Cristo Signore nostro” (Rm
7,25); “Siano rese grazie a Dio, che ci dà la vittoria mediante il Signore nostro
Gesù Cristo” (1Cor 15,57).
Non si tratta di una liberazione raggiunta mediante la padronanza di sé
in una ricerca di autocontrollo come dicevano gli stoici, non propone la via
della morte come soluzione di un dramma insolubile (come per Platone), non
rimanda solo ad un futuro escatologico in cui finalmente l’uomo sarà liberato
(come nel giudaismo). Questa liberazione si è già verificata, è già stata introdotta
nella storia, una “nuova creazione” è già in atto. All’uomo è stato
dato un “cuore nuovo” capace di rispondere alle esigenze della nuova alleanza.
Tale liberazione trova in Cristo Gesù morto e risorto la sua rivelazione
ed attuazione. Il credente innestato in Cristo mediante la fede e i sacramenti
partecipa già della sua liberazione e della sua vittoria. Il Battesimo è il nostro
essere rigenerati alla vita nuova di figli non più schiavi del male. La
Confermazione è la forza dello Spirito che ci rende capaci della lotta contro
il potere di Satana. L’Eucaristia è il nostro essere innestati in Cristo vincitore
della morte e del peccato, ovvero di ogni male. Il suo corpo e sangue ne sono
segno e pegno. Nel sangue di Gesù si è manifestata la grazia del Padre
che ha sottratto l’uomo alla signoria schiavizzante del Male. Vorrei accennare
pure al sacramento della Penitenza come luogo privilegiato in cui il credente
sperimenta la vittoria di Cristo sul suo male e sul suo peccato, luogo di misericordia
e di festa in cui è dato al credente di credere nella forza della misericordia
del Padre più grande d’ogni male. Niente ormai può nuovamente
incatenare il credente, strapparlo “all’amore di Dio che si è manifestato in
Cristo Gesù Signore nostro” (Rm 8,39): è in lui la radice della nostra libertà.
“Non c’è più dunque nessuna condanna per coloro che sono in Cristo Gesù.
Infatti la legge dello Spirito che dà vita in Cristo Gesù ti ha liberato dalla
legge del peccato e della morte” (Rm 8,1-2).
LA LIBERAZIONE COME DONO
La liberazione dal male non è dunque frutto dei nostri sforzi, essa è
un dono posto in noi, un dono da chiedere incessantemente affinché la vittoria
di Cristo sia rinnovata continuamente in noi: “Liberaci dal male”. Tale liberazione
è frutto di grazia immeritata: “mentre eravamo ancora peccatori”
42
(Rm 5,8). Questo non toglie che essa non domandi una nostra collaborazione
all’opera della grazia: “la domanda a Dio di liberazione dal male diviene
sincera quando noi stessi ci impegniamo nella mortificazione e nella positiva
abnegazione delle soddisfazioni con cui nutriamo la nostra esistenza, e nella
rottura di quei condizionamenti interiori ed esteriori che, alla luce della parola
di dio, riconosciamo come peccaminosi: forze di palese o mascherata
schiavitù” (A. Ledrus) Il male da cui chiediamo di essere liberati è anzitutto
dentro di noi. Chiedere di essere liberati dal male significa chiedere di essere
liberati da tutto ciò che in noi si frappone all’opera di liberazione che il
Padre per Cristo ha per noi predisposto.
Lutero diceva:
Qui credit in Christum evacuatur a seipso – Chi crede in Cristo deve
svuotarsi di se stesso.
Significherà ancora coraggio di coinvolgersi in una lotta contro il male
non solo presente dentro ciascuno di noi ma anche fuori di noi: quel male
che si rivela in strutture di ingiustizia, di sopraffazione, di violenza… quante
volte il grido della Chiesa si è alzato contro il male presente nel mondo, un
grido coraggioso che ha comportato spesso il sangue di tanti martiri. Chiedere
una liberazione dal male per che cosa? Per qual fine? Non si tratta solo di
eliminare qualcosa, una macchia o una sporcizia; è qualcosa di molto di più!
Domandiamo una presenza che garantisca la liberazione ottenuta e sia essa
stessa la novità ottenuta: è Gesù questa novità. Ormai l’uomo, trasformato
dalla grazia, può “fare il bene” (cfr. Gal 6,9s); può “fare opere buone” (cfr.
Mt 5,16). In forza delle promesse battesimali il cristiano ha rotto definitivamente
con l’opzione di Adamo. Ma attenzione! Essere liberati dal male non
significa non sentire più l’impulso del male, la sua attrattiva, la possibilità di
compierlo.
Non perché si sperimenta questo significa che la nostra adesione a Cristo
sia inutile. Il credente invece si pone alla luce di Cristo, sapendo che in
lui il peccato è già stato sconfitto da Cristo. Siamo ormai irrevocabilmente
votati alla sua signoria. E’ una richiesta possibile anche al credente che sperimenta
in sé la fragilità e la disposizione di innumerevoli cadute. Egli può ripetere
le parole della Preghiera del Signore in tutta verità, nella certezza che
Dio gli rimane sempre propizio, che il suo essere peccatore è oggetto delle
premure della grazia. E’ certo che il Padre “non vuole la morte del peccatore
ma che si converta e viva”.
LIBERACI DAL MALIGNO
L’ultima domanda del Padre nostro la ritroviamo anche nella preghiera
stessa di Gesù per i suoi discepoli:
“Non chiedo che tu li tolga dal mondo, ma che li custodisca dal Maligno”
(Gv 17,15).
Ci vogliamo inserire in questa preghiera che si fa solidale con tutta
l’umanità bisognosa di liberazione. Il termine poneròs con cui si definisce il
43
“male” è equivoco: grammaticalmente può essere inteso sia al genere neutro
come a quello maschile. Il “mistero di iniquità” nella rivelazione non viene inteso
solo come una semplice assenza di bene; esso è una forza, un’entità
personale, che asservisce l’uomo e corrompe il mondo.
Il catechismo della Chiesa Cattolica afferma:
Il Male non è un’astrazione, indica invece una persona: Satana, il Maligno,
l’angelo che si oppone a Dio. Il “diavolo” (“dia-bolos” colui che “si getta
di traverso”) è colui che “vuole ostacolare” il Disegno di Dio e la sua “opera
di salvezza” compiuta da Cristo. (n. 2851).
Dio non l’ha creato, ma ora che è apparso, essa gli si oppone. Ha iniziato
una guerra incessante che durerà quanto la storia. Si avventa “contro la
Donna”, ma non la può ghermire.
“Allora si infuria contro la Donna” e se ne va “a far guerra contro il resto
della sua discendenza” (Ap 12,17).
“E’ per questo che lo Spirito e la Chiesa pregano: Vieni, Signore Gesù”
(Ap 22,17.20): la sua venuta infatti ci libererà dal maligno” (CCC 253).
Teniamo tuttavia ben ferma la certezza che se il demonio regna nel
mondo lo fa solo per mezzo della malizia umana. Nella misura in cui la malizia
viene ammessa e prevale nel nostro cuore si cade sotto l’influenza dominatrice
di Satana:
“Il Male non è infatti tanto forte da potersi opporre alla potenza del signore,
ma ha potuto nascere in virtù della disobbedienza ai comandamenti”
(Gregorio di Nissa, Il fine cristiano).
L’entrare nel regno include una violenza, una volontà risoluta nel voler
collaborare con la grazia al fine di vincere tali tendenze-passioni (Mt 11,12:
Dal tempo di Giovanni il Battista fino ad ora il regno dei cieli è oggetto di
violenza, e i violenti vogliono impadronirsene). E’ questo il grande capitolo
che la teologia spirituale riserva all’ascesi, indispensabile componente di ogni
cammino che voglia dirsi autenticamente spirituale.
“Le nostre affezioni disordinate, i nostri favoreggiamenti allo spirito laico
e borghese, i compromessi con ogni forma di potere sono le catene delle
quali il maligno tiene uno degli estremi per ritardarci, farci indietreggiare,
vacillare e cadere sul cammino della salvezza. Rotti questi legami, Satana
non ha più potere su di noi” (A. Ledrus).
Paolo inviterà i cristiani di Efeso:
“Rivestite l’armatura di Dio onde poter resistere alle insidie del diavolo.
La nostra lotta non è con avversari di sangue e carne ma contro i principati e
le Potestà, contro i dominatori di questo mondo di tenebra, contro gli spiriti
del male” (Ef 6,11-12).
44
Da qui il dovere di una vigilanza incessante:
“Siate sobri, vigilate, il vostro nemico il diavolo, come leone ruggente si
aggira, cercando chi divorare. Resistetegli saldi nella fede” (1Pt).
In questo combattimento contro il male è necessario rinsaldare la virtù
della speranza, che vinca ogni nostro scoraggiamento quando sperimentiamo
la nostra debolezza e sconfitta. Occorre sempre ravvivare la speranza
nella vittoria di Cristo a cui già partecipiamo in virtù della fede e del battesimo.
E’ Cristo vincitore che alla sua comunità e ad ogni discepolo ripete ancora
oggi: Ecco che io vi ho dato il potere di calpestare serpenti e scorpioni
e ogni potenza del nemico, e niente vi nocerà (Lc 10,19).
Scrive sant’Ambrogio nel suo trattato De Sacramentis:
“Il signore che ha cancellato il vostro peccato e ha perdonato le vostre
colpe, è in grado di proteggervi e di custodirvi contro le insidie del diavolo
che è il vostro avversario, perché il nemico, che suole generare la colpa, non
vi sorprenda. Ma chi si affida a dio, non teme il diavolo: “Se infatti Dio è con
noi chi sarà contro di noi?” (Rm 8,31)” (5,30).
Siamo discesi con quest’ultima domanda nel profondo della nostra povertà,
l’abisso del male in cui rischiamo di rimanere avvinghiati. Il Padre nostro
ci ha fatto ripercorrere tutti i grandi temi della fede, ora si conclude qui,
con un’invocazione al Padre affinché doni ai suoi figli la pace, la vita, la
gioia, l’allontanamento da tutto ciò che si può frapporre tra noi e Lui.
In quest’ultima domanda la Chiesa porta davanti al Padre tutta la miseria
del mondo. Insieme con la liberazione dai mali che schiacciano l’umanità,
la Chiesa implora il dono prezioso della pace e la grazia dell’attesa perseverante
del ritorno di Cristo. Pregando così, anticipa nell’umiltà della fede la ricapitolazione
di tutti e di tutto in colui che ha “potere sopra la Morte e sopra
gli Inferi” (Ap 1,18), “colui che è, che era e che viene, l’Onnipotente” (Ap
1,8) (CCC 2854).
PADRE ONNIPOTENTE
Per te chi è Dio?
Sicuramente a questa domanda possono presentarsi molte risposte, forse,
più facilmente, molti silenzi ed interrogativi. Se da un lato il pensiero di
Dio attira, affascina, da un altro esso suscita un’infinità d’atteggiamenti emozionali
e talvolta contraddittori. N’è prova una certa rinascita del sentimento
religioso ai nostri giorni. Al di fuori della rivelazione biblica ed
evangelica gli uomini hanno tentato diversi approcci al mistero del Dio
Trascendente dandogli diversi volti e nomi. Ne sono prova la varietà di
religioni che hanno visto il loro nascere lungo i secoli in tutte le parti del
mondo.
45
Paolo nell’Areopago di Atene, vedendo la varietà dei templi e degli altari
esistenti sull’Acropoli di Atene, non perde l’occasione per annunciare il vangelo:
“Cittadini di Atene, vedo che siete in tutto molto timorati degli dèi. Passando,
infatti, e osservando i monumenti del vostro culto, ho trovato anche
un altare con l’iscrizione: al Dio ignoto. Quello che voi adorate senza conoscere,
io ve lo annunzio” (At 17,22-23).
Paolo non disprezza questa ricerca “a tentoni” da parte dell’uomo naturale;
è un inizio, un preannuncio, una disponibilità a ricevere il dono della rivelazione.
Certo egli afferma che, a causa del peccato, questa ricerca è destinata
a girare a vuoto ed ad imboccare molte vie errate. Per passare dal
Dio Ignoto al Dio unico e vero occorre che egli si riveli, mostri il suo volto irraggiungibile.
E noi crediamo che Gesù abbia rivelato pienamente questo volto.
“CREDO IN DIO PADRE ONNIPOTENTE”
Al concetto di Dio onnipotente l’uomo naturale era giunto, ma dandole
tonalità che facevano riferimento al suo concetto di potenza: quindi caratterizzata
da un potere indiscriminato, imprevedibile, capace di incutere rispetto
e paura... un’onnipotenza, in fin dei conti, poco simpatica. Ma nel simbolo
apostolico noi affermiamo che Dio è Padre onnipotente! La parola Padre
frapposta a Dio e ad Onnipotente ci abbaglia e ci sconcerta, perché queste
due parole (Dio e Onnipotente) alla luce della paternità cambiano totalmente
prospettiva.
HA RIVELATO IL SUO NOME
La rivelazione del nome di Padre è stata progressiva, e si è manifestata
lungo la storia attraverso gli interventi di salvezza che JHWH ha compiuto
per il suo popolo. Si tratta di ben quaranta secoli!
Abramo ode una voce:
“Vattene da l tuo paese, dalla tua patria... verso il paese che io
t’indicherò (Gn 12,1).
E’ la voce di El: il Dio onnipotente, misterioso ed invisibile, eppur vicinissimo
ad Abramo, tale da accompagnarlo nel suo cammino: proprio come
un padre farebbe con suo figlioletto.
Una seconda tappa sarà la rivelazione del nome fatta a Mosè. JHWH lo
chiama dal roveto ardente:
“Io sono il Dio di tuo padre, il Dio di Abramo, il Dio di Isacco, il Dio di
Giacobbe... Ho osservato la miseria del mio popolo in Egitto e ho udito il suo
grido a causa dei suoi sorveglianti... Sono sceso a liberarlo... Ora va’!”
Ma Mosè chiede esplicitamente il nome a Dio:
46
“Ecco io arrivo dagli israeliti e dico loro: il dio dei vostri padri mi ha
mandato a voi. Ma mi diranno: Come si chiama? E io che cosa risponderò loro?”
Ed è così che Dio rivela il suo nome: “
Io sono colui – che - sono... Dirai agli israeliti: Io-Sono mi ha mandato
a voi... Questi è il mio nome per sempre; questo è il titolo con cui sarò ricordato
di generazione in generazione” (cfr. Es 3).
Si tratta di un evento straordinario, perché Dio rivelando il suo nome lascia
che l’uomo entri in una relazione intima con lui, gli attribuisce un potere
su di lui, come se gli dicesse: “Mi chiamo così e così, ormai sai come mi chiamo,
puoi dunque chiamarmi, non hai che da chiamarmi, ora sai il mio nome”.
Dare un nome implica qualcosa che va al di là di una semplice definizione.
Dare un nome significa esercitare un dominio. Il nome implica sempre un
rapporto, l’altro non è più uno sconosciuto tra tanti altri. Se Dio dice il suo
nome e chiama per nome è per porsi in dialogo, dandosi in un rapporto
d’amicizia e d’alleanza. Da questo momento Dio non è più uno sconosciuto
misterioso. Il nome rivelato a Mosè non è una definizione ontologica. Si tratta
di un nome proprio, di un nome che rivela la sua presenza (Io – sono -
qui), è un nome che indica fedeltà. Passano secoli e appare un Rabbi nella
Galilea. Egli proclama di se stesso:
“Se non credete che Io-Sono, morirete nei vostri peccati... Quando avrete
innalzato il figlio dell’uomo, allora saprete che Io-Sono” (Gv 8,24.28).
Gesù si presenta come nuovo roveto ardente che rivela non più solo il
nome ma anche il volto di Dio: Dio incarnato Dio con noi. Al termine della
sua missione Gesù in pienezza potrà dire: Padre, ho fatto conoscere il tuo
nome agli uomini (Gv 17,6). Al culmine della rivelazione, il Signore Gesù si
presenta come il rivelatore del nome/volto vero e vivo di Dio. Sentiamo Giovanni
esclamare con giubilo nel prologo: Dio nessuno lo ha mai visto: proprio
il Figlio unigenito, che è nel seno del Padre, lui lo ha rivelato.
IL PADRE GUARDATO CON SOSPETTO
Ma le affermazioni congiunte di “Dio” e “Padre” sollevano tante questioni.
Sembra, infatti, assurdo assommare la divinità onnipotente con la paternità
divina. L’onnipotenza sembra escludere la paternità. A meno che non ci
si rifaccia ad una simbolica di padre-padrone. Ancora più la difficoltà aumenta
pensando che la simbolica del padre oggi non è così scontata. Ai contemporanei
suona quanto meno ambigua se non irritante. Purtroppo o per fortuna
il linguaggio non indica sempre realtà univoche, spesso risulta addirittura mistificante.
Alcuni filosofi hanno così denunciato il linguaggio religioso come il
più soggetto a questo rischio. Per questi filosofi affermare “Dio Padre” equivale
ad affermare solo un fantasma a servizio di una data stratificazione sociale
(Marx), oppure a fomentare un risentimento camuffato da parte dei de47
boli (Nietzcshe), o ancora è frutto di un inconscio che si vorrebbe imbrigliare
perché pericoloso (Freud)., infine potrebbe rappresentare solo un insieme di
simboli sociali convenzionali (Althusser). Le parole nascondono dunque solo
dei tranelli? Pensiamo di no, esse sono indicatrici, rivelatrici di una realtà da
esse solo indicata. L’uso che la rivelazione fa del linguaggio umano è legittimo,
poiché è la sola possibilità di parlare di Dio almeno per analogia. Per le
nuove generazioni, la parola Padre appare una provocazione bella e buona.
Sazie di paternalismo si sono ripiegate su una forma di “parricidio”: ovvero
su un rifiuto d’ogni “paternità” al fine di rivendicare la propria autonomia, libertà,
indipendenza. Il padre è morto, dunque… Dio Padre è morto. Ma ciascuno
di noi si porta dentro, voglia o non voglia, nel profondo,
quest’archetipo, che stando alla psicologia del profondo è tra i fondamentali
della psiche umana. N’è prova il fatto che ciascuno sente la propria esperienza
di figlio come fondamentale nel proprio cammino vitale. Mi ha colpito la
vicenda raccontata in TV di un uomo ormai anziano che ha speso tutta la sua
vita, le sue energie, nella disperata ricerca della propria madre poiché abbandonato
da piccolo e adottato. A ben sedici anni abbandonò improvvisamente
la propria famiglia adottiva per mettersi alla ricerca della propria origine,
a più di sessanta non desisteva ancora da questa ricerca che diceva essere
l’”unico scopo della sua vita”. Ma una cosa importante è constatare che
Dio quando si rivela come padre, non si richiama alla nostra esperienza di
figli; non dice: “Ricordatevi di vostro padre e di vostra madre: io sono come
loro. Rimanda al contrario all’esperienza adulta dell’essere padre o madre nei
confronti dei figli” (cfr. Is 49,15; Os 11,1-4; Lc 11,11-13).
La simbologia del padre applicata a Dio rimanda dunque non
all’esperienza di figli, ma a quella dei genitori amorosi, alla loro tenerezza.
Balzac in un suo romanzo dice:
“Io ho veramente compreso ciò che poteva significare essere Dio, solo
quando sono diventato padre”.
L’essere padre o madre significa sentirsi immagine di Dio Padre.
E a Dio compete l’originaria paternità di ogni cosa creata, sulla quale si
struttura ogni paternità e maternità.
Nessuno è padre quanto Dio:
“Non chiamate nessuno “padre” sulla terra, perché uno solo è il Padre
vostro, quello dei cieli” (Mt 23,9).
PADRE DI TUTTI E DI CIASCUNO
Tutta la scrittura ci parla di un Dio che si rivela paterno nei confronti del
suo popolo. Lungo la storia del popolo di Israele JHWH non si perde in chiacchiere
e dichiarazioni, cosa tipica dei “paternalisti”. Egli è l’”Io – Sono -qui”
che si manifesta attraverso avvenimenti concreti della storia, ed è per que48
sto che solo successivamente è colto da Israele come Dio che agisce ed è
presente:
“Non è lui il padre che ti ha creato, che ti ha fatto e che ti ha costituito?...
Hai dimenticato il Dio che ti ha creato!” (Dt 32,6.18).
“Io sono il Signore tuo Dio che ti tengo per la mano destra e ti dico: non
temere, io ti vengo in aiuto. Non temere, vermiciattolo di Giacobbe, larva
d’Israele, io vengo in tuo aiuto - oracolo del Signore - tuo redentore è il Santo
d’Israele” (Is 41,12-14).
Pur nella sua storia tormentata e costellata di tradimenti, Israele sa di
poter contare sempre sulla fedeltà – amore - paternità del suo Dio:
“Dove sono il fremito della tua tenerezza e la tua misericordia? Non sforzarti
all’insensibilità, perché tu sei il nostro padre... Tu Signore, sei nostro
padre, da sempre ti chiami nostro redentore” (Is 63,15-16).
E Dio sempre si lascerà muovere a compassione, come una tenera madre
verso il suo piccolo:
“Non è forse Efraim un figlio caro per me, un mio fanciullo prediletto?
Infatti, dopo averlo minacciato, me ne ricordo sempre più vivamente. Per
questo le mie viscere si commuovono per lui, provo per lui profonda tenerezza.
Oracolo del Signore” (Gr 31,20).
Questa paternità di Dio che inizialmente è rivolta esclusivamente alla
dimensione d’Israele come popolo, nella rivelazione cristiana viene ad assumere
pure il connotato di una relazione anche personale intima di ciascuno
con Dio. Così si è sono portati a scoprire che il Padre che è nei cieli, conosce
ciascuno per nome, siamo suoi figli, contiamo per lui:
“Poi disse ai suoi discepoli: per questo io vi dico: non datevi pensiero
per la vostra vita, di quello che mangerete, né per il vostro corpo, come lo
vestirete. La vita vale più del cibo e il corpo più del vestito. Guardate i corvi:
non seminano e non mietono, non hanno ripostiglio né granaio, eppure Dio li
nutre. Quanto voi valete più degli uccelli” (Lc 12,22-24; cfr. Mt 10,29-31).
Il figlio è preservato dall’ansia e dall’affanno per le cose:
“Di tutte queste cose si preoccupano i pagani. Il Padre vostro celeste
sa, infatti, che n’avete bisogno... Non affannatevi dunque per il domani, perché
il domani avrà già le sue inquietudini. A ciascun giorno basta la sua pena”
(Mt 6,32-34).
Questa rivelazione della paternità di Dio prima verso il popolo, poi per
ciascuno porta il credente ad estendere la consapevolezza della paternità di
Dio a tutti, nessuno è escluso perché Dio tratta tutti come figli, ama tutti
dello stesso amore e con lo stesso cuore di Padre:
49
“Per questo, Amate i vostri nemici e pregate per i vostri persecutori,
perché siate figli del vostro Padre celeste che fa sorgere il suo sole sopra i
malvagi e sopra i buoni, e fa piovere sopra i giusti e sopra gli ingiusti... Siate
dunque perfetti come è perfetto il Padre vostro celeste” (Mt5,44-47).
Egli è Padre di tutti i popoli, di tutti gli uomini; è Padre d’ogni uomo,
qualunque sia la sua razza, la sua religione, e il suo... peccato. E’ questa la
rivelazione del vangelo.
PADRE ONNIPOTENTE
Ora come conciliare la paternità premurosa di Dio per ciascuno e la sua
maestosa onnipotenza di fronte alla quale ci sentiamo quasi annientati e
lontani? Questa onnipotenza, dicevamo, spaventa un pò’! Nella Scrittura essa
è espressa in immagini temibili: “Dio delle moltitudini”, “Dio delle potenze”,
Dio delle schiere”...Egli è il Dio “Sabaoth” sovrano di tutto e di tutti. Potenza
assoluta - amore assoluto sono inconciliabili? Distanza assoluta - prossimità
assoluta, l’essere assoluto e l’essere fattosi limitato e legato all’uomo sono
irrimediabilmente concetti escludentesi a vicenda? Questa inconciliabilità
trova uno sbocco sconcertante solo nella seconda parte del Credo: Credo in
Gesù Cristo, suo figlio unigenito... L’incarnazione ha rivelato contemporaneamente
il volto della paternità di Dio e la sua onnipotenza: un Dio che vagisce
in una stalla, agonizzante su una croce...
“In questo si è manifestato l’amore di Dio per noi: Dio ha mandato il
suo unigenito Figlio nel mondo perché noi avessimo la vita per lui. In questo
sta l’amore: non siamo stati noi ad amare Dio, ma è lui che ha amato noi e
ha mandato il suo Figlio come vittima di espiazione per i nostri peccati” (1Gv
4,8-10).
Siamo così costretti a rivedere radicalmente tutte le nostre immagini di
potenza e di sovranità. La potenza di Dio è l’esattamente contrario della potenza
intesa umanamente. La potenza suprema di Dio è il poter
completamente rinunciare alla potenza: è onnipotenza d’amore.
Scrive F. Varillon:
“Quando usciamo dalla sfera propria dell’amore e, lavorando di fantasia
introduciamo in Dio elementi estranei all’amore, quando pensiamo che
l’amore è qualcosa in Dio o un aspetto di Dio e non Dio stesso, allora ci costruiamo
un idolo. Siffatta idolatria alligna nel cuore dei cristiani sotto la
parvenza della fede, quando appunto la fede non è abbastanza forte e pura
per criticare i concetti e le immagini che si moltiplicano alla sua ombra”.
Gli attributi di Dio per quanto belli e numerosi non costituiscono la natura
di Dio. Questa è amore, nient’altro. I nostri attributi n’esprimo sono delle
qualità.
Un esempio. Tu hai una casa al mare: è nuova, bianca, grande, luminosa...
Quello che possiedi al mare non è il biancore, la grandezza, la luminosità.
Tu hai una casa e nient’altro ed essa è bianca, grande, luminosa. Questi
sono solo attributi della casa. Ora l’amore non è attributo di Dio, ma tutti gli
50
attributi di Dio sono gli attributi dell’amore. Quanto allora dobbiamo purificare
le nostre immagini di Dio! L’amore di Dio Padre per noi, per me, è antecedente,
gratuito, senza ragione, senza condizioni. I genitori amano il figlio
che deve arrivare prima ancora di vederne il volto, di saperne il sesso, il carattere,
il colore dei capelli e degli occhi... (e quanto purtroppo sperimentiamo
come il nostro amore umano rischia sempre di porre condizioni e ragioni!).
L’amore del Padre dei cieli non presuppone nulla da parte mia, non
ho nessun valore da presentargli prima, non aspetta che io lo ami o che io
sia amabile.
Scrive ancora Varillon:
“L’amante dice all’amata: “Tu sei la mia gioia”, il che significa: “Senza
di te sono povero di gioia, infelice”. Oppure: “Tu sei tutto per me”, il che significa:
“Senza di te non ho nulla, sono niente”. Amare vuol dire esistere
mediante l’altro e per l’altro... Colui che ama di più, pertanto, è anche il più
povero”.
L’infinitamente amante - Dio è infinitamente povero. Mendicante
d’amore! Anche l’amore dei fidanzati, degli sposi, non è mai completamente
gratuito, perché è reciprocità. La gratuità totale ed eterna dell’amore è
l’onnipotenza di Dio, del suo amore di Padre. Povertà, spinta all’infinito,
dei genitori di un figlio ingrato che non cessano d’amare... Quest’amore gratuito
corre il rischio del rifiuto, della dimenticanza, del tradimento. D’altronde
un’onnipotenza che piegasse l’uomo al proprio volere non esiste, negherebbe
all’uomo il dono della libertà di figlio (cfr. la parabola: “Un uomo aveva due
figli” Lc 15). Dio corre il rischio della libertà dell’uomo.
Sartre diceva:
“Se l’uomo è libero Dio non esiste”.
Il Dio “Onnipotente” alla maniera umana non esiste. Esiste un Padre onnipotente,
onnipotente nel suo amore.
CONOSCERE IL PADRE
Gesù è mediatore della conoscenza del Padre:
“Nessuno conosce il Padre se non il Figlio e colui al quale il Figlio lo voglia
rivelare” (Mt 11,27).
Ma che cosa significa conoscere il Padre? Per la natura umana comune e
condivisa da tutti noi possediamo una base di conoscenza reciproca che ci
permette una comunicazione d’esperienze, ma nello stesso tempo ciascuno è
unico ed irrepetibile il che fa sì che ciascuno sia portato ad uscire da sé, per
andare incontro all’altro. Talvolta poi una terza persona ci pone in contatto
con qualcosa di diverso, ovvero m’introduce in una sua conoscenza, mi aiuta
51
ad esempio a stringere nuovi legami. Questa persona appare allora come
mediatore. Partendo da queste considerazioni ci domandiamo allora: ma è
possibile a noi creature umane conoscere Dio come persona? Noi non abbiamo
la sua natura, tra lui e noi è posta una distanza abissale. Come possiamo
dire di conoscere il Padre? Una conoscenza di Dio “naturale” mi porta tuttalpiù
a prendere coscienza di un’entità superiore e metafisica. E’ una conoscenza
filosofica, dottrinale. E’ un po’ come il “Dio ignoto” da cui Paolo ad
Atene prenderà lo spunto per annunciare Cristo e il Padre (cfr At 17,23).
L’unica possibilità che rimane è dunque una rivelazione. La Scrittura ci dice
che l’uomo è immagine di Dio, fatto a sua somiglianza. Questo allora mi fa
capire che tutto ciò che è autenticamente umano mi può portare a Dio, condurre
a lui, ad una certa conoscenza di lui. Ma questa stessa rivelazione non
si limita a questo, perché sappiamo che la natura umana non è più così trasparente
da portarci immediatamente all’immagine di Dio. Dio stesso compie
un passo qualitativamente diverso, prende l’iniziativa di farsi conoscere incarnandosi,
facendosi prossimo all’uomo stesso. San Giovanni nel suo vangelo
presenterà Gesù come rivelatore, “esegesi” del Padre.
Nella “preghiera sacerdotale” Gesù dice:
“Questa è la vita eterna: che conoscano te, l’unico vero Dio, e colui che
hai mandato, Gesù Cristo”.
Ancora è lo stesso Gesù che dopo la sua morte e risurrezione fa dono alla
sua comunità del suo Spirito. Nell’uomo è infusa questa presenza divinizzante
che ci rende capaci di sintonizzarci e di conoscere il Padre all’interno di
una relazione d’amore e d’alleanza. Chiedere nella preghiera, insistentemente,
di possedere tale conoscenza è vitale per noi: è possedere la vita eterna.
CONOSCERE GESÙ è CONOSCERE IL PADRE
“Eppure io non vengo da me e chi mi ha mandato è veritiero. Voi non lo
conoscete; io però lo conosco, perché vengo da lui ed egli mi ha mandato”.
(Gv 7,29(
Nell’accostare la persona di Gesù non dobbiamo fermarci al Gesù storico
nell’illusione così di poterlo già conoscere. La vita terrena di Gesù è certo ricchissima
in questo senso ma è insufficiente. Conoscere gesù implica accostarsi
al suo mistero di Figlio eternamente generato da Padre, di inviato dal
Padre, di rivelatore del Padre. AI Giudei, Gesù ripeterà che essi non conoscono
il Padre perché non riconoscono il Figlio. Chi conosce il Padre è solo Gesù,
perché Dio nessuno l’ha mai visto (Gv 1), e lui è venuto in questo mondo per
comunicarci questa conoscenza. Quindi conoscere superficialmente Gesù significa
conoscere superficialmente il Padre.
“ Rispose gesù: Voi non conoscete né me né il Padre; se conosceste
me, conoscereste anche il Padre mio”. (Gv 8,19).
52
Ne scaturisce il dato di fatto fondamentale che per il discepolo è essenziale
la familiarità col Vangelo al fine di poter contemplare il mistero del Padre:
“Nessuno conosce il Padre se non il Figlio e colui al quale il Figlio lo voglia
rivelare”.
Allora potremmo interrogarci se quando invochiamo “Dio nostro”, “Dio
mio”, lo invochiamo e riconosciamo realmente come il Padre di Gesù e Padre
nostro. Oppure se in noi esiste ancora una spaccatura tra Gesù e un Dio ancora
generico e misconosciuto. La vera adorazione da tributare al Signore Gesù
è quella di riconoscerlo come inviato del Padre, come immagine perfetta
del Dio invisibile.
IO E IL PADRE SIAMO UNA COSA SOLA
Un testo importante appartiene al “discorso di addio” pronunciato da gesù
nell’ultima cena. Gesù risponde agli interventi di Tommaso e di Filippo:
“Non sia turbato il vostro cuore.
Abbiate fede in Dio e abbiate fede anche in me.
Nella casa del Padre mio vi sono molti posti; se no, ve l’avrei detto.
Io vado a prepararvi un posto.
Quando sarò andato e vi avrò preparato un posto,
ritornerò e vi prenderò con me,
perché siate anche voi dove sono io.
Già conoscete la via per andare dove sono vado?
Gli disse Tommaso: Signore, non sappiamo dove vai e come possiamo
conoscere la via?
Gli disse Gesù: Io sono la via, la verità e la vita:
nessuno viene al Padre se non per mezzo di me” (Gv 14,1-6)
Gesù si presenta come via che conduce al Padre, il che supera di molto
la nube e il fuoco che guidavano il popolo ebreo nel deserto. Gesù è la vita
che egli eternamente riceve dal Padre, da lui posseduta in pienezza e a noi
comunicata. Gesù è verità non solo perché porta agli uomini un insegnamento
vero, ma perché lui stesso è piena verità del Padre.
Viene poi l’intervento di Filippo:
“Se conoscete me, conoscerete anche il Padre.
Fin da ora lo conoscete e lo avete veduto.
Gli dice Filippo:
Signore mostraci il Padre e ci basta.
Gesù gli risponde:
Da tanto tempo sono con voi
e tu non mi hai conosciuto, Filippo?
Chi ha visto me ha visto il Padre.
Come puoi dire: Mostraci il Padre?
Non credi che io sono nel Padre e il Padre è in me.
53
Le parole che io vi dico, non le dico da me;
ma il Padre che è in me compie le sue opere” (Gv 14,7-10).
Contemplando attraverso il Vangelo la vita di Gesù, noi percepiamo come
in filigrana la presenza e l’azione del Padre. Nell’antico testamento Dio
parla nel tuono e nel fulmine,è avvolto da nubi oscure: non si può vedere il
volto di Dio. Quando Mosè rivolgerà a JHWH la preghiera: “Mostrami la tua
gloria”. Il Signore gli risponde:
” Non potrai vedere il mio volto, perché nessuno uomo può vedermi e restare
vivo” (Es 33,18-20).
Nell’ultima cena Filippo ripete la preghiera audace di Mosè, e qui riceve
una risposta affermativa: in Gesù Maestro e Signore egli può contemplare il
volto del Padre. Ci domandiamo: noi che quotidianamente leggiamo e meditiamo
le pagine del Vangelo, accompagnando gesù nel suo cammino possiamo
dire di conoscerlo veramente? Riusciamo a vedere in lui il volto del Padre.
Certo non vediamo il volto terreno di Gesù, tuttavia la stessa esperienza degli
apostoli è possibile tramite gli occhi della fede. Tanta esperienza mistica
lungo i secoli testimonia in modo impressionante questa possibilità. Ricordiamo
che questo è possibile poiché esiste un’unità inscindibile perfetta eterna
tra il Figlio e il Padre, con lo Spirito sono una “cosa sola” (Gv 10,30).
E quest’unità tramite il Figlio si apre per accoglierci.
IL RUOLO DELLO SPIRITO
Nella rivelazione del Padre anche lo Spirito ha un suo ruolo:
“Io pregherò il Padre che vi manderà un altro Consolatore perché rimanga
con voi per sempre... ma il Consolatore, lo Spirito Santo che il Padre
manderà nel mio nome egli v’insegnerà tutto e vi ricorderà tutto ciò che io vi
ho detto” (Gv 14,15ss).
Lo Spirito sarà mandato anche dal Padre per riguardo al Figlio, o quando
gli uomini lo chiederanno invocando il Figlio. Abbiamo qui un forte riferimento
trinitario. Il Figlio manda lo Spirito da parte del Padre; il compito dello Spirito
è di rendere testimonianza al Figlio. Lo Spirito accuserà il mondo di peccato e
ristabilirà la giustizia e sarà pronunciata la sentenza di condanna del “principe
di questo mondo”. E anche i discepoli, mossi dallo Spirito, sono inviati a
rendere testimonianza a Gesù in quanto inviato dal Padre. Tutta la missione
apostolica sta sotto il segno dello Spirito. Questo è lo Spirito che Gesù continua
a mandare sulla Chiesa e sul mondo
RITORNARE AL PADRE
Sintesi della lettera pastorale del Card. C.M. Martini
1. I CAMMINI DELL’INQUIETUDINE PERSONALE: MI ALZERO’ E
ANDRÒ DA MIO PADRE (Lc 15,18)
54
Vi sono tanti modi per rifiutare il Padre e il cammino di ritorno a lui. Il
più comune, anche se meno appariscente perché nascosto nelle nostre profondità
è il rifiuto della morte. Un pensiero che viene allontanato anche se è
la realtà più certa della nostra esistenza. Essa incombe sulla nostra vita, incombe
nella forma di domanda: che ne sarà di me dopo la morte? Se bisogna
morire che senso ha vivere? Dove vanno le mie fatiche, le mie speranze, le
mie gioie, i miei dolori? La morte: essa si presenta come “una sentinella che
fa guardia al mistero. E’ come la roccia dura che c’impedisce di affondare nella
superficialità”. Essa costringe a chi s’interroga a cercare una meta per la
quale valga la spesa vivere. Non meraviglia che l’uomo quando si pone dinanzi
a questi interrogativi, e spesso se li pone solo in momenti drammatici
della propria vita, si senta in un certo senso sul fondo della vita stessa. Si
accorge che in quel punto la vita stessa chiede una risposta. Un po’ la situazione
del figlio prodigo che si ritrova a toccare il fondo, ma che proprio grazia
a questa situazione è capace di far memoria della casa del padre abbandonato.
L’esperienza della miseria gli consente di guardare in faccia la via della
morte che sta percorrendo e di ribellarsi ad essa. Nella solitudine delle domande
ultime si aprono solo due strade: l’angoscia e la disperazione del nulla
o il presentimento, la nostalgia di un Altro che “possa accoglierci e farci
sentire amati, al di là di tutto e nonostante tutto”. Il Padre rappresenta
l’immagine di qualcuno a cui ci si possa affidare senza riserve, una roccia alla
quale ancorare saldamente la nostra vita. Perché allora tanti rifiutano questo
riferimento ad un Padre che darebbe sicurezza e ragione alla nostra vita? La
psicologia ricorda come la figura del genitore rappresenta pure l’avversario da
combattere, da cui emanciparsi, per rivendicare la libertà alla propria vita e
alle proprie scelte. La sua “uccisione” rappresenta l’affermazione di noi stessi
e del nostro destino, per fare in fin dei conti ciò che ci piace fare. Una cattiva
esperienza compito nel seno della famiglia in questo senso rischia di oscurare
l’immagine paterna di Dio, così pure si potrebbe dire di ogni altra forma di
rapporto che risponde ad una dinamica di “paternità”. Lo scrittore Franz Kafka
nella sua Lettera al padre (1919) scrive: “La sensazione di nullità che spesso
mi domina ha origine in gran parte dalla tua influenza... Io potevo gustare
quanto tu ci davi solo a prezzo di vergogna, fatica, debolezza e senso di colpa.
Insomma potevo esserti riconoscente come lo è un mendicante, non con i
fatti. Il primo risultato visibile di quest’educazione fu quello di farmi rifuggire
tutto quanto, sia pur alla lontana, mi ricordasse di te”. Ma quando parliamo
di ritorno alla casa del Padre cosa intendiamo? No di certo una regressione e
dipendenza infantile, uno scaricare la propria responsabilità. Il Padre di gesù
Cristo ci chiama alla libertà vera, corresponsabile, creatrice con lui. Questo
padre non è un’aspirazione, un sospiro interiore: è una persona che c’è stata
rivelata, a cui possiamo appoggiarci come a roccia che non crolla, come ad un
cuore che sappiamo palpitare d’amore per noi.
2.I CAMMINI INQUIETI DI UN’EPOCA: IL SECOLARISMO E LA
SOCIETA’ SENZA PADRI
Questo rifiuto del padre si è operato in modo concomitante anche a
livello culturale caratterizzato da un progressivo secolarismo. L’illuminismo
ha introdotto il concetto d’età di ragione, un mondo ormai adulto, padrone di
sé e del proprio destino ormai governabile dalle sicure leggi della scienza.
55
Quest’ambizione lentamente è andata sgretolandosi. Essa ha dato origine alle
grandi ideologie in cui erano presenti subdoli sostituti del padre a cui ancorare
la sicurezza della vita e del futuro: il capo carismatico, il ruolo del partito,
la scienza e il progresso... La morte di Dio era considerata condizione
essenziale per il futuro felice dell’umanità. Ma quest’ideologia ha prodotto in
mezzo ad innegabili conquiste soprattutto frutti di morte: lo dimostrano i
genocidi, i campi di concentramento, la solitudine, la massificazione, la distruzione
della natura, la sperequazione economica fra i popoli... La società
senza Padre non ha riunito l’umanità, l’ha al contrario frantumata in miriadi
di solitudini. L’uomo di oggi è indifferente, incapace di passione per la verità
e di grandi speranze. Si è chiuso in un corto orizzonte legato al proprio interesse
o a quello del gruppo. La frammentazione ha preso il posto dei grandi
sistemi totalitari. La fine della società senza padri non ha dunque equivalso
ad un ritorno alla casa del padre come forse alcuni speravano. Anzi: si è fatto
largo l’atteggiamento del relativismo come abbandono delle certezze ideologiche,
l’indifferenza ai valori, una vita spesa alla ricorsa frenetica
dell’effimero. In questo contesto la situazione di allontanamento dal padre si
è ulteriormente aggravata: “il padre non è più figura di un avversario da
combattere o di un despota da cui liberarsi, ma è figura priva di ogni interesse
o attrattiva. Ignorare il padre è in fondo più tragico che combatterlo per
emanciparsi da lui. Crollarono le grandi ideologie facendo nascere un pensiero
debole che riconosce il fallimento di quelle vecchie pretese. Il pensiero
debole non nega Dio, poiché non sente il bisogno di farlo. Esso svuota di significato
e di attrattiva il trascendente. Al massimo si può convivere con lui
come uno delle tante cose o “ornamenti”. Esso non segna per nulla
l’esistenza. In fin dei conti il figlio maggiore viveva sì nella casa del Padre,
ma, di fatto, lo ignorava. Guardando a questa realtà saremmo tentati di applicarla
agli altri, a quelli di fuori. Si tratta invece di prendere atto che questi
rigurgiti esistono anche in noi. Li sperimentiamo anche in noi stessi, non
sentiremo i lontani come fuori di noi, ma li riterremo compagni di cammino,
in questa nostra storia. Lo Spirito di gesù continua a gridare in noi, in ciascuno:
Abbà! Padre! Si tratta di far sì che impariamo ed aiutiamo gli altri ad
imparare a riconoscere in noi questo grido.
3. LA VITA COME PELLEGRINAGGIO VERSO IL PADRE
Da quanto accennato comprendiamo come all’uomo in fin dei conti non si
aprano che due possibili vie. Da un lato, l’uomo chiuso in se stesso in una
proteica pretesa d’essere padrone di sé e del proprio destino, intento a conseguire
i corti orizzonti dei propri progetti: il risultato è solitudine, scontentezza,
non senso. Dall’altro un uomo che si pone in ricerca di un orizzonte
più grande che gli è dato come promessa da un Altro, un Padre che ci corre
incontro e ci chiama. Per il credente vi è dunque l’invito a porsi come un pellegrino
in cammino, un ritorno alla casa del Padre nella certezza che non si
vive per la morte ma per la vita, che il nostro porto è legato ad un Padre che
dona la vita. E’ un Padre che ci costringe a ripartire continuamente, che ci
pone in cammino insieme ai nostri fratelli, non lascia che ci ripieghiamo sulle
nostre tristezze e solitudini.
56
iPrendiamo nota che la forte critica che l’ebraismo rivolge al cristianesimo sta proprio
in questo. Come potete dire che è giunto il Messia quanto le profezie legate alla sua
venuta prevedono l’instaurarsi definitivo del Regno di Dio? (Cf Is 11,6-9; 2,4; Ez
36,25-35) Nulla è cambiato nel mondo. Permangono violenze, ingiustizie, soprusi, malattie
morte. Cosa rispondereste?
iiInteressante notare come si presenteranno due correnti di riflessione teologica
all’interno del giudaismo.
Una prima penserà che il regno consisterà in una restaurazione della dinastia davidica.
Anche all’interno del NT alcuni discepoli si presentano con quest’attesa (cf Mc
10,37). Una seconda, più spiritualista, penserà il regno di Dio come un ordine radicalmente
nuovo, non solo annientamento dei nemici di Israele ma addirittura dello
stesso male.